logo san paolo
giovedì 22 aprile 2021
 
 

Il caso di Bryan nato senza gambe e dei suoi genitori

11/01/2016  Marina Casini, esperta di bioetica, ricorda che venire al mondo non può mai essere un danno. Riconoscerlo presuppone l’affermazione di un diritto di uccidere. Ma una cosa è certa: tutte le famiglie in cui vi sono persone disabili meritano di essere aiutate anche economicamente dalla solidarietà pubblica dello Stato.

All’inizio dell’anno a Parma è nato Bryan senza gambe dalle ginocchia in giù e i genitori si sono rivolti ad un legale per chiedere il risarcimento del danno ai medici che non avevano scoperto la malformazione durante la gravidanza e non avevano così consentito alla madre di abortire.

Il caso, in sé doloroso, è ancor più inquietante per le implicazioni giuridiche
che vi si vorrebbero collegare. La nascita può essere una danno? Chi ha diritto al risarcimento? Il figlio costretto a condurre una vita infelice? I genitori gravati dall’obbligo di mantenerlo? Gli eventuali fratelli privati delle attenzioni che i genitori devono dedicare in modo assorbente al figlio malato o con disabilità? E perché il figlio non potrebbe agire contro la madre che, informata della malformazione, non lo ha abortito?

 Il caso non è nuovo. In Francia nel 2000 aveva suscitato gran clamore il caso Perruche, il piccolo affetto da una malattia ereditaria in rappresentanza del quale i genitori avevano agito contro i medici. Nella sentenza della Cassazione transalpina si legge: “il danno è la vita e l’assenza di danno è la morte. La morte diviene un dolore preferibile alla vita”. Ma due anni dopo, il 4 marzo 2002 fu approvata la legge n. 203 per cui nessuno può far valere un pregiudizio derivante soltanto dal fatto della nascita.

 In Italia sono state pronunciate sentenze di contrastante contenuto, ma di recente (22 dicembre 2015) è intervenuta la sentenza delle Sezioni Unite della Cassazione, la quale, con la massima autorità giudiziaria (le “sezioni unite”!) ha stabilito due principi fondamentali: 1) la nascita non può essere considerata un danno e non esiste un diritto a nascere sani; 2) non vi è automatismo tra l’accertamento di una grave malformazione del figlio e l’aborto, perché si deve comunque provare rigorosamente che l’accertamento dell’anomalia avrebbe determinato una grave malattia fisica o psichica della madre, non essendo ammessa nel nostro ordinamento la eliminazione di un figlio esclusivamente per ragioni eugenetiche. Bisogna anche “soppesare – ha scritto la Corte – il rischio di una reificazione dell’uomo, la cui vita verrebbe ad essere apprezzabile in ragione della sua integrità psicofisica”.

 Questa decisione è importante ma non risolve tutti i problemi. Esclude che il figlio possa agire in proprio – naturalmente rappresentato dai genitori – per essere risarcito del danno da nascita, ma ammette che i medici avevano un dovere di informazione nei confronti della madre, la cui violazione determina un danno, ove si dimostri la conseguente malattia della madre e la sicurezza che ella in tal caso avrebbe abortito. Ma quale è la misura del risarcimento, se la nascita non è un danno? La risposta deve affrontare la questione se l’aborto sia un diritto sia pure sottoposto a condizioni, ovvero sia la risposta ad uno stato di necessità. Nel secondo caso la legittimazione di un comportamento altrimenti illecito non implica il diritto ad un risarcimento, qualora l’interessata non si sia avvalsa dello stato di necessità per compiere lecitamente l’azione uccisiva.

 Come si vede la questione merita ulteriori approfondimenti.
Ma, intanto, una cosa è certa: tutte le famiglie in cui vi sono persone disabili meritano di essere aiutate anche economicamente, ma è la solidarietà pubblica dello Stato che deve provvedere, non surrettiziamente un risarcimento privato del “danno da nascita”, il cui presupposto è l’affermazione di un diritto di uccidere.

I vostri commenti
15
scrivi

Stai visualizzando  dei 15 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo
    Collection precedente Collection successiva
    FAMIGLIA CRISTIANA
    € 104,00 € 0,00 - 11%
    CREDERE
    € 88,40 € 57,80 - 35%
    MARIA CON TE
    € 52,00 € 39,90 - 23%
    CUCITO CREATIVO
    € 64,90 € 43,80 - 33%
    FELTRO CREATIVO
    € 23,60 € 18,00 - 24%
    AMEN, LA PAROLA CHE SALVA
    € 46,80 € 38,90 - 17%
    IL GIORNALINO
    € 117,30 € 91,90 - 22%
    BENESSERE
    € 34,80 € 29,90 - 14%
    JESUS
    € 70,80 € 60,80 - 14%
    GBABY
    € 34,80 € 28,80 - 17%
    GBABY
    € 69,60 € 49,80 - 28%
    I LOVE ENGLISH JUNIOR
    € 69,00 € 49,90 - 28%
    PAROLA E PREGHIERA
    € 33,60 € 33,50
    VITA PASTORALE
    € 29,00
    GAZZETTA D'ALBA
    € 62,40 € 53,90 - 14%