logo san paolo
martedì 26 gennaio 2021
 
dossier
 

Il valore inestimabile del lavoro delle mamme

07/05/2016  Tutti le festeggiano, ma nessuno lo sa. Quanto vale il lavoro delle mamme? Sarebbe giusto riconoscere loro uno stipendio come per tutti gli altri lavori? E se sì, a quanto ammonterebbe. Il calcolo di Viking Italia e le proposte dell’associazione Evita Peron e della comunità Giovanni XXIII.

Tutti festeggiano la mamma, ma qualcuno si è chiesto che valore ha il suo lavoro quotidiano e puntuale? Viking Italia sì. Affermando, correttamente, che essere mamma a tempo pieno equivale a far funzionare una piccola azienda: non si hanno giorni di malattia, si fanno quotidianamente straordinari, ci si occupa di tutto ogni giorno. Una mamma fa da cuoca, autista, insegnante, addetta alle pulizie, contabile e tanto altro ancora. Ogni mamma impiega, in media, 105 ore a settimana per svolgere tutte le attività e il suo stipendio, ipotizzando un’esperienza nei vari settori di circa 8 anni dovrebbe essere di circa 3.950€ lordi al mese. Calcolando il totale in un anno, tredicesima inclusa, si arriva a ben 51.387,83€ lordi, pari a circa 32.500/33.500€ netti, a seconda della regione e delle detrazioni.

Risultato sbalorditivo, ma il tema non cambia. Fare la mamma è un mestiere e come tale va remunerato. Lo stesso che il mese scorso ha spinto l'associazione di Varese, Evita Peron, a lanciare una petizione per far sì che il lavoro a tutti gli effetti di madre e casalinga venga retribuito con un mensile fisso di 500€, più 300€ per ogni figlio al raggiungimento della maggiore età. «Il bonus bebè non serve a nulla, a poco servono ottanta euro mensili» si legge sul sito Citizengo.org; «Le mamme non hanno bisogno di gesti caritatevoli da parte di chi dovrebbe tutelare le famiglie e attuare concrete politiche a loro favore. Difendere il diritto alla maternità ovvero sostenere economicamente la donna che liberamente decida di non “vivere” per strada lavorando fuori casa e sacrificando la vita familiare, ma che voglia essere solo moglie e madre, deve diventare priorità assoluta per la nostra società» dichiara la presidente dell’associazione Desideria Raggi e conclude “con questa raccolta firme popolare chiediamo che ad ogni donna che decide di rimanere a casa a curare i figli, la casa e la famiglia venga corrisposta un'indennità mensile di 500 euro dal matrimonio ed un aumento di 300 euro al mese per ogni figlio messo al mondo fino al compimento del 18° anno età”.

O che anima la proposta della comunità papa Giovanni XXIII di Bologna: uno stipendio di 800 euro netti al mese a tutte le mamme per i primi tre anni di vita del bambino. Come riconoscimento, secondo Paolo Ramonda che ne è il responsabile, della dignità del lavoro della donna «oltre a quello esterno, nella società, che è importantissimo, vogliamo che si riconosca pure il lavoro della maternità, tra le mura domestiche. Questo è il lavoro con la ‘L’ maiuscola, come diceva don Oreste Benzi. Vogliamo che venga recepito il grande valore della maternità».



Fonte: Vikingpo.it

Multimedia
La mamma nella canzone italiana
Correlati
La mamma nella canzone italiana
Correlati
L'arte di essere mamma
Correlati
 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo
Collection precedente Collection successiva
FAMIGLIA CRISTIANA
€ 104,00 € 0,00 - 11%
CREDERE
€ 78,00 € 57,80 - 26%
MARIA CON TE
€ 52,00 € 39,90 - 23%
CUCITO CREATIVO
€ 64,90 € 43,80 - 33%
FELTRO CREATIVO
€ 23,60 € 18,00 - 24%
AMEN, LA PAROLA CHE SALVA
€ 46,80 € 38,90 - 17%
IL GIORNALINO
€ 117,30 € 91,90 - 22%
BENESSERE
€ 34,80 € 29,90 - 14%
JESUS
€ 70,80 € 60,80 - 14%
GBABY
€ 34,80 € 28,80 - 17%
GBABY
€ 69,60 € 49,80 - 28%
I LOVE ENGLISH JUNIOR
€ 69,00 € 49,90 - 28%
PAROLA E PREGHIERA
€ 33,60 € 33,50
VITA PASTORALE
€ 29,00
GAZZETTA D'ALBA
€ 62,40 € 53,90 - 14%