logo san paolo
domenica 18 aprile 2021
 
 

Il Papa: «Come la Chiesa, l'università delle mamme è il cuore»

18/09/2013  All'udienza generale di mercoledì Francesco è tornato a parlare dell'immagine della Chiesa come madre: «Essa», ha spiegato, «è così, è una mamma misericordiosa, che capisce, che cerca sempre di aiutare, di incoraggiare anche di fronte ai suoi figli che hanno sbagliato e che sbagliano, non chiude mai le porte della Casa; non giudica, ma offre il perdono di Dio, offre il suo amore che invita a riprendere il cammino anche a quei suoi figli che sono caduti in un baratro profondo». Poi l'appello sulla Siria e l'invito ai cattolici per pregare per la pace

Per amare i propri figli le mamme non hanno bisogno di studiare sui libri perché «l’università delle mamme è il proprio cuore: lì imparano come portare avanti i figli. E questo è bello! La Chiesa fa la stessa cosa: orienta la nostra vita, ci dà degli insegnamenti per camminare bene».

Dopo la messa a Santa Marta del giorno prima, all’udienza generale di mercoledì mattina in piazza San Pietro papa Francesco è tornato a parlare della Chiesa usando l’immagine della madre e sottolineando come l’amore materno che non giudica ma ama «senza paura» e senza giudicare è lo stesso della Chiesa: «Essa», ha spiegato, «è così, è una mamma misericordiosa, che capisce, che cerca sempre di aiutare, di incoraggiare anche di fronte ai suoi figli che hanno sbagliato e che sbagliano, non chiude mai le porte della Casa; non giudica, ma offre il perdono di Dio, offre il suo amore che invita a riprendere il cammino anche a quei suoi figli che sono caduti in un baratro profondo, la mamma non ha paura di entrare nella loro notte per dare speranza. E la Chiesa non ha paura di entrare nella nostra notte, quando siamo nel buio dell’anima, della coscienza, per darci speranza: eh, la Chiesa è Madre e fa così!».

All’inizio dell’udienza il Papa ha spiegato perché ha voluto insistere sulla metafora della Chiesa madre: «A me piace tanto questa immagine questo ho voluto ritornare, perché questa immagine mi sembra che ci dica non solo come è la Chiesa, ma anche quale volto dovrebbe avere sempre di più la Chiesa, questa nostra Madre Chiesa».

Francesco ha sottolineato tre cose, «sempre guardando alle nostre mamme, a tutto quello che fanno, che vivono, che soffrono per i propri figli, continuando quello che ho detto mercoledì scorso. E io mi domando: che cosa fa una mamma?» Il Papa ha risposto: «Prima di tutto insegna a camminare nella vita, insegna ad andare bene nella vita, sa come orientare i figli, cerca sempre di indicare la strada giusta nella vita per crescere e diventare adulti. E lo fa con tenerezza, con affetto, con amore, sempre anche quando cerca di raddrizzare il nostro cammino perché sbandiamo un poco nella vita o prendiamo strade che portano verso un burrone. Una mamma sa che cosa è importante perché un figlio cammini bene nella vita, e non l’ha imparato dai libri, eh?, l’ha imparato dal proprio cuore. L’università delle mamme è il proprio cuore: lì imparano come portare avanti i figli. E questo è bello!».

Poi ha detto che la Chiesa attraverso i suoi insegnamenti e i suoi comandi orienta la nostra vita: «Pensiamo ai dieci Comandamenti: ci indicano una strada da percorrere per maturare, per avere dei punti fermi nel nostro modo di comportarci. E sono frutto – ma, sentite bene questo: i Comandamenti sono frutto della tenerezza, dell’amore stesso di Dio che ce li ha donati. Voi potrete dirmi: ma sono dei comandi! Sono un insieme di “no”, “no”, “no”! Io vorrei invitarvi a leggerli – forse li avete un po’ dimenticati – e poi di pensarli in positivo. Vedrete che riguardano il nostro modo di comportarci verso Dio, verso noi stessi e verso gli altri, proprio quello che ci insegna una mamma per vivere bene. Ci invitano a non farci idoli materiali che poi ci rendono schiavi, a ricordarci di Dio, ad avere rispetto per i genitori, ad essere onesti, a rispettare l’altro… Provate a vederli così e a considerarli come se fossero le parole, gli insegnamenti che dà la mamma per andare bene nella vita. Una mamma non insegna mai ciò che è male, vuole solo il bene dei figli, e così fa la Chiesa».

