logo san paolo
lunedì 21 ottobre 2019
 
 

Grillo corre sulle macerie dei partiti

23/05/2012  La lezione delle elezioni amministrative: il mancato rinnovamento dei partiti agevola la corsa dei "grillini", veri eredi dell'Uomo Qualunque.

Beppe Grillo durante uno dei suoi comizi-show (foto Reuters).
Beppe Grillo durante uno dei suoi comizi-show (foto Reuters).

I giornali non sono la bocca della verità, anzi spesso servono più gli interessi degli editori (e di chi li sovvenziona) che non quelli dei lettori. Per una volta, però, avevano saputo guardare lontano. Non si contano infatti gli avvertimenti alla classe politica. Fossero le documentazioni sulla Casta, le analisi sui guasti nazionali o le denunce sul malaffare tra Regioni e Comuni, la diagnosi era unanime. Se voi politici non saprete rinnovarvi e riacquistare un minimo di credibilità, ma alla svelta, i cittadini vi puniranno. Non si è mossa foglia, e il voto punitivo è arrivato.

Per ora, tuttavia, è una punizione simbolica. Al di là di clamorosi ritorni come a Palermo, o facce nuove come a Genova e Parma, i detentori del potere rimangono gli stessi. Al coperto del governo Monti, i numeri parlamentari vedono tuttora il dominio dei soliti noti: ammaccati come i democratici di Bersani, allo sbando come i berlusconiani, dissolti come i leghisti, in stallo come i centristi, eppure padroni alle Camere. Per cui, esaurite le valutazioni sul passato, sarà bene chiederci che cosa ci riserva quel futuro assai prossimo che è l’appuntamento di primavera. Elezioni nazionali, un 2013 nel quale molti vedono il decollo, ahimè quanto precario, della Terza Repubblica.

Ovvio che sono due i principali interrogativi. Primo, anche in chiave di show, la tenuta e l’eventuale progresso dei grillini. Secondo, la possibilità che una destra frantumata riprenda consistenza.  Cominciamo da questa. I capi del Pdl annunciano novità tanto corpose quanto imprecisate, che per adesso sembrano ridursi al cambio del nome. Un po’ poco, come colpo d’ala. Mentre il carisma di Berlusconi è stato distrutto da carenze di governo e comportamenti privati, micidiali anche per il loro riflesso internazionale, l’immagine del segretario Alfano è decorosa ma fragile. Quanto ai rincalzi, la loro maggiore occupazione è il litigio. Non se ne vede uno  che possa aspirare alla successione. Tenuto poi conto di una Lega che verosimilmente competerà da sola, l’elettore di destra si troverà davanti a difficili scelte. Non sempre potrà togliersi lo sfizio di votare Grillo, come è avvenuto a Parma per far dispetto alla sinistra.

Sul fenomeno Grillo converrà ragionare in doppia prospettiva, quella del 2013 e quella del dopo. A tempi lunghi, è probabile che la storia si ripeta. L’antenato delle Cinque Stelle è l’Uomo Qualunque di Guglielmo Giannini, che al pari di Grillo era uomo di spettacolo e ferrato polemista. Nel dopoguerra portò a Montecitorio una trentina di deputati, contestando i politici dell’epoca e promettendo lo Stato Amministrativo. Niente più partiti, solo buoni gestori della cosa pubblica. Qualcosa di analogo si vide negli esordi della Lega, prima che assaporasse le delizie di Roma e dei soldi. Per farla corta: su un Beppe Grillo capace di aprire un’era, tipo Giolitti o De Gasperi, neanche a Las Vegas accetterebbero scommesse.

Altro discorso per i tempi brevi. Delle due l’una: o di qui a primavera, ammesso oltre tutto che ci si arrivi, i partiti tradizionali sapranno mostrare una fisionomia accettabile, oppure Grillo riempirà di uomini suoi una bella fetta di scranni a Montecitorio e Palazzo Madama. Il che, se avverrà, farà rimpiangere i tempi in cui i soli comunisti erano esclusi dal potere. Per farla corta. Parlamento ingovernabile e, di conseguenza, ministeri dalla maggioranza volatile. A meno di non puntare ancora su Mario Monti, specie se al rigore saprà accompagnare in questi mesi una effettiva quota di sviluppo. “Lavoro, lavoro”, come invoca la Chiesa. Prepariamoci. Se oggi viviamo tempi grami, il futuro rischia di essere peggiore.

I vostri commenti
5
scrivi

Stai visualizzando  dei 5 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo
    Collection precedente Collection successiva
    FAMIGLIA CRISTIANA
    € 104,00 € 92,90 - 11%
    MARIA CON TE
    € 52,00 € 39,90 - 23%
    CUCITO CREATIVO
    € 64,90 € 43,80 - 33%
    CREDERE
    € 78,00 € 52,80 - 32%
    FELTRO CREATIVO
    € 22,00 € 0,00 - 18%
    BENESSERE
    € 34,80 € 29,90 - 14%
    AMEN, LA PAROLA CHE SALVA
    € 46,80 € 38,90 - 17%
    IL GIORNALINO
    € 117,30 € 91,90 - 22%
    JESUS
    € 70,80 € 60,80 - 14%
    GBABY
    € 34,80 € 28,80 - 17%
    GBABY
    € 69,60 € 49,80 - 28%