logo san paolo
domenica 29 marzo 2020
 
 

Botturi: attenti al sacro selvaggio

25/11/2012  Intervista con il docente di Filosofia morale: la post-secolarizzazione e un sentimento religioso ancora forte ma incline al "fai da te".

Il professor Francesco Botturi.
Il professor Francesco Botturi.

Qual è il rapporto tra religione, morale e società? E’ possibile un nuovo umanesimo europeo? E che ruolo può avere il pensiero cristiano? “Ogni ragionamento su questi temi deve fare i conti col fenomeno della secolarizzazione e la sua ultima evoluzione, perché unisce dal punto di vista socio-culturale religioni e società che sono intimamente coinvolte in tale processo”.


Ad affermarlo è Francesco Botturi, docente di Filosofia morale presso l’università cattolica del Sacro Cuore di Milano, uno dei relatori dell’incontro che s’è svolto a Venezia sul tema “Dialogo sull’umanesimo: la visione dell’uomo tra religione e società per l’Europa del futuro”, promosso dal Festival biblico e dal Salone europeo della cultura.

La premessa del docente, protagonista del simposio assieme al professor Christoph Wulf, docente di Antropologia e Filosofia dell’educazione presso la Freie Universitaet di Berlino, è che la religiosità oggi è un tema complesso e in evoluzione, come la concezione della laicità, e che deva considerare il dialogo tra religioni diverse. “Anzitutto, oggi, è più giusto parlare di società post-secolare", dice Botturi, "perché una serie di  dati ormai coincidenti indicano che la secolarizzazione non è più un processo militante, teorizzato e programmatico, come lo è stato negli ultimi  tre secoli. Tale mutamento coincide con una ripresa di forme di sacro anche selvagge, comunque nuove, e la persistenza di orientamenti valoriali che si riferiscono alla sfera religiosa”.

- Allude, in particolare, a qualche ricerca specifica?

“Sì, mi riferisco, ad esempio, alla Quarta indagine sui valori degli europei realizzata dalla European Values Study (Evs) e curata, per l’Italia, da Giancarlo Rovati. Essa manifesta nel nostro Paese un processo di post-secolarizzazione in corso”.

- Ma ciò non smentisce, a riguardo del mondo giovanile,  il modello, teorizzato da alcuni sociologi italiani, della cosiddetta generazione incredula ?

“Quest’ultima, infatti, è una tesi confutata da molti. Non si può parlare di incredulità se metà della popolazione ritiene che l’esperienza religiosa, in qualche forma, sia importante nell’esistenza. Il problema si pone poi, andando a vedere a cosa corrisponda questo interesse religioso. Qui ci si ritrova davanti a una frammentazione di risposte, molto soggettive, che arrivano anche a forme di religione fai da te”. 

- Chi ne esce male è la Chiesa come istituzione. E’ così?

“Sì, è l’eredità più pesante della secolarizzazione: che l’istituzione viene vista con sospetto e come qualcosa che non aiuta l’esperienza personale. Ma ciò non porta più con sé una forma di anticlericalismo. Non esiste più censura ideologica”.

- E invece cosa comporta?    

 “Una non-congruenza tra insegnamento del magistero e pratiche etiche dei singoli credenti. Ma la stima nei confronti della Chiesa per la sua azione sociale e presenza civile, come grande tradizione religiosa, è fondamentalmente intatta. E sorprese ci sono anche rispetto alla teorizzata crisi della famiglia come valore e al cosiddetto relativismo etico imperante”. 

 - Nel senso che non sarebbero dati così scontati?

“Proprio così. Anzitutto non esiste antifamilismo, casomai il contrario. E anche tra quel 35% di chi si definisce credente e che sposa posizioni teoriche relativiste, al contempo davanti a domande su questioni etiche specifiche, come ad esempio l’etica sessuale, sono sensibili a norme e principi. E poi c’è sempre, di fondo, un atteggiamento di ricerca e di autenticità”.

- Qual è in definitiva lo stato di salute del "religioso" nella nostra società?

“Possiamo dire che la presenza religiosa è ancora molto diffusa, non  intaccata più di tanto dall’aspetto polemico-ideologico, ma è molto frammentaria e scomposta, piena di contraddizioni che teoricamente non potrebbero coesistere nello stesso soggetto. E invece vi convivono. Ma questo fenomeno è proprio ciò che caratterizza l’epoca post-moderna. E in questa situazione dove è messa in crisi un’idea unitaria di uomo è difficile pensare a un nuovo umanesimo. La stessa religione, con tali caratteristiche, trova difficoltà a produrre una cultura. Lassismi o rigorismi in questo senso sono inefficaci. Bisogna ripartire, piegando il nostro sguardo sull’uomo di oggi, sulle sue contraddizioni ma anche sul suo desiderio genuino di ricerca”.  

I vostri commenti
0
scrivi
 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo
Collection precedente Collection successiva
FAMIGLIA CRISTIANA
€ 104,00 € 92,90 - 11%
CREDERE
€ 88,40 € 0,00 - 35%
MARIA CON TE
€ 52,00 € 39,90 - 23%
CUCITO CREATIVO
€ 64,90 € 43,80 - 33%
FELTRO CREATIVO
€ 23,60 € 18,00 - 24%
AMEN, LA PAROLA CHE SALVA
€ 46,80 € 38,90 - 17%
IL GIORNALINO
€ 117,30 € 91,90 - 22%
BENESSERE
€ 34,80 € 29,90 - 14%
JESUS
€ 70,80 € 60,80 - 14%
GBABY
€ 34,80 € 28,80 - 17%
GBABY
€ 69,60 € 49,80 - 28%