logo san paolo
domenica 29 marzo 2020
 
Dopo il "Rosario ai confini"
 

Il Primate cattolico polacco: «Sospenderò a divinis i preti anti-immigrati»

19/10/2017  Monsignor Wojciech Polack, arcivescovo di Gniezno e primate di Polonia, torna sull’argomento con un’ammonizione pesante per i preti della sua diocesi. E ribadisce che per i credenti l’obbligo di accogliere i rifugiati è «principalmente un obbligo evangelico»

Lo aveva detto due anni fa quando apparvero i primi sondaggi che indicavano in oltre la metà i polacchi contrari all’accoglienza dei profughi del Medio Oriente: «Accogliere i migranti è una grande sfida e una prova per il nostro spirito cristiano».

Ora, due anni e molte polemiche dopo, mons. Wojciech Polack, arcivescovo di Gniezno e primate di Polonia, torna sull’argomento con un’ammonizione pesante per i preti della sua diocesi: «Sospenderò a divinis i sacerdoti che parteciperanno a manifestazioni anti-immigrati».

Il primate è intervenuto una settimana dopo il “Rosario ai confini”, organizzato con l’appoggio del governo conservatore della destra nazionalista e approvato dalla Conferenza episcopale polacca, da innumerevoli associazioni cattoliche polacche, che ha suscitato molte polemiche. 

Mons. Polak lo ha annunciato in un’intervista sul settimanale cattolico di Cracovia Tygodnik Powszechny, che era il giornale di riferimento in Polonia di Giovanni Paolo II: «Non ho alcuna alternativa in quanto responsabile della mia diocesi. In una situazione in cui ci sono preti che esplicitamente sostengono una parte in conflitto, debbo agire immediatamente».

In Polonia quasi tutti i vescovi, i sacerdoti e i media cattolici hanno sempre appoggiato la politica del Governo, che ha rifiutato le quote di accoglienza previste dall’Unione europea, come hanno fatto Ungheria, Repubblica Ceca e Slovacchia, i Paesi che appartengono al cosiddetto Gruppo di Visegrad.

Il primate ha ribadito che per i credenti l’obbligo di accogliere i rifugiati è «principalmente un obbligo evangelico» e ha aggiunto che con queste parole non intende fare politica.

L’intervista ha suscitato polemiche in Polonia.

Multimedia
Polonia, Rosario alle frontiere: le immagini più significative
Correlati
I vostri commenti
58
scrivi

Stai visualizzando  dei 58 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo
    Collection precedente Collection successiva
    FAMIGLIA CRISTIANA
    € 104,00 € 92,90 - 11%
    CREDERE
    € 88,40 € 0,00 - 35%
    MARIA CON TE
    € 52,00 € 39,90 - 23%
    CUCITO CREATIVO
    € 64,90 € 43,80 - 33%
    FELTRO CREATIVO
    € 23,60 € 18,00 - 24%
    AMEN, LA PAROLA CHE SALVA
    € 46,80 € 38,90 - 17%
    IL GIORNALINO
    € 117,30 € 91,90 - 22%
    BENESSERE
    € 34,80 € 29,90 - 14%
    JESUS
    € 70,80 € 60,80 - 14%
    GBABY
    € 34,80 € 28,80 - 17%
    GBABY
    € 69,60 € 49,80 - 28%