logo san paolo
martedì 10 dicembre 2019
 
La protesta
 

Che cos'è "take a knee", perché i campioni americani si inginocchiano durante l'inno

27/09/2017  Hanno cominciato più di un anno fa i campioni di football americano, ma ora la protesta sta dilagando al baseball e alla pallacanestro Nba, colpa anche delle offese di Trump.

Tutto era cominciato un anno fa, nel football americano, uno dei quattro sport nazionali del Nord America (con baseball, hockey ghiaccio e pallacanestro Nba), quando nelle strade era montata la protesta per il caso di un ragazzo afroamericano disarmato ucciso dalla Polizia, mentre si era denunciato da più parti il grilletto facile contro gli afroamericani.

Alcuni giocatori, per protesta contro il razzismo strisciante, avevano cominciato ad ascoltare inginocchiati l'inno americano eseguito in occasione delle partite. Di qui il nome della protesta "take a knee", "inginòcchiati".

Il primo fu il quarterback dei San Francisco 49ers Colin Kaepernick, poco più di un anno fa, per denunciare la violenza della polizia verso gli afroamericani ed esprimere solidarietà al movimento 'Black Lives Matter' ("Le vite nere valgono"). Altri di lì hanno seguito il suo esempio soprattutto dopo i fatti di Charlottesville dove una donna era morta e molte persone erano rimaste ferite da un’auto lanciata contro la folla che protestava per il corteo dei cosiddetti “suprematisti bianchi”, che affermano la supremazia della razza ariana.

Ma è stato quando, pochi giorni fa durante un comizio, Donald Trump ha invitato le leghe sportive professionistiche a «licenziare quei... (qui un insulto triviale pronunciato per esteso, ndr.)  che si inginocchiano all’esecuzione dell’inno nazionale» che la protesta è dilagata davvero uscendo dai confini americani (si sono inginocchiati anche a Wembley), coinvolgendo i giocatori della pallacanestro Nba (si sono espressi LeBron James, Stephen Curry, Kobe Bryant), con i Warriors che hanno annunciato che non andranno alla Casa Bianca alla festa riservata ai campioni d’America, i giocatori di baseball che si sono uniti, finché squadre intere che hanno cominciato a inginocchiarsi per gli stadi d’America sottintendendo un «Licenziateci tutti». Il tutto con la solidarietà di dirigenti delle leghe sportive e di allenatori bianchi, da Steve Kerr a Gregg Popovic, che si sono schierati con i giocatori e di Stevie Wonder che si è inginocchiato, sul palco, durante un concerto. 

La protesta sta dilagando e la questione si sta spostando: la battaglia contro il razzismo sta diventando una battaglia per la libertà di espressione.

Multimedia
Dal football all'Nba, che ci fanno i campioni americani si mettono in ginocchio per protesta
Correlati
I vostri commenti
5
scrivi

Stai visualizzando  dei 5 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo
    Collection precedente Collection successiva
    FAMIGLIA CRISTIANA
    € 104,00 € 92,90 - 11%
    MARIA CON TE
    € 52,00 € 39,90 - 23%
    CUCITO CREATIVO
    € 64,90 € 43,80 - 33%
    CREDERE
    € 88,40 € 52,80 - 40%
    FELTRO CREATIVO
    € 22,00 € 0,00 - 18%
    BENESSERE
    € 34,80 € 29,90 - 14%
    AMEN, LA PAROLA CHE SALVA
    € 46,80 € 38,90 - 17%
    IL GIORNALINO
    € 117,30 € 91,90 - 22%
    JESUS
    € 70,80 € 60,80 - 14%
    GBABY
    € 34,80 € 28,80 - 17%
    GBABY
    € 69,60 € 49,80 - 28%