logo san paolo
domenica 12 luglio 2020
 
 

L'Italia saccheggiata dalle tribù

06/04/2012  Anticipiamo il Primo Piano di Famiglia Cristiana n.16, in edicola e in parrocchia da giovedì 12 aprile

Umberto Bossi con l'ex tesoriere della Lega Belsito.
Umberto Bossi con l'ex tesoriere della Lega Belsito.

La democrazia ha costi necessari e inevitabili. Tra l’altro, la retribuzione delle cariche pubbliche (la cosiddetta “mistoforìa”) fu inventata due millenni e mezzo fa nell’Atene di Pericle, per evitare che a guidare il popolo fossero solo i ricchi e gli aristocratici. Ma un conto sono i costi della Repubblica, altro discorso sono gli insopportabili privilegi della casta politica. E, soprattutto, il baratro dilagante di corruzione e appropriazione indebita delle risorse pubbliche in cui siamo precipitati. Senza pudore e dignità.

Sui partiti (anche quelli che non esistono più) il Parlamento riversa un fiume di denari. Sui miseri stipendi di famiglie e pensionati si fa una specie di vergognosa “cresta”.  I grotteschi scandali legati all’ex tesoriere della Margherita Luigi Lusi, imputato di aver sottratto fondi per venti milioni di euro al suo ex partito, e le squallide vicende dell’omologo della Lega Francesco Belsito, fatta salva la presunzione di innocenza, hanno dell’incredibile. Se accertati, i partiti devono cambiare radicalmente. Hanno tradito la fiducia dei cittadini. Quella scarsissima fiducia che ancora sussiste.

È impressionante la disinvoltura con cui hanno attinto alle tasse degli italiani per usi privati: auto, ristoranti, viaggi, alberghi, ristrutturazioni di ville, appartamenti... I soldi dei finanziamenti ai partiti utilizzati come un bancomat da cui prelevare a piacimento per affari personali e di famiglia. Come un pozzo senza fondo. Senza mai contabilizzare nulla, come impone la legge. Senza alcuno scrupolo etico e morale.  I partiti fanno finta di cadere dal pero. Ma dov’erano? Negli episodi contestati, si scoprono veri e propri “buchi neri”, sordide satrapìe in cui i controllori sono anche i controllati. Tutto viene fatto scivolare nel silenzio. Nell’ingenuità di chi non ha visto e sentito nulla. In un clima di indifferenza, dietro la quale gli inquirenti valuteranno se si nascondono omertà e complicità.

I padri costituenti, in questo momento, si stanno rivoltando nella tomba. Loro pensavano di aver dato ai cittadini il «diritto di associarsi liberamente in partiti per concorrere con metodo democratico a determinare la politica nazionale» (art. 49 della Costituzione). Ci ritroviamo, invece, a fare i conti con scarsa trasparenza all’interno dei partiti. Dilaniati da logiche correntizie, deformati dal populismo padronale. O, addirittura, tribale.  Siamo a un limite non più tollerabile. In un Paese allo stremo, dove i pensionati si tolgono la vita perché gli viene decurtata la pensione. Se una Regione, poi, ricorda a un paziente affetto da grave tumore quanto costano le sue cure, bisognerebbe ricordare a politici e amministratori che i loro “grassi” stipendi e privilegi sono pagati dai cittadini.  La crisi che stiamo vivendo, prima ancora che economica è, soprattutto, etica. Che vuol dire accondiscendenza a illegalità e ladrocinio.

I vostri commenti
14
scrivi

Stai visualizzando  dei 14 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo
    Collection precedente Collection successiva
    FAMIGLIA CRISTIANA
    € 104,00 € 92,90 - 11%
    CREDERE
    € 88,40 € 0,00 - 35%
    MARIA CON TE
    € 52,00 € 39,90 - 23%
    CUCITO CREATIVO
    € 64,90 € 43,80 - 33%
    FELTRO CREATIVO
    € 23,60 € 18,00 - 24%
    AMEN, LA PAROLA CHE SALVA
    € 46,80 € 38,90 - 17%
    IL GIORNALINO
    € 117,30 € 91,90 - 22%
    BENESSERE
    € 34,80 € 29,90 - 14%
    JESUS
    € 70,80 € 60,80 - 14%
    GBABY
    € 34,80 € 28,80 - 17%
    GBABY
    € 69,60 € 49,80 - 28%