logo san paolo
mercoledì 03 giugno 2020
 
spagna e secessionismo
 

Barcellona, alle urne tra le cariche della polizia

01/10/2017  Nella giornata del voto per l'indipendenza della Catalogna, in molti seggi la Guardia civil ha usato la forza per impedire le operazioni elettorali, che comunque non sono state bloccate. Il bilancio è di 761 feriti. Da Madrid il premier Mariano Rajoy afferma: "Non c'è stato alcun referendum".

(Foto Ansa)

In un clima di altissima tesione e scene da guerriglia, i catalani hanno votato. Si sono recati nei seimila seggi aperti per rispondere al quesito proposto dal referendum: dire sì o no alla Catalogna indipendente, Stato sovrano nella forma di una Repubblica. Una consultazione popolare anticostituzionale, certo, ma alla quale Madrid ha reagito con una forza e una durezza spropositate e sconcertanti: in centinaia di seggi la Guardia civil, la polizia spagnola, ha esercitato azioni di violenza contro cittadini di tutte le età che, in modo pacifico, chiedevano semplicemente di potersi esprimere alle urne. Alla fine della giornata (i seggi hanno chiuso alle 20) il bilancio è di più di 760 feriti colpiti dalle cariche dei poliziotti, che non hanno esitato a usare manganelli e gas lacrimogeni, nel tentativo di impedire le operazioni di voto e sequestrare le schede elettorali. Una reazione inaudita e inaspettata, da parte del Governo spagnolo. Se - ribadiamo - è vero che il referendum secessionista è illegale, è altrettanto vero che gli oltre cinque milioni di cittadini catalani chiamati all urne chiedevano di poter esercitare la loro libertà di opinione, in modo democratico.

Il pugno di ferro del Governo di Madrid  si è rivelato un boomerang: ha inasprito gli animi, alimentato l'insofferenza nei confronti dello Stato centrale, rafforzato le istanze indipendentiste e spinto alle urne anche moltissimi catalani unionisti, contrari alla secessione. «Io e mio marito siamo andati a votare, ma le code erano interminabili e siamo dovuti tornare a casa», racconta Andrea, 38enne colombiana naturalizzata spagnola, residente a Sant Joan Despi, a pochi minuti da Barcellona. «Nostro figlio, che ha 4 anni, non voleva che uscissimo per andare a votare perché, ci ha detto, era pericoloso, aveva paura che la polizia ci avrebbe fatto del male. Questa è stata la sua impressione di bambino».  Ai seggi, racconta Andrea, hanno incontrato soltanto i Mossos d'esquadra, la polizia catalana. E, in giro, tanti manifestanti spagnolisti. Samantha, 43enne di origine venezuelana, è andata a votare con alcune amiche nel quartiere di Gracia, zona nord di Barcelona, nei pressi del Parque Guell. «Noi abbiamo avuto fortuna, tutto è avvenuto in modo tranquillo. Ma in altri collegi la polizia è stata implacabile». E racconta di come i cittadini abbiano presidiato molti seggi durante la due notti prima del referendum, per impedire che venissero chiusi. 

La Generalitat (il Governo della Catalogna) parla di una mobilitazione per il referendum di tre milioni di cittadini e di 319 collegi elettorali chiusi. Il portavoce del Governo catalano, Jordi Turull, ha dichiarato che il Governo spagnolo dovrà rispondere davanti ai tribunali internazionali dell'uso della forza da parte della polizia. E mentre si contano i voti, il premier Mariano Rajoy  si è espresso ufficialmente dalla Moncloa (la sede del Governo a Madrid) con una dichiarazione: «In Catalogna non c'è stato alcun referendum. Lo Stato di diritto ha funzionato e ha agito con tutte le sue risorse contro la provocazione». Ha poi affermato che convocherà tutte le forze politiche con rappresentanza parlamentare per riflettere sulla questione catalana. «Non intendo chiudere nessuna porta, non l'ho mai fatto», ha detto Rajoy. Un tentativo di richiamare alla concordia e al dialogo. Ma, dopo i fatti che hanno macchiato la giornata del referendum, Barcellona appare ancora più distante da Madrid.   

 

Multimedia
Catalogna, si vota in un clima da guerra civile
Correlati
I vostri commenti
12
scrivi

Stai visualizzando  dei 12 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo
    Collection precedente Collection successiva
    FAMIGLIA CRISTIANA
    € 104,00 € 92,90 - 11%
    CREDERE
    € 88,40 € 0,00 - 35%
    MARIA CON TE
    € 52,00 € 39,90 - 23%
    CUCITO CREATIVO
    € 64,90 € 43,80 - 33%
    FELTRO CREATIVO
    € 23,60 € 18,00 - 24%
    AMEN, LA PAROLA CHE SALVA
    € 46,80 € 38,90 - 17%
    IL GIORNALINO
    € 117,30 € 91,90 - 22%
    BENESSERE
    € 34,80 € 29,90 - 14%
    JESUS
    € 70,80 € 60,80 - 14%
    GBABY
    € 34,80 € 28,80 - 17%
    GBABY
    € 69,60 € 49,80 - 28%