logo san paolo
martedì 10 dicembre 2019
 
 

Francia: aiuto, torna la sinistra

28/01/2012  Il candidato socilaista François Hollande, favorevole a una tassazione superiore al 50%, è in testa ai sondaggi. E così i francesi ricchi meditano di trasferire i loro patrimoni.

Il candidato socialista alle Presidenziali François Hollande durante la campagna elettorale (foto Reuters).
Il candidato socialista alle Presidenziali François Hollande durante la campagna elettorale (foto Reuters).

"Au secours, la droite revient", aiuto torna la destra. Era, ai tempi di Mitterrand, uno degli slogan con cui i socialisti, a ogni elezione, tentavano di mobilitare le loro truppe agitando lo spauracchio di un ritorno della "droite" sul ponte di comando. Ma ora, a cento giorni dell'elezione presidenziale, e nel momento in cui il candidato socialista François Hollande cavalca in testa ai sondaggi e appare come il favorito, c'è chi rovescia lo slogan e strilla "Au secours, la gauche revient!" (Aiuto, torna la sinistra).

Non soffia (ancora) un vento di panico, ma se dobbiamo credere alle indiscrezioni che da più parti trapelano, sarebbero sempre più numerosi i francesi "ricchi" che mediterebbero di traslocare verso lidi più clementi, fiscalmente parlando. Il timore è che in caso di vittoria di François Hollande nelle presidenziali, il ritorno al potere della "gauche" si traduca anzitutto con un inasprimento della pressione fiscale. E dunque gli sguardi si volgono verso paesi più accoglienti, dove non esiste (almeno per ora) la famigerata Isf, l'imposta patrimoniale, dove le tasse di successione sono molto più leggere, e dove la pressione fiscale complessiva (e cioè calcolando tutte le tasse) resta inferiore a quella francese che, se Hollande sarà eletto, e applicherà il suo programma, sfonderà il tetto del 50 per cento.

Si potrebbe così assistere, nelle prossime settimane, a un fuggi fuggi, con i francesi più abbienti in quali, emuli degli "émigrés", degli aristocratici che ai tempi della Rivoluzione si rifugiavano, per sfuggire alla ghigliottina, sotto cieli più accoglienti. Non sono soltanto i paperoni che meditano di andarsene (la maggioranza dei superricchi, per la verità, se n'è già andata da un pezzo, la prima ondata di emigrazione massiccia si era verificata negli anni di Mitterrand), ma anche un numero crescente di contribuenti della fascia "alta" o "medio-alta" ai quali Hollande ha promesso un inasprimento della patrimoniale e un'aliquota del 45% per i redditi superiori ai 150 mila euro, senza dimenticare i prevedibili aumenti delle tasse di successione, della "taxe foncière" (versione transalpina delle nostre Ici e Imu) e quelli delle cedolari sui redditi da capitali (azioni, obbligazioni, ecc…).

L'home page del sito Internet dell'Agenzia delle Entrate francese (www.impots.gouv.fr).
L'home page del sito Internet dell'Agenzia delle Entrate francese (www.impots.gouv.fr).

Insomma, abbienti e possidenti sono terrorizzati dalla prospettiva di ritrovarsi domani, per dirla volgarmente, "in braghe di tela". E così guardano oltre i confini della "dolce Francia". Non un esodo vecchio stile e clandestino, di passaggi delle frontiere con valigie colme di banconote o di lingotti d'oro, ma di traslochi "legali". Si monetizzerebbero i patrimoni e si trasferirebbe il ricavato andando a prendere la residenza all'estero anche a costo di dover pagare una "exit tax" (o tassa d'uscita) che la sinistra (ma anche una parte della destra) minaccia di istituire. Pur di sfuggire al rapace fisco francese, moltissimi sarebbero disposti a fare il sacrificio. In testa alla graduatoria dei Paesi ai quali guardano i candidati all'esodo fiscale si trovano, senza sorprese, la Svizzera, il Belgio, gli Stati Uniti. Ma anche (e questa è davvero un sorpresa) il nostro Bel Paese: evidentemente, i "ricchi" transalpini non credono che Mario Monti sia tanto cattivo da somministrare ai contribuenti italiani la stessa amara medicina che Hollande sta preparando.

E che i progetti di emigrazione fiscale siano ben reali (e non solo frutto della fantasia) è confermato dalle indiscrezioni secondo le quali che le agenzie immobiliari di Bruxelles, di Ginevra, di New York, di Roma e di Milano sarebbero tempestate di richieste di informazioni provenienti dalla Francia. E quello che è peggio è che anche se non vincesse Hollande, molti sono decisi a emigrare comunque, convinti che quale che sia il futuro presidente la sua prima mossa sarà quella di aumentare le tasse. E' già al lavoro una schiera di fiscalisti e di avvocati specializzati, sollecitati per preparare i traslochi dei loro facoltosi clienti. La battuta che circola a Parigi è la seguente: la sigla Isf (patrimoniale) non significa "impôt de solidariété sur la fortune" (imposta di solidarietà sulla fortuna) ma "invitation à sortir de France" (invito a uscire dalla Francia).

I vostri commenti
3
scrivi

Stai visualizzando  dei 3 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo
    Collection precedente Collection successiva
    FAMIGLIA CRISTIANA
    € 104,00 € 92,90 - 11%
    MARIA CON TE
    € 52,00 € 39,90 - 23%
    CUCITO CREATIVO
    € 64,90 € 43,80 - 33%
    CREDERE
    € 88,40 € 52,80 - 40%
    FELTRO CREATIVO
    € 22,00 € 0,00 - 18%
    BENESSERE
    € 34,80 € 29,90 - 14%
    AMEN, LA PAROLA CHE SALVA
    € 46,80 € 38,90 - 17%
    IL GIORNALINO
    € 117,30 € 91,90 - 22%
    JESUS
    € 70,80 € 60,80 - 14%
    GBABY
    € 34,80 € 28,80 - 17%
    GBABY
    € 69,60 € 49,80 - 28%