logo san paolo
giovedì 22 ottobre 2020
 
dossier
 

"Bella ciao"? Era una canzone d'amore...

24/04/2020  L'origine di questo canto popolare è incerta. Un tempo lo si cantava a scuola, dagli scout o in montagna senza alcuna connotazione politica ma rievocando la nostra Storia. Oggi è divisivo e spesso genera polemiche senza senso.

Cosa è successo a "Bella ciao", una delle più celebri canzoni del nostro folklore. Conosciuta a memoria da tutti gli italiani, evocatrice della nostra Storia e della liberazione?

Chi scrive ricorda che in pieni anni '70 la insegnavano le maestre a scuola insieme ad altre canzoni "regionali" (Romagna mia) o storiche ("La leggenda del Piave"). La si cantava con i nonni durante le passeggiate in montagna. Oppure la si urlava accompagnata dalla chitarra con i capi scout dell'Agesci intorno al fuoco di bivacco. Parole bellissime e struggenti che parlano di patria, libertà, amore e coraggio. Tutti valori che dovrebbero unire e non dividere.

Ma ultimamente intonarla sembra avere tutto un altro significato. Alla festa di fine anno in una scuola elementare milanese, già qualche anno fa, alcuni genitori, con legittime idee di destra, chiesero inspiegabilmente di non farla cantare ai loro bambini per la festa di fine anno. La stessa cosa è accaduta quest'anno a Roma per la giornata della memoria, "Non è politicamente corretta" hanno sottolineato mamme e papà poco tolleranti. Michele Santoro, d'altra parte, nel 2002 la cantò, solo, stonato, senza accompagnamento musicale e con un esagerato struggimento in una puntata di Sciuscià, per protestare contro Berlusconi e difendere la libertà di stampa. Sorprendente, la scena della seguitissima e recente serie Tv Netflix La casa di carta, in cui i rapinatori, “amici del popolo”, la cantano in italiano (la produzione è spagnola) in segno della loro rivolta al sistema. Ed è di ieri la notizia di un gruppo di sindacalisti della Cgil che hanno accolto il neo Ministro degli Interni Matteo Salvini, salito a Fiumicino sul loro stesso  minibus. La sua reazione? Un sorriso e un "siete dei boy scout" (forse perché anche lui ha fatto il lupetto e l'ha cantata tante volte intorno al fuoco?).

Una canzone nota e amata anche oltre confine… Hanno suonato il tema di “Bella Ciao” durante le proteste degli indignados di Occupy Wall Street nel 2011, dopo un discorso alle presidenziali di  François Hollande  nel 2012, o per le manifestazioni anti Erdogan. E l’hanno cantata ai funerali di don Gallo a Genova e a quelli delle vittime di Charlie Hebdo.

Bella ciao ha origini misteriose e incerte. Nasce come canzone d'amore, secondo quanto racconta la cantautrice Giovanna Marini, e solo in un secondo momento è diventata un simbolo della resistenza partigiana durante la Seconda guerra mondiale. Ma c’è chi parla di un canto delle mondine, chi di un canto infantile diffuso nel Nord Italia e persino di una ballata francese del '500…  Forse nessuno può dire con certezza chi sia, in origine, l’"invasore" della canzone ma certo è invece il tema di fondo, cioè  l’importanza di difendere la libertà, un valore che non dovrebbe avere nessun colore e appartenenza politica.   

Multimedia
Gli scout che dissero no al fascismo
Correlati
Gli scout che dissero no al fascismo
Correlati
La Liberazione negli album di famiglia, specchio della memoria
Correlati
I vostri commenti
13
scrivi

Stai visualizzando  dei 13 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo
    Collection precedente Collection successiva
    FAMIGLIA CRISTIANA
    € 104,00 € 0,00 - 11%
    CREDERE
    € 88,40 € 0,00 - 35%
    MARIA CON TE
    € 52,00 € 39,90 - 23%
    CUCITO CREATIVO
    € 64,90 € 43,80 - 33%
    FELTRO CREATIVO
    € 23,60 € 18,00 - 24%
    AMEN, LA PAROLA CHE SALVA
    € 46,80 € 38,90 - 17%
    IL GIORNALINO
    € 117,30 € 91,90 - 22%
    BENESSERE
    € 34,80 € 29,90 - 14%
    JESUS
    € 70,80 € 60,80 - 14%
    GBABY
    € 34,80 € 28,80 - 17%
    GBABY
    € 69,60 € 49,80 - 28%
    I LOVE ENGLISH JUNIOR
    € 69,00 € 49,90 - 28%
    PAROLA E PREGHIERA
    € 33,60 € 33,50
    VITA PASTORALE
    € 29,00
    GAZZETTA D'ALBA
    € 62,40 € 0,00 - 14%