logo san paolo
sabato 07 dicembre 2019
 
Le parole di Francesco
 

Il Papa: non è pazzo chi aiuta i poveri

19/10/2016  Francesco all'udienza generale spiega le opere di misericordia. Non basta l'elemosina, sottolinea, ma bisogna dare proprio da mangiare e da bere. E invita a non mettere distanza tra noi e i poveri

  Papa Francesco spiega all’udienza generale le opere di misericordia e riflesse su “dare da mangiare agli affamati e da bere agli assetati”. Dice che “la povertà in astratto non ci interpella, ci fa riflettere, pensare”. Tuttavia quando “tu vedi la povertà nella carne di un uomo, di un bambino, di una donna”, salta la distanza con la povertà: “Abbiamo l’ abitudine di fuggire dai bisognosi, o di non avvicinarci, o di truccare un po’ la realtà dei bisognosi con le abitudini alla moda, e così ci allontaniamo da questa realtà. Invece non c’è più alcuna distanza tra me e il povero quando lo incrocio”. Beergoglio ha ragionato poi sul benessere: “Una delle conseguenze del cosiddetto 'benessere è quella di condurre le persone a chiudersi in se stesse, rendendole insensibili alle esigenze degli altri. Si fa di tutto per illuderle presentando modelli di vita effimeri, che scompaiono dopo qualche anno, come se la nostra vita fosse una moda da seguire e da cambiare ad ogni stagione. E non è così. La realtà va accolta e affrontata per quello che è, e spesso ci fa incontrare situazioni di bisogno urgente”. Per questo motivo, ha spiegato “tra le opere di misericordia, si trova il richiamo alla fame e alla sete: dare da mangiare agli affamati, ne sono tanti oggi, eh?, e da bere agli assetati”. Ha fatto un riferimento alle donazioni, sollecitate anche delle immagini dei poveri trasmesse dalle televisioni. Ha sottolineato che sono una cosa buona, ma questa forma di carità “forse non ci coinvolge direttamente. Invece quando, andando per la strada, incrociamo una persona in necessità, oppure un povero viene a bussare alla porta di casa nostra, è molto diverso, perché non sono più davanti a un'immagine, ma veniamo coinvolti in prima persona. Non c'è più alcuna distanza tra me e lui o lei, e mi sento interpellato”. Papa Francesco ha quindi chiesto: “ Quando incontro un povero qual è la mia reazione? Giro lo sguardo, e passo oltre? Oppure mi fermo a parlare e mi interesso del suo stato?” E ha commentato: “Se tu fai questo non mancherà qualcuno che dica 'ma questo è pazzo a parlare con un povero’. Vedo se posso accogliere in qualche modo quella persona o cerco di liberarmene al più presto? Ma forse essa chiede solo il necessario: qualcosa da mangiare e da bere”. Dopo aver ricordato che la fede senza le opere è nulla, ha detto che “c'è sempre qualcuno che ha fame e sete e ha bisogno di me. Non posso delegare nessun altro”. Al termine della catechesi della udienza generale è stato presentato a Francesco il “Pastorale della Misericordia”, realizzato con le lamiere della baraccopoli di Kibera, a Nairobi, in Kenya, lo slum più grande dell'Africa subsahariana. Bergoglio ha anche salutato la statua di una mula portata da pellegrini argentini, in ricordo del “Cura Brochero”, proclamato santo domenica scorsa, un prete argentino che percorse migliaia di chilometri a dorso di mula per assistere gli abitanti delle sierras. Al papa è stato donato un tabernacolo, costruito con le stesse lamiere. L'iniziativa è della Fondazione Casa dello Spirito e delle Arti che ha già presentato nei mesi scorsi al pontefice altri due suoi progetti: la Croce di Lampedusa, costruita con i legni delle barche dei migranti e le ostie della Misericordia, prodotte nel carcere milanese di Opera.

Multimedia
Il Papa posa accanto alla statua del prete gaucho canonizzato domenica
Correlati
I vostri commenti
6
scrivi

Stai visualizzando  dei 6 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo
    Collection precedente Collection successiva
    FAMIGLIA CRISTIANA
    € 104,00 € 92,90 - 11%
    MARIA CON TE
    € 52,00 € 39,90 - 23%
    CUCITO CREATIVO
    € 64,90 € 43,80 - 33%
    CREDERE
    € 88,40 € 52,80 - 40%
    FELTRO CREATIVO
    € 22,00 € 0,00 - 18%
    BENESSERE
    € 34,80 € 29,90 - 14%
    AMEN, LA PAROLA CHE SALVA
    € 46,80 € 38,90 - 17%
    IL GIORNALINO
    € 117,30 € 91,90 - 22%
    JESUS
    € 70,80 € 60,80 - 14%
    GBABY
    € 34,80 € 28,80 - 17%
    GBABY
    € 69,60 € 49,80 - 28%