logo san paolo
lunedì 01 giugno 2020
 
 

Campanello nella Messa

14/10/2012 

In alcune chiese alla consacrazione si suona il campanello; in altre no. Vi è una norma od ognuno fa come vuole?

Antonio - Catanzaro

L’uso del campanello fu introdotto nella Messa nel XIII secolo per segnalare ai presenti il momento dell’ostensione del pane e del vino dopo la consacrazione. Infatti, con la Messa in latino era difficile per i fedeli seguirne i vari momenti. Tant’è che nel corso dei secoli si estese l’uso del campanello anche al Santo (inizio del canone romano), all’epiclesi, alla triplice invocazione «Signore, non sono degno...» prima della Comunione del sacerdote per segnalare la Comunione anche per i fedeli. Con il ripristino della lingua parlata e la conseguente partecipazione attiva, il campanello non ha più un’effettiva utilità se non in situazioni particolari, come le grandi assemblee, dove, purtroppo, la distrazione è facile. Per questo oggi le norme lasciano opportunamente l’uso del campanello all’intelligente discrezione di chi è responsabile delle celebrazioni (Messale Romano n. 150). Un uso del campanello semplicemente formale rischia di insinuare la convinzione che le altri parti della Messa non meritino molta attenzione.

Tag:
I vostri commenti
4
scrivi

Stai visualizzando  dei 4 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo
    Collection precedente Collection successiva
    FAMIGLIA CRISTIANA
    € 104,00 € 92,90 - 11%
    CREDERE
    € 88,40 € 0,00 - 35%
    MARIA CON TE
    € 52,00 € 39,90 - 23%
    CUCITO CREATIVO
    € 64,90 € 43,80 - 33%
    FELTRO CREATIVO
    € 23,60 € 18,00 - 24%
    AMEN, LA PAROLA CHE SALVA
    € 46,80 € 38,90 - 17%
    IL GIORNALINO
    € 117,30 € 91,90 - 22%
    BENESSERE
    € 34,80 € 29,90 - 14%
    JESUS
    € 70,80 € 60,80 - 14%
    GBABY
    € 34,80 € 28,80 - 17%
    GBABY
    € 69,60 € 49,80 - 28%