logo san paolo
giovedì 20 settembre 2018
 
NUOVE POVERTà
 

Un aiuto per l'affitto ai genitori separati

24/05/2018  Nella lotta all'aumento dei nuovi poveri, tra cui sono sempre più numerosi genitori separati con figli piccoli, la Regione Lombardia ha approvato nuove misure economiche. Lo scopo è favorire il pagamento dell'affitto o della ristrutturazione della casa.

Lo mostrano tutti gli ultimi dati, nella categoria dei nuovi poveri da alcuni anni sono entrati, in buon numero, i genitori separati. In particolare i padri, causa l'aumento dei divorzi, del costo della vita, la crisi del lavoro, la diminuzione degli stipendi, e la difficoltà a pagare l'assegno di mentenimento e una nuova abitazione, facilmente si trovano ad affrontare fatiche enormi per arrivare alla fine del mese.  O addirittura a non riuscire più a mantenersi dignitosamente. Tutte situazioni che rendono, inoltre, difficile, se non impossibile, mantenere una relazione serena con i figli. 

Le mamme non se la passano meglio. Anche se spesso nella causa di separazione ottengono facilmente il diritto a vivere nella casa coniugale, subiscono comunque un drastico impoverimento nel tenore di vita. Situazioni che incidono in maniera particolarmente grave nelle fasce medio-basse della popolazione.

A questa situazione cerca di rispondere la Regione Lombardia con un intervento, di sostegno abitativo rivolto a genitori separati o divorziati con figli minori. Un aiuto per cui sono stati stanziati sei milioni di euro

Un bando che, a chi è in possesso dei requisiti, permette di ricevere un contributo sia per l'affitto (fino al 30% del canone annuo) sia per il recupero e la riqualificazione degli immobili (fino al 90% della spesa). Questa misura è stata presentata dall'assessore alla Famiglia, Genitorialità e Pari opportunità.

 

I vostri commenti
1
scrivi

Stai visualizzando  dei 1 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo