logo san paolo
martedì 13 novembre 2018
 
Chiedi al Teologo
 

Gli atei possono ottenere l’aiuto di Dio?

16/01/2017 

F. D. L’incredulità dei nazareni impedì a Gesù di compiere miracoli. Perché su Famiglia Cristiana si esaltano persone dichiaratamente atee, quando senza la fede non è realizzabile l’aiuto di Dio?

Il giudizio sulla fede delle persone non spetta a noi, ma a Dio. Il fatto che senza il presupposto della fede Gesù non compia miracoli o segni non implica una condanna assoluta di tutto l’agire e il pensare di quanti non credono in lui o in Dio. La Chiesa e la teologia da sempre ci invitano a leggere le tracce di bene, di vero e di bello presenti anche fuori del Cristianesimo, come «semi del Verbo», arrivando, con il grande martire Giustino, a dire che «coloro che hanno vissuto secondo il Logos, anche se sono considerati atei, sono cristiani». Il fatto che in Gesù Verbo incarnato ci sia donata tutta la verità, non vuol dire che fuori della fede in lui ci siano solo nefandezze e falsità, né che noi possediamo il monopolio del vero e del bene, in quanto fede, speranza e carità spesso convivono col nostro peccato, che siamo chiamati a confessare per implorare la divina misericordia.

Tag:
I vostri commenti
42
scrivi

Stai visualizzando  dei 42 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo