logo san paolo
venerdì 06 dicembre 2019
 
VOLTI E STORIE
 

Giubileo dei ragazzi, da Molenbeek a Roma per dire “no” all’odio

24/04/2016  La testimonianza di 127 adolescenti belgi: trenta di essi sono arrivati dal quartiere di Bruxelles passato alla cronaca come la culla dei jihadisti europei. Hanno sfidato la paura, anche quella di volare, per ascoltare Francesco, per condividere un'esperienza di fede con tantissimi loro coetanei e tornare a casa con il mandato di "ambasciatori di pace".

Ci sono anche trenta ragazzi del distretto di Molenbeek, tra i 127 adolescenti del Belgio che partecipano al Giubileo dei ragazzi. Una presenza significativa e desiderata al punto di «superare la paura dell’aereo. Per molti di questi adolescenti quello per Roma è stato, infatti, il primo volo. Nessuno di loro – dice la responsabile e accompagnatrice del gruppo, suor Claire Jonard – ha mostrato preoccupazione per il rischio attentati che pure hanno vissuto direttamente dopo le stragi di Bruxelles» e le successive notizie che hanno fatto passare Molenbeek, zona ad alta densità di immigrati islamici, come la culla degli jihadisti europei.

«Abbiamo preso la decisione di partecipare al Giubileo dopo aver letto l’invito del Papa” racconta la religiosa ricordando il messaggio di papa Francesco per il Giubileo dei ragazzi e delle ragazze. «Vi vorrei chiamare uno a uno – ha scritto il Pontefice – vi vorrei chiamare per nome, come fa Gesù ogni giorno… Crescere misericordiosi significa imparare a essere coraggiosi nell’amore concreto e disinteressato, significa diventare grandi tanto nel fisico, quanto nell’intimo. Voi vi state preparando a diventare dei cristiani capaci di scelte e gesti coraggiosi, in grado di costruire ogni giorno, anche nelle piccole cose, un mondo di pace».

Parole che hanno fatto breccia nel cuore dei ragazzi belgi «nonostante – riconosce suor Jonard – sia difficile per loro vivere e testimoniare la fede in una società secolarizzata come quella del nostro Paese. Abbiamo cominciato a formare nelle parrocchie piccoli gruppi di tre-quattro adolescenti. Un gruppo consistente di ragazzi, sono trenta, arrivano proprio dalla parrocchia del quartiere di Molenbeek, di cui si è molto parlato nei giornali e nelle tv in occasione degli attacchi a Bruxelles. Sono molto felici di partecipare al Giubileo.Sono loro – sottolinea la religiosa – che ogni giorno vivono sul terreno tutte le difficoltà del dialogo e della convivenza ma anche i frutti di bellezza che ne scaturiscono. Abbiamo voluto esser presenti in Piazza San Pietro, tutti insieme, avvolti nella bandiera belga. Per noi è un onore ascoltare il Papa. Sentiamo forte l’impegno di testimoniare ai ragazzi di tutto il mondo ciò che abbiamo vissuto e che stiamo vivendo. Sono i ragazzi i veri costruttori di pace del futuro».


Un pellegrinaggio breve, «arrivo venerdì 22 aprile, partenza domenica 24», ma denso di impegni: «seguiamo – spiega la suora – tutto il programma dell’evento al quale ci siamo preparati con impegno anche perché la gran parte dei ragazzi del gruppo si sta preparando alla Cresima. La preghiera che ci sta accompagnando in questi giorni è che i nostri ragazzi possano tornare a casa rafforzati nella fede da un’esperienza di Chiesa come il Giubileo. Niente per loro conta di più dell’amicizia e della fiducia. L’incontro con Cristo possa renderli suoi testimoni nelle scuole, nei gruppi, nelle famiglie. L’amicizia con Gesù li aiuti a costruire relazioni forti con i loro coetanei. È – sottolinea suor Jonard – il primo incontro giubilare di un Papa con gli adolescenti. Si tratta di un’età difficile in cui si pongono domande e si chiedono risposte. Un tempo, per citare ancora il Pontefice, di cambiamenti, in cui tutto sembra possibile e impossibile nello stesso tempo. Potranno testimoniare la loro fede con più forza e coscienza. Siamo partiti dal Belgio con la consapevolezza che non bisogna cedere alle parole di odio e di terrore che sempre più spesso si sentono in giro. Il Giubileo chiama tutti, anche i più giovani, alla misericordia e al perdono.Vogliamo tornare da Roma, dopo aver sfidato la paura, con un mandato di ambasciatori di pace e di amicizia per il Belgio e per l’Europa».

Daniele Rocchi
da uno speciale sul Giubileo dei ragazzi
pubblicato dall'agenzia di stampa Sir
(Servizio informazione religiosa)

I vostri commenti
1
scrivi

Stai visualizzando  dei 1 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo
    Collection precedente Collection successiva
    FAMIGLIA CRISTIANA
    € 104,00 € 92,90 - 11%
    MARIA CON TE
    € 52,00 € 39,90 - 23%
    CUCITO CREATIVO
    € 64,90 € 43,80 - 33%
    CREDERE
    € 88,40 € 52,80 - 40%
    FELTRO CREATIVO
    € 22,00 € 0,00 - 18%
    BENESSERE
    € 34,80 € 29,90 - 14%
    AMEN, LA PAROLA CHE SALVA
    € 46,80 € 38,90 - 17%
    IL GIORNALINO
    € 117,30 € 91,90 - 22%
    JESUS
    € 70,80 € 60,80 - 14%
    GBABY
    € 34,80 € 28,80 - 17%
    GBABY
    € 69,60 € 49,80 - 28%