logo san paolo
lunedì 17 dicembre 2018
 
Alzheimer in Lab
 

Ecco cosa si prova ad ammalarsi di Alzheimer

08/05/2018  Al via "Alzheimer in Lab", un percorso sensoriale dedicato a coloro che vogliono sperimentare in prima persona le sofferenze di chi è affetto da una delle più diffuse forme di demenza. E' il primo laboratorio d'Italia sulla malattia. Partirà il 10 maggio a Brescia.

Verrà presentato il 10 maggio alla Residenza Vittoria di Korian Italia Alzheimer in Lab, il primo laboratorio itinerante che offrirà un percorso multisensoriale a tutti coloro che vogliono vivere in prima persona la realtà attraverso gli occhi delle persone affette dalla malattia. 

Nato da un'intuizione di Ivo Cilesi,(Consulente terapie non farmacologiche di Korian Italia) e sviluppato grazie a Marco Trabucchi del Gruppo di ricerca geriatrica di Brescia, il viaggio interattivo si svilupperà attraverso diversi spazi, ideati e allestiti per consentire ai visitatori di sperimentare tutte le alterazioni sensoriali indotte dalla malattia di Alzheimer (allucinazioni visive, suoni destrutturanti, arredi “normali”, ma non idonei all’adeguata percezione dei malati, effetti correttivi degli arredi terapeutici).

«Questo laboratorio itinerante, unico nel suo genere, è un’iniziativa che mira a riaccendere i riflettori sull’importanza della ricerca e della prevenzione della malattia ed è destinata ad avere un forte impatto nell’informazione e sensibilizzazione dell’opinione pubblica», spiega Mariuccia Rossini (Amministratore Delegato e Presidente di Korian Italia).

Un percorso “ad hoc” per un coinvolgimento immersivo

Durante il percorso i visitatori verranno coinvolti da esperienze emozionali, sensoriali e didattico-educative di forte impatto, che li porteranno a riflettere sulla realtà percepita dalla persona affetta da Alzheimer. Nella stanza proiezione, ad esempio, il visitatore verrà accolto da una voce narrante che racconterà, attraverso una lettera a una persona cara, la preoccupazione di un malato al quale è appena stata diagnosticato l’Alzheimer. E ancora: nella stanza dei suoni, in un ambiente completamente buio, verranno diffuse voci che esprimeranno lo stato confusionale e il disorientamento del malato di Alzheimer, ponendo, ad esempio, domande quali: “dove sono”, “chi sei”, “chi è allo specchio”.

Infine, la mostra comprenderà anche un’area dedicata all’approfondimento dei temi trattati, che coinvolgerà i visitatori in modo immersivo grazie al cortometraggio del regista Marco Calvise dal titoloNon temere”, un titolo che esprime le condizioni di chi è colpito dalla demenza, ma riceve il supporto adeguato per lenire le sue sofferenze.

Il mondo attraverso gli occhi dei malati

Il laboratorio si sviluppa attraverso alcune stanze - una camera da letto, una living room e un bagno - tutte caratterizzate da accorgimenti tecnici e terapeutici espressamente ideati per rendere ogni ambiente più adatto e accogliente per il malato. Colori, arredi, suoni e luci sono stati concepiti per favorire la percezione corretta degli spazi e mitigare le distorsioni sensoriali che accompagnano la malattia.

Dagli arredi comuni a quelli terapeutici: come cambia la visione della realtà…

La particolarità del viaggio sta nella possibilità per i visitatori di vedere le stanze rappresentate sia con arredi comuni, che con arredi terapeutici: l’obiettivo del laboratorio è quello, cioè, di far capire come, con piccoli accorgimenti all’interno delle mura domestiche, si possa migliorare la qualità di vita del malato.  In questa sezione della mostra, dedicata all’esposizione di complementi di arredo e oggetti di interesse per il malato con le apposite didascalie, il visitatore verrà accompagnato da un’audioguida, che lo guiderà verso la comprensione profonda delle motivazioni terapeutiche che hanno dettato le scelte di mobili e arredo.

 

Un laboratorio “esportabile”

L’esposizione nasce con il preciso obiettivo di essere esportabile e replicabile sia nelle altre residenze del Gruppo Korian presenti in tutta Italia, sia in altri ambiti quali fiere, scuole e altri eventi. Gli arredi terapeutici, omaggio di Paolo Prampolini, Amministratore Delegato di HCH, l’azienda che ha dato un importante contributo anche agli allestimenti,  sono stati definiti sotto la supervisione di Ivo Cilesi per Korian Italia.

La campagna “Spezza l’indifferenza”

Il progetto “Alzheimer in Lab” si inserisce nella più ampia strategia di Korian Italia per promuovere la corretta informazione e sensibilizzazione sulla malattia. Per maggiori informazioni è possibile consultare il sito dedicato alla campagna “Spezza l’indifferenza”:

www.spezzalindifferenza.it

Multimedia
La lettera: un corto per capire il dolore dei malati di Alzheimer
Correlati
I vostri commenti
2
scrivi

Stai visualizzando  dei 2 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo