logo san paolo
sabato 22 febbraio 2020
 
 

"Altro che Veneto indipendente!"

27/03/2014  La Chiesa veneta, tramite i nove settimanali diocesani, boccia il referendum sull'autodeterminazione: "Il disegno venetista è sbagliato. Avanti col federalismo".

Quello indipendentista è un progetto sbagliato, antistorico e impraticabile. Il disegno venetista non appare né credibile, né percorribile. Oggi più che mai, mentre il “miracolo del Nordest” ci appare già malinconicamente alle spalle, dobbiamo avere la consapevolezza che l'attuale crisi può essere vinta e superata solo se si è tutti uniti. L'Italia ha bisogno del Veneto e dell'Europa e il Veneto dell'Italia e dell'Europa”.    

    La chiesa veneta,  per bocca dei suoi nove settimanali  diocesani che escono con un editoriale comune intitolato “Siamo Veneti, dunque italiani”, boccia solennemente l’iniziativa del  movimento indipendentista di Gianluca Busato, che nei giorni scorsi ha organizzato un referendum  in rete per chiedere ai veneti  l’autodeterminazione, con il conseguente distacco dall’Italia. 

Il giudizio dei  direttori dei giornali  cattolici  prescinde dal numero, peraltro assai  contestato, di  quanti avrebbero davvero preso parte al voto: i promotori sostengono di aver raggiunto addirittura i due milioni di votanti, praticamente un veneto su due; ma c’è, invece, chi afferma che a votare non siano stati oltre centomila cittadini. Ma “al di là dei numeri (sulla cui attendibilità non si può non dubitare) è necessario valutare il segnale e il merito stesso della proposta indipendentista”, si osserva nell’editoriale: “L'esito di questo referendum-sondaggio non va sottovalutato. Si aggiunge ai tanti indicatori di un malessere diffuso anche in Veneto. Si tratta di un disagio amplificato da una crisi economica che non trova soluzioni immediate, da uno Stato centrale che appare, a molti, sempre più lontano, da una politica che fatica a riguadagnare la china della credibilità.
E così si affaccia all'orizzonte "la questione veneta" dopo che per più di vent'anni ha tenuto banco la questione settentrionale senza, peraltro, ottenere nulla di significativo. Il voto venetista s'inquadra in un contesto europeo dove spira un vento freddo nei confronti degli stati nazionali e gelido nei confronti dell'Europa”. 

Ma, sottolineano i direttori,  se è vero che “gli scandali di questi ultimi anni, sull'uso di denaro pubblico che da Nord a Sud hanno attraversato molti Consigli Regionali e non solo, hanno evidenziato il fallimento delle Regioni proprio di fronte alla prova di una rinnovata e maggiore responsabilità”, la via d’uscita non può davvero consistere in una scelta nostatalgica e velleitarista  di un impossibile ritorno alla Repubblica Serenissima. 

Il futuro dell'Italia passa – prosegue l’editoriale congiunto -  per una compiuta riforma federalista, che sappia valorizzare ogni livello istituzionale secondo quel principio di sussidiarietà che tanti, a parole, evocano ma che è rimasto fin qui sostanzialmente ignorato nei fatti. Per vent'anni la politica ha saputo partorire solo riforme parziali o grossolane, dal titolo V alla “devolution”, mentre i problemi si acuivano. È tempo di una svolta sostanziale. Ma per tutto questo serve una politica davvero vicina alla gente, che metta al centro la ricerca del Bene comune, il rispetto della legalità, l'efficienza della macchina pubblica”.   

   Così ,mentre il movimento di Busato, anzi l’autoproclamata Repubblica  Federale veneta  nomina  il tribunale e stabilisce “l’esenzione totale dalle tasse”, la Chiesa veneta rilancia convintamente la via federalista, da tanti invocata, ma da nessuno perseguita nei fatti. Concludono i direttori: “Con le Elezioni Europee alle porte dobbiamo decidere se innalzare muri o se rafforzare i ponti pericolanti che esistono e magari farne qualche altro... Altro che Veneto indipendente!!”.

I vostri commenti
11
scrivi

Stai visualizzando  dei 11 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo
    Collection precedente Collection successiva
    FAMIGLIA CRISTIANA
    € 104,00 € 92,90 - 11%
    CREDERE
    € 88,40 € 0,00 - 35%
    MARIA CON TE
    € 52,00 € 39,90 - 23%
    CUCITO CREATIVO
    € 64,90 € 43,80 - 33%
    FELTRO CREATIVO
    € 23,60 € 18,00 - 24%
    AMEN, LA PAROLA CHE SALVA
    € 46,80 € 38,90 - 17%
    IL GIORNALINO
    € 117,30 € 91,90 - 22%
    BENESSERE
    € 34,80 € 29,90 - 14%
    JESUS
    € 70,80 € 60,80 - 14%
    GBABY
    € 34,80 € 28,80 - 17%
    GBABY
    € 69,60 € 49,80 - 28%