logo san paolo
mercoledì 13 novembre 2019
 
GXXIII
 

Il discorso della luna, lo scoop nato per caso

26/04/2014  Parla Claudio Speranza, giornalista, cameraman della Rai. «Dal punto di vista tecnico non avevo molte alternative.Inquadrare i fedeli che erano in piazza, al buio, non era possibile. Così, decisi di riprendere la luna». Dopo pochi secondi Roncalli: cominciò a parlare.

È forse il discorso papale più celebre e popolare di sempre. Eppure, nacque da due “improvvisazioni": quella del protagonista, papa Roncalli e quella di Claudio Speranza, oggi 77 anni, all’epoca giovane cameraman della Rai. Giovanni XXIII pronunciò tutto a braccio il “discorso della luna”. Era la sera dell’11ottobre 1962. Stava finendo una fiaccolata organizzata dall’Azione cattolica. Non era previsto nessun intervento. Ma alla fine il Papa decise di affacciarsi alla finestra,davanti alla piazza gremita di fedeli.

«Ho seguito Montini e Wojtyla, ho fatto il reporter di guerra, dal Vietnam all’Afghanistan, ma l’emozione che ho provato quella sera mi è rimasta addosso per sempre». Il motivo? «Io e i miei colleghi avevamo una grossa responsabilità», racconta, «dovevamo trasmettere in mondovisione. Era la prima volta che accadeva, un evento storico anche per la Rai. In mattinata c'era stata l'apertura del concilio Vaticano II e gli occhi di tutti erano puntati su San Pietro».

In regia c’era grande trepidazione. Ad un certo punto Speranza ha un'intuizione: «Dal punto di vista tecnico non avevo molte alternative», afferma, «inquadrare i fedeli che erano in piazza, al buio, non era possibile. Così, decisi di puntare in alto e riprendere la luna». Dopo pochi secondi da quell’inquadratura, ecco le parole di Roncalli: «Si direbbe che persino la luna si è affrettata, stasera – osservatela in alto! – a guardare a questo spettacolo». Una sincronia perfetta. «Sentii i tecnici della regia esplodere in un boato di gioia. Il bello è che fu tutto improvvisato».

I vostri commenti
3
scrivi

Stai visualizzando  dei 3 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
    Edicola San Paolo
    Collection precedente Collection successiva
    FAMIGLIA CRISTIANA
    € 104,00 € 92,90 - 11%
    MARIA CON TE
    € 52,00 € 39,90 - 23%
    CUCITO CREATIVO
    € 64,90 € 43,80 - 33%
    CREDERE
    € 88,40 € 52,80 - 40%
    FELTRO CREATIVO
    € 22,00 € 0,00 - 18%
    BENESSERE
    € 34,80 € 29,90 - 14%
    AMEN, LA PAROLA CHE SALVA
    € 46,80 € 38,90 - 17%
    IL GIORNALINO
    € 117,30 € 91,90 - 22%
    JESUS
    € 70,80 € 60,80 - 14%
    GBABY
    € 34,80 € 28,80 - 17%
    GBABY
    € 69,60 € 49,80 - 28%