logo san paolo
martedì 22 ottobre 2019
 
Un dramma senza fine
 

E i bambini siriani continuano a morire sotto le bombe

13/03/2017  Secondo un rapporto dell'Unicef nel 2016 in Siria,Paese da sei anni in guerra, sono morti 652 bambini. 1,7 milioni non vanno a scuola, e il 75% dipende dagli aiuti umanitari

Sei anni di guerra in Siria  ci lasciano un bilancio pesantissimo: e fare le spese dei continui bombardamenti e attentati terroristici sono in particolare i bambini, in tutto 8 milioni. Secondo l’ultimo rapporto dell’Unicef  “Hitting Rock Bottom” (letteralmente: toccando il fondo) il 2016 l’anno peggiore per i bambini della Siria.  652 bambini sono rimasti uccisi (con un aumento del 20% rispetto al 2015) e 647 feriti. 255 sono stati uccisi all’interno o nei pressi di scuole. Oltre 850 bambini (anche di 7 anni) sono stati reclutati per combattere nel conflitto, oltre il doppio di quelli reclutati nel 2015. I bambini sono stati utilizzati e reclutati per combattere direttamente sulle linee del fronte e stanno assumendo un ruolo sempre più attivo nei combattimenti, compresi casi estremi di utilizzo come esecutori, attentatori suicidi o guardie carcerarie. E ancora si sono verificati almeno 338 attacchi contro ospedali e personale medico. Oltre alle bombe, ai proiettili e alle esplosioni, i bambini spesso muoiono in silenzio per malattie facilmente prevenibili. L’accesso alle cure mediche, ad aiuti salva vita e ad altri servizi di base resta ancora difficoltoso. In Siria, 1,7 milioni di bambini non stanno andando a scuola. Nei Paesi vicini sono 530.000. Una scuola su non può essere utilizzata in quanto danneggiata, distrutta, usata come rifugio dalle famiglie sfollate o a scopi militari.

In tutto 2,8 milioni vivono in aree difficili da raggiungere, compresi 280.000 bambini in aree sotto assedio. Circa 6 milioni di bambini adesso dipendono dall’assistenza umanitaria. Milioni di bambini sono sfollati, alcuni fino a 7 volte. Oltre 2,3 milioni di bambini vivono come rifugiati in Turchia, Libano, Giordania, Egitto e Iraq. In generale l’85% della popolazione siriana vive al di sotto della soglia di povertà, il 69% vive in condizioni di povertà estrema. 

 

All’interno della Siria e ai confini, i meccanismi di adattamento sono al limite, e le famiglie stanno attuando misure estreme di sopravvivenza, spesso spingendo i bambini a contrarre matrimoni precoci o al lavoro minorile. In oltre due terzi delle famiglie, i bambini lavorano per sostenerle, molti in condizioni estreme, inappropriate anche per gli adulti. 
Ma nonostante gli orrori e le sofferenze, ci sono tante storie di bambini determinati a seguire le proprie speranze e aspirazioni. Darsy (12 anni), adesso rifugiato in Turchia, ha detto: “Voglio diventare un chirurgo per aiutare i malati e le persone ferite in Siria. Io sogno una Siria senza guerra, così da poter tornare a casa. Sogno un mondo senza guerre”.
“Noi continuiamo ad essere testimoni del coraggio dei bambini della Siria. Molti hanno superato aree di combattimento solo per sostenere gli esami scolastici. Questi bambini continuano ad apprendere, anche in scuole sotterranee. Ci sono così tante cose che possiamo fare e che dovrebbero essere fatte per cambiare tutto questo per i bambini della Siria,” ha dichiarato Geert Cappelaere, Direttore Regionale dell’UNICEF per il Nord Africa e il Medio Oriente, parlando ad Homs in Siria .

Multimedia
Bombardamenti sulla base aerea siriana, l'America punisce Assad
Correlati
Il lancio dei missili sulla Siria dalle cacciatorpediniere della Marina americana
Correlati
Bombardamenti sulla base aerea siriana, l'America punisce Assad
Correlati
I vostri commenti
6
scrivi

Stai visualizzando  dei 6 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo
    Collection precedente Collection successiva
    FAMIGLIA CRISTIANA
    € 104,00 € 92,90 - 11%
    MARIA CON TE
    € 52,00 € 39,90 - 23%
    CUCITO CREATIVO
    € 64,90 € 43,80 - 33%
    CREDERE
    € 78,00 € 52,80 - 32%
    FELTRO CREATIVO
    € 22,00 € 0,00 - 18%
    BENESSERE
    € 34,80 € 29,90 - 14%
    AMEN, LA PAROLA CHE SALVA
    € 46,80 € 38,90 - 17%
    IL GIORNALINO
    € 117,30 € 91,90 - 22%
    JESUS
    € 70,80 € 60,80 - 14%
    GBABY
    € 34,80 € 28,80 - 17%
    GBABY
    € 69,60 € 49,80 - 28%