logo san paolo
sabato 19 settembre 2020
 
 

Beppe e l'utopia della democrazia diretta

26/02/2014  Quella dei pentastellati è una replica fuori tempo del metodo ateniese: una testa un voto. Ma la politica nelle società moderne non può che essere mediazione di interessi complessi.

C’è qualcosa di plasticamente inquietante nel tono in cui Beppe Grillo liquida sul suo blog la questione dissidenti. “Dobbiamo vincere le elezioni europee e le vinceremo”, scrive. Il leader maximo va veloce. E usa parole di pietra.  Vincere… e vinceremo,  “frase calco” di altri ventenni. Stavolta, però, si va oltre. Da sempre per il leader 5stelle, il “bivacco per i miei manipoli” non è più Montecitorio ma il Web. E’ su Internet che si sta consumando la prima lacerazione nella storia del movimento. È in rete che i quattro reprobi postano i  video a loro difesa. Soprattutto, è nello spazio “democraticamente aperto” del Web che si emettono anatemi e si compiono mattanze mediatiche. «Voterò sì per l'espulsione» scrive per esempio il deputato M5s Alessandro Di Battista.  Che avanza un sospetto, antico come Giuda: “Andate sul sito "tirendiconto.it" e date un'occhiata alle restituzioni di tutti quanti. Se io volessi tenermi più soldi di quelli che mi spettano io non avrei dubbi, inizierei a criticare il gruppo, l'assemblea e Grillo. Mi trasformerei in dissidente”.  Altro che diverso parere. E’ tutta questione di soldi.

Troppo facile liquidare così la faccenda. Perché in ballo c’è altro. Una vera “torsione” dell’idea stessa di democrazia. Indubbiamente la rete è per definizione una struttura democratica, nel senso etimologico del termine. E’ orizzontale, paritaria, anarchica e indocile. Non vi è chi controlli, né censuri, né moderi. Il punto è che  i Grillini hanno fatto di tutto ciò una “narrazione”, l’hanno elevata a retorica, l’hanno plasmata su di loro quasi vantandone un’esclusiva. La rete taglia le mediazioni e va dritta al cuore delle decisioni. E’ lo strumento di una inedita democrazia ateniese dell’era tech, che si ciba di primarie e quirinarie (di infimi numeri per’altro). Una testa un voto, e punto.

Peccato che tra Pericle e Grillo ci siano circa 2500 anni. E che oggi tutto è possibile tranne che procedere alla “ateniese”. Nella sua furia iconoclasta  esibita come vessillo,  Grillo probabilmente non conosce il senso della parola “poliarchia”, alla lettera “molti poteri”,  copyright di Robert Dahl, scienziato della politica, autore di capolavori  della disciplina (su tutti Prefazione a una teoria democratica, anno 1954) e per decenni docente ad Harvard. Per Dahl,  morto nemmeno un mese fa, le democrazie moderne sono caratterizzate da un pulviscolo di poteri in concorrenza tra loro, una galassia in cui è difficile discernere un centro. Poteri in sospensione, a volte antagonisti, altre volte solidali,  spesso in frizione. Le società moderne, dice in sostanza Dahl,  sono complesse perché molti sono gli interessi da mediare, da comporre, a cui dare rappresentanza e possibilmente soluzione. La politica, che è calco della società, non può che essere cosa complessa. A noi pare concetto lampante, indiscutibile.  E ci sembra proprio il contrario dell’idea di democrazia radicale, di massa e plebiscitaria di cui i grillini si sono fatti in questi anni portatori.

Per i fautori di questa utopia fuori tempo il potere è uno solo, la realtà è bianca o nera, gli uomini si dividono in corrotti e puliti, gli aderenti a un partito in fedeli e traditori. Così facendo Grillo ha spostato il fuoco del discorso della sua politica  dal risultato al processo. Quel che importa è il meccanismo con cui si decide, non quel che si decide. E’ quanto è andato in streaming prima tra i pentastellati e Bersani e poi con  Renzi.  Nessun intento di ascoltare, né risolvere, ma una critica radicale al metodo usato dall’interlocutore, fatto di mediazione, dunque politico per antonomasia. I Grillini si ritengono depositari del giusto metodo, ma si disinteressano del risultato. Votano per alzata di mano ma non sanno per quale causa. Una testa e un voto, il resto,  cioè il quid,  è problema d’altri. Nell’era del web grillino la democrazia diretta si rivela insomma un cielo disperatamente vuoto. E quella di Grillo è l’irresistibile leggerezza della politica. Di massa ma priva di scopi. Pura retorica.

I vostri commenti
5
scrivi

Stai visualizzando  dei 5 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo
    Collection precedente Collection successiva
    FAMIGLIA CRISTIANA
    € 104,00 € 0,00 - 11%
    CREDERE
    € 88,40 € 0,00 - 35%
    MARIA CON TE
    € 52,00 € 39,90 - 23%
    CUCITO CREATIVO
    € 64,90 € 43,80 - 33%
    FELTRO CREATIVO
    € 23,60 € 18,00 - 24%
    AMEN, LA PAROLA CHE SALVA
    € 46,80 € 38,90 - 17%
    IL GIORNALINO
    € 117,30 € 91,90 - 22%
    BENESSERE
    € 34,80 € 29,90 - 14%
    JESUS
    € 70,80 € 60,80 - 14%
    GBABY
    € 34,80 € 28,80 - 17%
    GBABY
    € 69,60 € 49,80 - 28%