logo san paolo
mercoledì 01 aprile 2020
 
La decisione di un preside di Piacenza
 

«Niente compiti delle vacanze: riposate e state con mamma e papà»

23/12/2016  Ludovico Silvestri, che dirige quattro scuole, ha mandato una circolare ai suoi insegnanti invitandoli a non dare compiti per le vacanze. «I ragazzi in questo periodo devono stare in famiglia, con gli amici, uscire a divertirsi, ma anche annoiarsi. Devono recuperare spazi di vita». Festa dei ragazzi, perplessi i docenti.

«I signori docenti in indirizzo sono invitati a non assegnare compiti per le vacanze, lasciando che gli alunni possano riposare». Così recita una circolare inviata da un preside di Piacenza agli insegnanti delle quattro scuole medie da lui dirette. Difficile dire di no a un preside anche se qualche docente non si sarà sentito d’accordo - non va dimenticata, ci mancherebbe, la libertà d’insegnamento - mentre i ragazzi, oltre 900 divisi nelle quattro scuole, hanno festeggiato senza eccezioni.

«Vede che esiste Babbo Natale e che ha gli occhi azzurri?», avrebbe detto uno di loro, preso dall’entusiasmo, alla sua insegnante. Così riportano le cronache locali e il Babbo Natale con gli occhi azzurri, ovviamente, sarebbe proprio il preside Ludovico Silvestri, dirigente da appena un anno e mezzo, prima insegnante e avvocato. Il tema dei compiti durante le vacanze, si sa, è scottante e sempre di più suscita dibattiti. Ha fatto discutere, per esempio, la lettera con cui il papà di Varese, all’inizio dell’anno scolastico, si è assunto la responsabilità di non aver fatto fare al figlio i compiti delle vacanze, sostituendoli con “lezioni di vita”.

E poi ci sono state le petizioni delle mamme di Milano, il decalogo con cui la maestra di Ferrara invitava i suoi alunni a trascorrere le vacanze in allegria. Questa volta a bocciare i compiti delle vacanze è un dirigente. Forse ha fatto lui stesso le spese in famiglia del carico eccessivo di lavoro che talvolta grava sulle spalle dei ragazzi e di conseguenza anche su quelle dei genitori. In ogni caso non si è limitato a “consigliare” questa linea al suo corpo docente ma ha anche ampiamente motivato la sua scelta. «Il mio è un invito di cui sono molto convinto, credo che i bambini durante le vacanze debbano recuperare spazi di vita», scrive Silvestri, «nell'intento di far scemare lo stress che, inevitabilmente, si accumula durante l'anno e per consentire ai nostri studenti di poter trascorrere quanto più tempo possibile con i propri genitori, i propri cari ed i loro amici».

E ancora: «Sono dell'idea che i bambini debbano stare coi genitori a chiacchierare, uscire a divertirsi, ma anche annoiarsi. Io la chiamo educazione all'affettività: significa recuperare il rapporto con la famiglia in tutte le sue sfaccettature». E se non fosse abbastanza, per concludere, si appella non solo alle indicazioni ministeriali ma «a quanto auspica anche Papa Francesco». Si potrà discutere nel merito, anche in considerazione del fatto che le vacanze di Natale nella scuola italiana sono molto lunghe per cui, forse, un carico di compiti leggero potrebbe anche non fare malissimo. E’ anche vero che i genitori potrebbero comunque approfittare delle vacanze per invitare i figli a un ripasso e, soprattutto, spronarli a leggere qualche buon libro. Su questo, probabilmente, si troverebbe d’accordo anche il preside Silvestri al quale comunque va riconosciuto uno stile diretto e una sincera attenzione alle esigenze dei propri studenti. Bravo preside.

I vostri commenti
13
scrivi

Stai visualizzando  dei 13 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo
    Collection precedente Collection successiva
    FAMIGLIA CRISTIANA
    € 104,00 € 92,90 - 11%
    CREDERE
    € 88,40 € 0,00 - 35%
    MARIA CON TE
    € 52,00 € 39,90 - 23%
    CUCITO CREATIVO
    € 64,90 € 43,80 - 33%
    FELTRO CREATIVO
    € 23,60 € 18,00 - 24%
    AMEN, LA PAROLA CHE SALVA
    € 46,80 € 38,90 - 17%
    IL GIORNALINO
    € 117,30 € 91,90 - 22%
    BENESSERE
    € 34,80 € 29,90 - 14%
    JESUS
    € 70,80 € 60,80 - 14%
    GBABY
    € 34,80 € 28,80 - 17%
    GBABY
    € 69,60 € 49,80 - 28%