logo san paolo
sabato 24 ottobre 2020
 
Nazione nel caos
 

Il Venezuela è una polveriera

24/01/2019  Juan Guiadó si è autoproclamato presidente e ha il sostegno degli Usa, Maduro resiste e la Russia lo difende. Negli scontri di piazza 26 morti e 300 feriti. La preghiera del papa.

Resta sempre alta la tensione a Caracas da quando, mercoledì, Juan Guaidò, il presidente del parlamento venezuelano,  ha assunto i poteri di presidnete ad interim. Il presidente in carica Nicolas Maduro, erede di Hugo Chavez, parla di golpe e annuncia che non rinuncerà mai alla presidenza accusando gli oppositori del governo di essere dei pagliacci.

Da parte sua Guaidó ha dichiarto di essere disposto a concedere un'amnistia "a tutti coloro che siano disposti a mettersi  dalla parte della Costituzione per recuperare l'ordine istituzionale".

 Juan Guaidó, l’uomo che si è autoprocamato presidente del Venezuela  nella speranza di scalzare dal potere Nicolas Maduro, ha 35 anni ed è laureato in ingegneria industriale. Incominciò ad organizzare manifestazioni contro Hugo Chavez una decina di anni fa, quando strinse rapporti con Leopoldo Lopez, ex sindaco dei Caracas e leader di Volontà Popolare, in seguito condannato agli arresti domiciliari.

Appassionato di baseball e del ballo (eccelle nella salsa), Guaidó è nato in una piccola città portuale vicino Caracas.  Suo padre è pilota, la madre insegnante. Nel 1999 rischiarono tutti di morire (lui, i genitori, gli altri fratelli e sorelle)  a causa di una disastrosa frana . Sposato con Fabiana Rosales, hanno una figlia chiamata Miranda, nata nel 2017 mentre il padre veniva malmenato dalla polizia durante una manifestazione di protesta.

Guaidó è stato eletto nell’Assemblea Nazionale venezuelana nel 2015 con oltre 97.000 voti. Da parlamentare Guaidó ha denunciato più volte la corruzione della classe dirigente attorno al presidente Maduro. L’Assemblea lo ha eletto presidente il 5 gennaio scorso, cinque giorni prima dell’insediamento di Nicolas Maduro per un secondo mandato presidenziale.

Guaidó si è autoproclamato presidente il 23 gennaio, durante una grande manifestazione antigovernativa convocata dall’opposizione a Caracas e in altre città del Venezuela. Maduro lo accusa di essere un golpista appoggiato dai Stati Uniti. Trump si è schierato a sostegno di Guaidó insieme ai governi di Argentina, Brasile, Canada, Cile, Colombia, Ecuador, Paraguay e Perù. In Europa Guaidó gode del sostegnod i Francia e Regno Unito. Dalla parte di Maduro stanno Messico, Bolivia e Cuba. La Russia non ha gradito l’appoggio Trump e ha messo in guardia contro interferenze straniere in Venezuela. Oltre alla Russia, appoggiano Maduro Cina, Messico e Tiurchia.

Papa Francesco, da Panama, come riferisce il direttrore ad intrerim della sala stampa vaticana, Alessandro Gisotii, "segue da vicino l'evolversi della situazione e prega per le vittime e per tutti i venezuelani. La Santa Sede appohgia tutti gli sforzi che permettano di risparmiare ulteriore sofferenza alla popolazione".

Guaidó spera di pilotare la transizione democratica del Venezuela fino a nuove elezioni, ma la tensione resta alta. Negli ultimi giorni si contano almeno 26 morti e 300 feriti. Purtroppo non finirà qui.

Multimedia
La suora in Venezuela: «Papa Francesco, attento! Maduro vuole solo guadagnare tempo»
Correlati
I vostri commenti
1
scrivi

Stai visualizzando  dei 1 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo
    Collection precedente Collection successiva
    FAMIGLIA CRISTIANA
    € 104,00 € 0,00 - 11%
    CREDERE
    € 88,40 € 0,00 - 35%
    MARIA CON TE
    € 52,00 € 39,90 - 23%
    CUCITO CREATIVO
    € 64,90 € 43,80 - 33%
    FELTRO CREATIVO
    € 23,60 € 18,00 - 24%
    AMEN, LA PAROLA CHE SALVA
    € 46,80 € 38,90 - 17%
    IL GIORNALINO
    € 117,30 € 91,90 - 22%
    BENESSERE
    € 34,80 € 29,90 - 14%
    JESUS
    € 70,80 € 60,80 - 14%
    GBABY
    € 34,80 € 28,80 - 17%
    GBABY
    € 69,60 € 49,80 - 28%
    I LOVE ENGLISH JUNIOR
    € 69,00 € 49,90 - 28%
    PAROLA E PREGHIERA
    € 33,60 € 33,50
    VITA PASTORALE
    € 29,00
    GAZZETTA D'ALBA
    € 62,40 € 0,00 - 14%