logo san paolo
lunedì 24 giugno 2019
 
Scuola
 

Italia "a due marce", ma anche il Sud ha scuole virtuose

07/03/2019 

Io, mio marito e i ragazzi ci siamo trasferiti a Bergamo all’inizio di quest’anno scolastico. Abbiamo dovuto lasciare Potenza per motivi di lavoro e abbiamo iscritto in due scuole lombarde i nostri figli di 8 e 11 anni, rispettivamente in terza elementare e in prima media. L’impatto con la nuova città è stato complesso, non facile, ma anche scolasticamente qualche vantaggio c’è stato: strutture migliori, maggiori servizi. In Italia – penso non sia soltanto una mia impressione – la scuola nazionale e pubblica pedala con due velocità diverse, una per il Nord e una per il Sud. Non lo trovo giusto.

ANTONIETTA

Cara Antonietta, ciò che hai notato è tutt’altro che un’impressione. Lo si legge nero su bianco anche nel rapporto di Legambiente Ecosistema Scuola 2018, giunto quest’anno alla sua diciannovesima edizione. Dal monitoraggio condotto sulla qualità e la sicurezza degli edifici scolastici e sui servizi offerti alle famiglie, mense e scuolabus compresi, emerge infatti una classifica delle città capoluogo: Potenza, dove abitavi fino all’anno scorso, risulta posizionata al 77esimo posto, a un passo dal fondo, Bergamo è invece sul podio al terzo posto, medaglia di bronzo. Al vertice della classifica Bolzano e Trento, con il Trentino Alto Adige che domina sulle altre regioni e le sue due città che presentano gli edifici scolastici non soltanto a norma ma anche al top per innovazione e sostenibilità, con un 6% costruito secondo i criteri della bioedilizia su una media nazionale inferiore all’1% circa. Messina chiude la classifica: in particolare in Sicilia è a rischio sismico il 98,4% delle scuole, ma solo sul 2,4% risulta eseguita la verifica di vulnerabilità sismica. Anche gli scuolabus del Belpaese viaggiano a due velocità diverse: più del 40% delle scuole può contare su questo servizio nelle città capoluogo di provincia del Centro Italia, solo il 13,7% al Sud. Il servizio mensa varia al variare della latitudine: a livello nazionale tre edifici su quattro dispongono di mensa, con punte dell’88,9% al Centro, che diventa 84,9% al Nord, 63,4% al Sud e scende fino al 30,8% nelle Isole, meno di un istituto su tre. Una scuola pubblica, nazionale, come scrivi tu, con un volto ingiustamente diverso da regione a regione. Ma Legambiente, in calce al rapporto, coltiva la speranza riportando le immagini di alcune scuole virtuose anche del Sud: dal nuovo polo scolastico dell’infanzia “Virgilio” di Locri (Reggio Calabria), demolito e ricostruito all’insegna del risparmio energetico e della massimizzazione del comfort ambientale, alla Scuola dell’infanzia Don Tonino Bello di Uggiano La Chiesa (Lecce), riqualificata e munita di pannelli fotovoltaici. Una boccata d’ossigeno e di futuro possibile.

I vostri commenti
0
scrivi
 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo
Collection precedente Collection successiva
FAMIGLIA CRISTIANA
€ 104,00 € 92,90 - 11%
MARIA CON TE
€ 52,00 € 39,90 - 23%
CUCITO CREATIVO
€ 64,90 € 43,80 - 33%
CREDERE
€ 78,00 € 52,80 - 32%
FELTRO CREATIVO
€ 22,00 € 0,00 - 18%
BENESSERE
€ 34,80 € 29,90 - 14%
AMEN, LA PAROLA CHE SALVA
€ 46,80 € 38,90 - 17%
IL GIORNALINO
€ 117,30 € 91,90 - 22%
JESUS
€ 70,80 € 60,80 - 14%
GBABY
€ 34,80 € 28,80 - 17%
GBABY
€ 69,60 € 49,80 - 28%