logo san paolo
domenica 25 ottobre 2020
 
 

Don Vinicio: la disabilità è in crescita

02/12/2012  Don Albanesi, presidente della Comunità di Capodarco, interviene sulla Giornata delle persone con disabilità che si celebra domani. Disabili quasi sempre a carico delle famiglie.

Luisella, disabile, mostra le difficoltà nel muoversi nel centro di Roma. Il Comune è stato condannato perché le fermate dei bus non sono accessibili ai disabili (Ansa).
Luisella, disabile, mostra le difficoltà nel muoversi nel centro di Roma. Il Comune è stato condannato perché le fermate dei bus non sono accessibili ai disabili (Ansa).

Si celebra domani la Giornata internazionale delle persone con disabilità. Don Vinicio Albanesi, presidente della Comunità di Capodarco, realtà storica di solidarietà, commenta l’appuntamento, lui che per anni si è battuto per il welfare e per la carità nella Chiesa con un’attenzione particolare ai portatori di handicap. «La disabiità sta cambiando e sta crescendo di dimensioni. Oggi ci sono due nuove forme: la prima legata alla malattia che curata allunga la vita ma porta la disabilità; così nei casi di ictus, insufficienze respiratorie o cardiache. E la seconda legata all’anzianità, all’età che avanza esponenzialmente».

Don Vinicio Albanesi, presidente della Comunità di Capodarco, durante l'intervista (foto: Chiara Pelizzoni).
Don Vinicio Albanesi, presidente della Comunità di Capodarco, durante l'intervista (foto: Chiara Pelizzoni).

"Rimuovere le barriere per creare una società inclusiva e accessibile per tutti" è il tema scelto dalle Nazioni Unite per questa edizione. Un’utopia?
   «La prima barriera è fisica; abbiamo una legge sulle barriere architettoniche ma viviamo in città vecchie, senza una geografia pronta ad ospitare i disabili. La seconda è culturale; non siamo pronti ad accogliere i disabili e viverli come persone normali. In particolare con i disabili mentali che all’inizio vengono sopportati e alla fine allontanati. C’è poi una barriera affettiva. Qualsiasi persona ha bisogno di amicizia, affetto, amore e sesso. Per i disabili le cose si complicano. L’ultima barriera è quella economica perché mancano gli strumenti di tutela. L’assegno di accompagnamento è di circa 490 euro, la pensione sociale poco più di 200. Ci sono poi la disoccupazione e il mancato inserimento al lavoro. Tutto questo impedisce l’inclusione sociale e i disabili si ritrovano quasi sempre a carico delle famiglie».

Famiglie e disabilità. Qual è l’atteggiamento di chi si trova a convivere con un figlio o un parente disabile?
  «E’ duplice; c’è chi scarica il disabile rendendolo solo e diverso e chi, invece, ci si avvinghia compromettendone la serenità. La società in tutto questo contribuisce solo economicamente delegando alla famiglia l’aspetto relazionale e ricreativo. Il rischio è che la famiglia sotto questo peso si spacchi».

Le Nazioni Unite lanciano una sfida per questo appuntamento: "Colmare il divario fra le buone intenzioni e le azioni concrete attese da tempo". Come risponde?
  «In Italia di strada se ne è fatta e alcuni risultati sono stati raggiunti. Soprattutto per i disabili nell’età dell’infanzia e della prima fanciullezza. Con l’adolescenza inizia l’abbandono per arrivare alla fine delle superiori nella totale solitudine rispetto agli ambienti, alle risorse, all’ambito sociale e amicale. Per non parlare della vecchiaia. Dico che c’è ancora tanto da camminare».

Multimedia
La migrazione dei macaroni
Correlati
Mafia e religiosità con don Ciotti
Correlati
La migrazione dei macaroni
Correlati
I vostri commenti
1
scrivi

Stai visualizzando  dei 1 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo
    Collection precedente Collection successiva
    FAMIGLIA CRISTIANA
    € 104,00 € 0,00 - 11%
    CREDERE
    € 88,40 € 0,00 - 35%
    MARIA CON TE
    € 52,00 € 39,90 - 23%
    CUCITO CREATIVO
    € 64,90 € 43,80 - 33%
    FELTRO CREATIVO
    € 23,60 € 18,00 - 24%
    AMEN, LA PAROLA CHE SALVA
    € 46,80 € 38,90 - 17%
    IL GIORNALINO
    € 117,30 € 91,90 - 22%
    BENESSERE
    € 34,80 € 29,90 - 14%
    JESUS
    € 70,80 € 60,80 - 14%
    GBABY
    € 34,80 € 28,80 - 17%
    GBABY
    € 69,60 € 49,80 - 28%
    I LOVE ENGLISH JUNIOR
    € 69,00 € 49,90 - 28%
    PAROLA E PREGHIERA
    € 33,60 € 33,50
    VITA PASTORALE
    € 29,00
    GAZZETTA D'ALBA
    € 62,40 € 0,00 - 14%