logo san paolo
sabato 08 agosto 2020
 
genova
 

Il prete minacciato per i migranti: «Dicano che hanno paura del diverso e incontriamoci»

25/10/2017  Parla don Giacomo Martino, il sacerdote contestato da un gruppo di abitanti di Multedo, quartiere del Ponente di Genova, per aver ospitato dieci migranti in un ex asilo: «Non è vero che sono stati sfrattati i bambini per far posto a queste persone, basta strumentalizzazioni»

Un momento della manifestazione del 24 ottobre a Multedo
Un momento della manifestazione del 24 ottobre a Multedo

«Lasciate in pace quei migranti, confrontatevi con me piuttosto. E soprattutto smettetela di tirare in ballo l’asilo che è stato chiuso due anni fa per mancanza di bambini. Non c’è stato nessuno sfratto dei bimbi per ospitare queste dieci persone. Basta strumentalizzazioni». È amareggiato don Giacomo Martino, direttore dell’ufficio diocesano di Migrantes, per le proteste di un gruppo di abitanti di Multedo, quartiere del Ponente di Genova, dove dieci giorni fa sono arrivati dieci immigrati che ora si trovano nei locali dell’ex asilo “Contessa Govone” gestito fino a due anni fa dalle suore e ora preso in affitto dall’Ufficio diocesano di Migrantes.

Don Giacomo, che è cappellano del carcere e dei Sert genovesi e anche aiuto pastorale nella parrocchia Santa Maria delle Grazie di Sanpierdarena, da giorni è nel mirino di alcuni abitanti del quartiere che protestano per la presenza di dieci migranti che arrivano prevalentemente dall’Africa (Gambia, Senegal, Nigeria) e Afghanistan. «La gente», spiega don Giacomo, «continua a insistere sull’asilo perché dal punto di vista comunicativo fa breccia, della serie: “hanno buttato fuori i bambini per far posto ai migranti”. Non è vero. Io sono un uomo di mare e mi piace ragionare sui problemi concreti. Le persone che protestano mi dicano chiaramente che hanno paura, anche comprensibile, nei confronti del nero e del diverso e io li faccio incontrare. Organizzo una merenda insieme a questi ragazzi però senza telecamere e cameraman altrimenti diventa una messinscena per finire sui giornali».

Don Giacomo Martino
Don Giacomo Martino

«Quelli che protestano sono 150 su seimila persone»

Don Giacomo non è un tipo che si scoraggia: «Sono persone come noi, finiamola con i presidi davanti alla struttura, i giochini dei bimbi tirati fuori, le letterine a Gesù Bambino perché restituisca l’asilo», si sfoga. «I ragazzi quando tornano la sera sono terrorizzati, si chiudono all’interno perché hanno paura. E poi, in tutto, a Multedo ci sono 25 migranti. Il municipio del Centro Storico di Genova sa quanti ne ospita? 640. Gli altri municipi, in media, ne hanno 280. È mai possibile che si debba arrivare a questo livello di conflitto con dibattiti surreali sui social e ingigantiti ad arte dai media?».

Don Giacomo ridimensiona anche la notizia delle minacce che avrebbe ricevuto: «Nessuna minaccia, era una lettera di una signora un po’ sopra le righe, arrabbiata. Io ripeto continuamente alla gente di non avere paura e quindi non posso averne io».

A Multedo martedì sera c’è stata una fiaccolata di protesta con bandiere e striscioni dove si citavano frasi di Giovanni Paolo II: “La fiducia bisogna meritarla con gesti e fatti concreti”, “La fiducia non si acquista con la forza”. Don Giacomo ridimensiona l’evento: «Erano 150 persone su seimila residenti. Una cinquantina invece è a favore dell’accoglienza». Don Giacomo ci tiene a spiegare il lavoro che Migrantes e la diocesi di Genova fanno per accogliere e integrare queste persone: «A Coronata», spiega, «abbiamo un campus con 240 richiedenti asilo che tutti i giorni lavorano, studiano l’italiano, fanno corsi professionali e di cura della persona. Di giorno fanno queste attività e la sera tornano a dormire nelle case prese in affitto da Migrantes. La domenica incontrano il territorio, le parrocchie e le associazioni locali proprio per favorire un clima di scambio e di dialogo. Poco fa mi ha chiamato la Croce Verde che è disponibile a offrire a 111 migranti un percorso di volontariato. Questa sì che è una bella notizia».

Multimedia
Milano, in mostra la vita sospesa dei migranti alla Stazione Centrale
Correlati
I vostri commenti
12
scrivi

Stai visualizzando  dei 12 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo
    Collection precedente Collection successiva
    FAMIGLIA CRISTIANA
    € 104,00 € 92,90 - 11%
    CREDERE
    € 88,40 € 0,00 - 35%
    MARIA CON TE
    € 52,00 € 39,90 - 23%
    CUCITO CREATIVO
    € 64,90 € 43,80 - 33%
    FELTRO CREATIVO
    € 23,60 € 18,00 - 24%
    AMEN, LA PAROLA CHE SALVA
    € 46,80 € 38,90 - 17%
    IL GIORNALINO
    € 117,30 € 91,90 - 22%
    BENESSERE
    € 34,80 € 29,90 - 14%
    JESUS
    € 70,80 € 60,80 - 14%
    GBABY
    € 34,80 € 28,80 - 17%
    GBABY
    € 69,60 € 49,80 - 28%