logo san paolo
martedì 12 novembre 2019
 
emergenza profughi
 

"La grande muraglia di Calais", così Londra respinge i migranti

08/09/2016  Il Governo britannico costruirà una barriera di cemento lungo l'ultimo tratto dell'autostrada che passa vicino alla "Giungla", il grande campo profughi nella cittadina francese, per bloccare i tentativi degli immigrati di attraversare la Manica a bordo dei camion di passaggio.

(Foto Reuters)

I media l'hanno ribattezzata "la grande muraglia di Calais". Sarà una barriera fatta di cemento, avrà un'altezza di quattro metri e correrà per un chilometro lungo entrambi i lati dell'ultimo tratto dell'autostrada chiamata "Rocade", che arriva fino all'imbarco dei traghetti diretti a Dover, in Gran Bretagna e dell'eurotunnel che attraversa il canale della Manica. Ad annunciare il nuovo progetto anti-immigrati del Governo di Londra è stato il neoministro britannico all'immigrazione Robert Goodwill. Il muro costerà alle finanze britanniche quasi due milioni di sterline, cifra che rientra in un piano anglo-francese di 17 milioni di sterline stanziato per finanziare misure di sicurezza anti-immigrati.

Lo scopo del muro: bloccare i migranti raccolti nella "Giungla", il più grande campo profughi d'Europa, che vogliono di raggiungere la Gran Bretagna. Attualmente nell'enorme accampamento, nato su una vecchia discarica in disuso, vivono tra i 7mila e i 10mila migranti di varie nazionalità, ammassati in baracche fatiscenti e tende, nel fango, in condizioni di totale precarietà e insicurezza, assistiti da vari gruppi e associazioni di volontariato. La scorsa primavera la parte meridionale del campo è stata sgombrata, ma i tentativi di limitare l'affollamento sono stati vani: durante l'estate i migranti sono tornati in massa a Calais.

Per buona parte di loro il sogno è il Regno Unito. 
Per cercare di attraversare illegalmente la Manica, assaltano e bloccano con vari espedienti i camion di passaggio lungo l'autostrada diretti al porto di Calais per salire a bordo, nascondersi, approfittando del buio delle ore notturne, e arrivare a Dover. La situazione è degenerata, creando forti tensioni: camionisti, agricoltori e commercianti locali, esasperati dagli atti di vandalismo lungo l'autostrada adiacente al campo, hanno organizzato una protesta - bloccando il porto di Calais e l'accesso al tunnel della Manica - per denunciare la mancanza di sicurezza e per chiedere la chiusura della "Giungla". 

I lavori di costruzione del muro cominceranno entro questo mese. Secondo il progetto, sarà "abbellito" da piante e fuori per diminuirne l'impatto visivo. Ma, di fatto, resta un muro. Una nuova barriera fisica eretta sul confine tra due Stati europei. Così, di fronte all'immane problema dell'immigrazione, la politica continua a nascondersi dietro l'illusoria scappatoia dei muri. Il nuovo progetto ha sollevato numerose critiche. "Un cattivo uso dei soldi dei contribuenti", lo ha definito Richard Burnett della Road Haulage Association, l'associazione degli autotrasportatori britannici. Aggiungendo che questo denaro "sarebbe stato speso meglio aumentando la sicurezza lungo le strade di accesso".

Decisamente critico è François Guennoc di Auberge des migrants, associazione di volontariato di Calais impegnata nell'aiuto ai migranti della "Giungla", che - come riporta il quotidiano britannico The Guardian - ha commentato: "Quando costruisci muri in qualunque luogo del mondo, le persone trovano le strade per aggirarli. E' uno spreco di denaro. Aumenteranno i pericoli per la gente, le tariffe dei trafficanti e passeurs saliranno e i migranti finiranno per accettare rischi maggiori".  

I vostri commenti
4
scrivi

Stai visualizzando  dei 4 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo
    Collection precedente Collection successiva
    FAMIGLIA CRISTIANA
    € 104,00 € 92,90 - 11%
    MARIA CON TE
    € 52,00 € 39,90 - 23%
    CUCITO CREATIVO
    € 64,90 € 43,80 - 33%
    CREDERE
    € 88,40 € 52,80 - 40%
    FELTRO CREATIVO
    € 22,00 € 0,00 - 18%
    BENESSERE
    € 34,80 € 29,90 - 14%
    AMEN, LA PAROLA CHE SALVA
    € 46,80 € 38,90 - 17%
    IL GIORNALINO
    € 117,30 € 91,90 - 22%
    JESUS
    € 70,80 € 60,80 - 14%
    GBABY
    € 34,80 € 28,80 - 17%
    GBABY
    € 69,60 € 49,80 - 28%