logo san paolo
domenica 23 febbraio 2020
 
 

L'India si conta, le indiane tremano

24/04/2011  Il censimento mostra che la crescita demografica rallenta, ma gli indiani sono quasi il 20 per cento dell'umanità. Il dramma delle figlie femmine rifiutate.

Gli addetti al censimento in un villaggio dell'India.
Gli addetti al censimento in un villaggio dell'India.

Un anno di lavoro, 500 milioni di dollari e due milioni e mezzo di rilevatori coinvolti: queste le dimensioni del quindicesimo censimento nella storia dell'India, secondo Paese piu' popolato del mondo, che costituisce da solo quasi il 20% dell'umanità.     

     Tre milioni di chilometri quadrati da battere al tappeto, dalle vette dell'Himalaya alle foreste tropicali, dai grattacieli alle capanne. E non sempre senza rischi. Gli abitanti di Sentinel, una delle isole Andamane e Nicobare, per esempio non gradiscono intrusi, e li fanno a pezzi senza tanti complimenti. L'ultimo sistema escogitato dai rilevatori per contare i "sentinelesi" è di lanciare da un elicottero sacchi di cibo e oggetti vari sulle coste dell'isola, per poi contare gli abitanti che si raccolgono intorno ai misteriosi doni  piovuti dal cielo. Nonostante queste ed altre difficoltà, il Governo ha reso infine pubblici i dati ufficiali del sondaggio, che fissano la popolazione indiana a quota 1 miliardo e 210 milioni di abitanti.     

     In dieci anni è come se l'intero Brasile si fosse trasferito in India. Una crescita di 181 milioni di persone, che tuttavia viene letta dagli esperti come un lieve rallentamento nella crescita demografica, che per la prima volta è scesa al di sotto del 20%. Un risultato incoraggiante, tuttavia non sufficiente a cancellare le altre ombre emerse dal censimento. Prima fra tutte la disparità  di nascite in rapporto al genere: 940 femmine ogni 1000 maschietti. Un dato imbarazzante per una tra le maggiori potenze economiche del mondo, che aspirerebbe a cancellare dalla propria immagine simili  segnali  di arretratezza.

Per molte famiglie dell'India, la nascita di una femmina è una "disgrazia".
Per molte famiglie dell'India, la nascita di una femmina è una "disgrazia".

UNA FEMMINA, CHE DISGRAZIA!

   
     Ma nonostante 40 anni di politiche sociali tese a risolvere questo dramma, i numeri parlano chiaro: la nascita di una femmina continua a essere considerata una disgrazia in India e, se possibile, va evitata in tutti i modi. Due sono i metodi più praticati: il feticidio e l'infanticidio. Benché dal 1996 una legge abbia reso illegale la determinazione del genere del feto prima della nascita, cliniche e medici continuano a praticarla per ovvi interessi di lucro. E così in India, ogni giorno, 2.000 bambine che potrebbero nascere non nascono.

     Ma perché è così terribile l'evento di una figlia femmina per una famiglia indiana? In parte per motivi culturali non dissimili a quelli a noi noti, riassunti dal famoso augurio “salute, e figli maschi”. Ma in India, la vera ragione è un'altra,e si chiama “dote”, una tradizione anch'essa fuori legge, tuttavia tuttora saldamente radicata nel sistema sociale. In base a questa istituzione, la famiglia della sposa dovrà provvedere al futuro marito una cifra che spesso equivale ai guadagni di una vita intera. In molti casi il matrimonio indebita entrambi i genitori fino alla morte. Per questo diventa problematico, se non impossibile, soprattutto per le famiglie povere, accettare la nascita di una figlia femmina.     

     Quando le femmine poi sono più di una, la tragedia è annunciata. Sono frequenti i casi di giovani ragazze che, per sollevare i genitori dall'insostenibile peso di procurare loro una dote, scelgono il suicidio.     

     Se il subcontinente non riuscirà a trovare soluzioni capaci di invertire questa tendenza, entro 20 anni la popolazione indiana non solo avrà superato il miliardo e mezzo, ma sarà composta soprattutto da uomini. Chissà che le difficolta' di trovare una sposa non finiscano per convincere i futuri mariti a rinunciare alla smisurata dote o addirittura non li spinga, nella speranza di accaparrarsi  una moglie, a ribaltare la tradizione. Ma anche se ciò avvenisse, ci vorrebbe almeno un secolo per ristabilire l'equilibrio. Per il momento, tuttavia, in India sono ancora troppo poche le bambine che riescono a nascere.

I vostri commenti
5
scrivi

Stai visualizzando  dei 5 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo
    Collection precedente Collection successiva
    FAMIGLIA CRISTIANA
    € 104,00 € 92,90 - 11%
    CREDERE
    € 88,40 € 0,00 - 35%
    MARIA CON TE
    € 52,00 € 39,90 - 23%
    CUCITO CREATIVO
    € 64,90 € 43,80 - 33%
    FELTRO CREATIVO
    € 23,60 € 18,00 - 24%
    AMEN, LA PAROLA CHE SALVA
    € 46,80 € 38,90 - 17%
    IL GIORNALINO
    € 117,30 € 91,90 - 22%
    BENESSERE
    € 34,80 € 29,90 - 14%
    JESUS
    € 70,80 € 60,80 - 14%
    GBABY
    € 34,80 € 28,80 - 17%
    GBABY
    € 69,60 € 49,80 - 28%