logo san paolo
domenica 25 ottobre 2020
 
Regno Unito
 

Filippo di Edimburgo, sposo amato e riformatore

04/05/2017  Il duca di Edimburgo, principe Filippo e consorte della Regina Elisabetta, si ritira dagli impegni ufficiali. Grande amore di Elisabetta che lo conobbe quando aveva solo 13 anni, con lei ha dato dato vita a un sodalizio matrimoniale. Nipote di re Costantino di Grecia, fu esiliato a pochi mesi e privato di tutto. Vittima, inoltre, di un'infanzia difficile per colpa dei genitori, trovò in lei un punto fermo.

Nozze di ferro, ben settant’anni di matrimonio, tra qualche mese, e una pensione raggiunta a quasi novantasei anni. Sì il principe di Edimburgo si ritira dagli impegni ufficiali ma non lo fa certo per ragioni di pigrizia. Cinque anni fa finì in ospedale per una cistite perché rimase in piedi per ore e ore accanto alla Regina che festeggiava i sessant’anni sul trono sulla barca che guidava una flotta di imbarcazioni sul fiume Tamigi.

E, anche se appare in ottima salute, sono diventati più frequenti, negli ultimi mesi, gli episodi di ricovero in ospedale. Soltanto il “Sun” ha messo online la notizia della sua morte, poi subito ritirata, ma saranno decine i coccodrilli su di lui già pronti in tante redazioni.

Si può immaginare la tristezza di Elisabetta, di cinque anni più giovane, all’idea che quel marito, che ha definito più volte la sua roccia, non sarà più al suo fianco nell’estenuante lavoro di stringere mani, tagliare nastri, sorridere, raccogliere fiori e far sentire milioni di sudditi al centro dell’attenzione.

Certo la sua memoria risalirà al momento più difficile della sua vita, nel lontano 1952 quando, mentre era in viaggio in Kenya la raggiunse la notizia della morte dell’amatissimo padre. Fu proprio il principe Filippo a dargliela e a parlarle per ore per consolarla e aiutarla nella difficile strada verso il trono.

Il loro è stato un sodalizio indistruttibile, un matrimonio fatto di camere e bagni separati, di profondo rispetto e ammirazione l’una per l’altro.

Il duca di Edimburgo è stato il vero riformatore della monarchia. Quello al quale dobbiamo tutte le notizie di oggi su ogni aspetto della vita degli Windson. Fu lui a volere a tutti i costi, nel 1968, quel documentario “Royal Family” che, per la prima volta, portò le telecamere dentro Buckingham palace e tolse ai reali il mistero trasformandoli in star.

Fin dai primi anni di matrimonio Filippo si scontrò con il “palazzo”, quei funzionari abituati a non lasciar filtrare nessuna notizia, lui che aveva toccato con mano la fine della monarchia greca. Nipote di re Costantino, mandato via dai colonnelli. Esiliato a pochi mesi di vita e privato di tutto, titoli e vitalizi. Costretto a mendicare ospitalità dai parenti inglesi ancora sul trono e vittima di un’infanzia durissima con il padre che lasciò la madre, una volta in esilio e quest’ultima colpita da un esaurimento nervoso.

Sopravvissuto grazie a una brillante carriera militare per lui la popolarità della monarchia britannica è sempre stata importantissima.

Oggi a rendergli omaggio sono i leader politici e religiosi mentre il primo ministro Theresa May gli ha espresso la gratitudine di tutto il paese. Alle oltre 780 organizzazioni delle quali è patrono mancherà la sua dedizione e il suo duro lavoro. Al pubblico le sue gaffes, quelle battute strane e fuori luogo che l’hanno reso famoso.

Lo rivedremo ancora il prossimo 10 giugno, quando compirà 96 anni, e a novembre, quando festeggerà, con la Regina, i settantanni di matrimonio.

Certo continuerà a guidare la sovrana come ha fatto da quando la incontrò appena tredicenne, nel 1939. Lei se ne innamorò subito e lo volle a tutti i costi anche contro i parere dei genitori. Per lui fu necessario ancora qualche anno fino a che venne invitato alla pantomima di Natale dalla famiglia reale. Elisabetta lo affascinò ballando e danzando ed è stata, da allora, al centro delle sue attenzioni.

Multimedia
Il Principe Filippo a 96 anni va in pensione
Correlati
I vostri commenti
5
scrivi

Stai visualizzando  dei 5 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo
    Collection precedente Collection successiva
    FAMIGLIA CRISTIANA
    € 104,00 € 0,00 - 11%
    CREDERE
    € 88,40 € 0,00 - 35%
    MARIA CON TE
    € 52,00 € 39,90 - 23%
    CUCITO CREATIVO
    € 64,90 € 43,80 - 33%
    FELTRO CREATIVO
    € 23,60 € 18,00 - 24%
    AMEN, LA PAROLA CHE SALVA
    € 46,80 € 38,90 - 17%
    IL GIORNALINO
    € 117,30 € 91,90 - 22%
    BENESSERE
    € 34,80 € 29,90 - 14%
    JESUS
    € 70,80 € 60,80 - 14%
    GBABY
    € 34,80 € 28,80 - 17%
    GBABY
    € 69,60 € 49,80 - 28%
    I LOVE ENGLISH JUNIOR
    € 69,00 € 49,90 - 28%
    PAROLA E PREGHIERA
    € 33,60 € 33,50
    VITA PASTORALE
    € 29,00
    GAZZETTA D'ALBA
    € 62,40 € 0,00 - 14%