logo san paolo
domenica 29 marzo 2020
 
 

Emilio Molinari: "Comuni, datevi una mossa"

20/07/2013 

«I referendum non sono stati inutili, anche se sono stati traditi dalle istituzioni». E' un'analisi in chiaroscuro quella che fa Emilio Molinari, presidente del Comitato Italiano per un Contratto Mondiale sull'Acqua, due anni dopo i referendum con cui gli italiani hanno detto no alla privatizzazione del sistema idrico.

Partiamo dai punti positivi.
«Innanzitutto, dopo i referendum tutti i tentativi che erano in atto di privatizzare l'acqua sono stati bloccati. E poi è rimasta la partecipazione della gente. E' un tema talmente sentito che anche nei piccoli comuni sono attivi comitati di cittadini che si fanno sentire con le amministrazioni locali».

Cosa invece non ha funzionato?
«
L'inerzia delle istituzioni. Le colpe più gravi secondo me le hanno i sindaci che hanno la possibilità di prendere in mano la situazione coinvolgendo i cittadini e invece non hanno fatto nulla, salvo rare eccezioni come Napoli, Reggio Emilia, Piacenza e Palermo».

Ma le gestioni pubbliche sono accusate anche di generare sprechi...
«La verità è che gli sprechi maggiori si sono avuti dove si è privatizzato e le società sono state quotate in borsa. Il risultati sono stati: tariffe alte, scarsa efficienza e deficit nel bilancio. Un esempio? Il sistema ligure è un vero disastro».

I sindaci però dicono di avere le casse vuote...
«Ma non può essere un'alibi per non fare nulla. E' vero che sono indebitati e vincolati dal patto di stabilità, ma nulla vieta loro di mobilitarsi e far pressione sul Governo per cambiare la situazione. Sono scelte politiche, come lo è stata quella di affidare all'Autorità per l'energia e il gas e non agli enti locali il compito di determinare i criteri per calcolare le tariffe del servizio idrico. In questo modo si è tradita la volontà degli italiani espressa nel secondo quesito referendario, perché sia pure con una formula diversa, l'Autorità ha previsto una remunerazione per i gestori. Le tariffe così, sia pure di poco, sono aumentate».

Non la convince nemmeno la proposta dell'Unione Europea mettere in gara periodicamente società pubbliche e private sulla gestione dell'acqua?
«
Noi difendiamo un principio di fondo: l'acqua non può essere trattata come una merce. Quando ne parliamo dobbiamo far riferimenti a concetti come il diritto alla vita o la salvaguardia del Creato su cui tanto si è speso papa Benedetto XVI. L'acqua sarà la vera questione sociale di questo secolo»

I vostri commenti
1
scrivi

Stai visualizzando  dei 1 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo
    Collection precedente Collection successiva
    FAMIGLIA CRISTIANA
    € 104,00 € 92,90 - 11%
    CREDERE
    € 88,40 € 0,00 - 35%
    MARIA CON TE
    € 52,00 € 39,90 - 23%
    CUCITO CREATIVO
    € 64,90 € 43,80 - 33%
    FELTRO CREATIVO
    € 23,60 € 18,00 - 24%
    AMEN, LA PAROLA CHE SALVA
    € 46,80 € 38,90 - 17%
    IL GIORNALINO
    € 117,30 € 91,90 - 22%
    BENESSERE
    € 34,80 € 29,90 - 14%
    JESUS
    € 70,80 € 60,80 - 14%
    GBABY
    € 34,80 € 28,80 - 17%
    GBABY
    € 69,60 € 49,80 - 28%