logo san paolo
venerdì 15 novembre 2019
 
 

Riccardi: non torniamo al passato

11/12/2012  Il Governo Monti rischia di diventare una parentesi in cui i partiti hanno chiamato un arbitro per un po’ di respiro. Invece Monti ha rappresentato il sentire di parecchi italiani.

Mario Monti a passeggio a Milano con la figlia, domenica 9 dicembre (Ansa).
Mario Monti a passeggio a Milano con la figlia, domenica 9 dicembre (Ansa).

Mario Monti ha dichiarato chiusa l’esperienza del suo Governo prima dello scadere naturale della legislatura. Non ha accettato di farsi consumare da una campagna elettorale già cominciata, tesa ad addossare al Governo le responsabilità della crisi economica e i sacrifici che gli italiani debbono fare per evitare il baratro.
Venerdì scorso, alla Camera dei deputati, il segretario del Pdl, Angelino Alfano, ha fatto una dura requisitoria contro il Governo, salvando solo il rigore personale del suo presidente. La sfiducia si accompagna alla ridiscesa in campo di Berlusconi, dopo tante incertezze che hanno paralizzato un incipiente processo di depersonalizzazione del Pdl. Alfano ha affermato che la colpa del Governo è aver fatto una politica dettata dalla sinistra. Il che, come è noto, non è vero. Il Governo ha condotto una politica di risanamento, pur facendo i conti con un’alleanza composita di cui il Pdl era il socio di maggioranza.

La vera questione che si ripropone è lo scenario della Seconda Repubblica: Berlusconi contro la sinistra. È la polarizzazione che ha fatto perdere di vista i problemi reali, nel gorgo di una politica emozionale e di campagne personali. Eppure, è chiaro che la Seconda Repubblica non ha avuto la capacità di guidare l’Italia, tanto che nel novembre 2011 è stato chiamato Mario Monti.
Perché tornare indietro? Lo vogliono gli italiani? Le elezioni siciliane hanno mostrato che tanti ormai non votano perché non credono più in questa politica. È la sconfitta più grande della nostra democrazia. Manca il consenso morale necessario a una nuova coesione del Paese. L’Italia si riprenderà se animata da un nuovo spirito ricostruttivo. Il Governo Monti può essere l’inizio di una profonda stagione riformatrice. Ma la politica vuole abbandonare gli scenari della Seconda Repubblica?

Il segretario del Pd, Bersani, ha dichiarato alla Camera che questo Governo è stato una transizione. Ma verso cosa? Nella storia della Seconda Repubblica, la sinistra è rimasta più volte prigioniera della propria fragilità scambiata per forza, e dell’antagonismo con Berlusconi che dettava il clima politico. Non si può tornare indietro. Ma esiste un consenso elettorale all’Italia che Mario Monti rappresenta? La sua eredità e il suo europeismo sono stati respinti dalla destra.
La sinistra di Bersani sembra avere un’altra agenda. Il Governo Monti rischia di diventare una parentesi in cui i partiti hanno chiamato un saggio arbitro per un po’ di respiro. Invece Monti ha rappresentato il sentire di parecchi italiani. Gli attori politici e la società civile debbono verificare se c’è un consenso elettorale a questo sentire. In questi giorni si vedrà come ciascuno si prenderà le proprie responsabilità. Altrimenti, assisteremo a un prolungamento doloroso della Seconda Repubblica.
I partiti riflettano: non è un bene per nessuno. Soprattutto per gli italiani.

I vostri commenti
9
scrivi

Stai visualizzando  dei 9 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo
    Collection precedente Collection successiva
    FAMIGLIA CRISTIANA
    € 104,00 € 92,90 - 11%
    MARIA CON TE
    € 52,00 € 39,90 - 23%
    CUCITO CREATIVO
    € 64,90 € 43,80 - 33%
    CREDERE
    € 88,40 € 52,80 - 40%
    FELTRO CREATIVO
    € 22,00 € 0,00 - 18%
    BENESSERE
    € 34,80 € 29,90 - 14%
    AMEN, LA PAROLA CHE SALVA
    € 46,80 € 38,90 - 17%
    IL GIORNALINO
    € 117,30 € 91,90 - 22%
    JESUS
    € 70,80 € 60,80 - 14%
    GBABY
    € 34,80 € 28,80 - 17%
    GBABY
    € 69,60 € 49,80 - 28%