Poi il Papa ha aggiunto: «Quando un figlio cresce, diventa adulto, prende la sua strada, si assume le sue responsabilità, cammina con le proprie gambe, fa quello che vuole, e, a volte, capita anche di uscire di strada, capita qualche incidente. La mamma sempre, in ogni situazione, ha la pazienza di continuare ad accompagnare i figli. Ciò che la spinge è la forza dell’amore; una mamma sa seguire con discrezione, con tenerezza il cammino dei figli e anche quando sbagliano trova sempre il modo per comprendere, per essere vicina, per aiutare. Noi diciamo che una mamma – nella mia terra lo diciamo – che una mamma sa “dar la cara”. Cosa vuol dire, quello? Una mamma sa “metterci la faccia” per i propri figli, cioè è spinta a difenderli, sempre. Penso alle mamme che soffrono per i figli in carcere o in situazioni difficili: non si domandano se siano colpevoli o no, continuano ad amarli e spesso subiscono umiliazioni, ma non hanno paura, non smettono di donarsi. Le mamme sanno metterci la faccia, per i figli. La Chiesa è così, è una mamma misericordiosa, che capisce».

In conclusione, Francesco ha ricordato santa Monica, la madre di Agostino, additandola come esempio di donna sollecita e premurosa nei confronti del figlio: «Una mamma», ha detto, «sa anche chiedere, bussare ad ogni porta per i propri figli, senza calcolare, lo fa con amore. E penso a come le mamme sanno bussare anche e soprattutto alla porta del cuore di Dio! Le mamme pregano tanto per i propri figli, specialmente per quelli più deboli, per quelli che hanno più bisogno, per quelli che nella vita hanno preso vie pericolose o sbagliate. Poco settimane fa ho celebrato nella chiesa di sant’Agostino, qui a Roma, dove sono conservate le reliquie della madre, santa Monica. Quante preghiere ha elevato a Dio quella santa mamma per il figlio, e quante lacrime ha versato! Penso a voi, care mamme: quanto pregate per i vostri figli, senza stancarvi! Continuate a pregare, ad affidare i vostri figli a Dio; Lui ha il un cuore grande! Bussate alla porta, quella, al cuore di Dio, con la preghiera, per i figli. E così fa la Chiesa, anche».

Prima della benedizione finale il Pontefice ha lanciato un nuovo appello sulla Siria e la pace nel mondo, auspicando che nel paese siriano la «tragedia umana» si risolva «con il dialogo e la trattativa, nel rispetto della giustizia e della dignità, specialmente dei più deboli».
Infine, in occasione della Giornata mondiale della pace che l'Onu celebra giovedì e cui aderisce il Consiglio ecumenico delle Chiese, il Papa ha rivolto un appellò ai cattolici perché si impegnino per la pace «nei luoghi più tormentati del pianeta e lavorino a soluzioni diplomatiche e politiche nei focolai di guerra che ancora preoccupano».

I vostri commenti
0
scrivi
 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo
Collection precedente Collection successiva
FAMIGLIA CRISTIANA
€ 104,00 € 0,00 - 11%
CREDERE
€ 88,40 € 57,80 - 35%
MARIA CON TE
€ 52,00 € 39,90 - 23%
CUCITO CREATIVO
€ 64,90 € 43,80 - 33%
FELTRO CREATIVO
€ 23,60 € 18,00 - 24%
AMEN, LA PAROLA CHE SALVA
€ 46,80 € 38,90 - 17%
IL GIORNALINO
€ 117,30 € 91,90 - 22%
BENESSERE
€ 34,80 € 29,90 - 14%
JESUS
€ 70,80 € 60,80 - 14%
GBABY
€ 34,80 € 28,80 - 17%
GBABY
€ 69,60 € 49,80 - 28%
I LOVE ENGLISH JUNIOR
€ 69,00 € 49,90 - 28%
PAROLA E PREGHIERA
€ 33,60 € 33,50
VITA PASTORALE
€ 29,00
GAZZETTA D'ALBA
€ 62,40 € 53,90 - 14%