logo san paolo
giovedì 22 ottobre 2020
 
dossier
 

L'Europa dell'Est è ancora Europa?

09/09/2015  Polonia, Ungheria, Repubblica Ceca e Slovacchia hanno la nostra stessa idea di futuro? I nostri stessi ideali? La storia recente spinge a dubitarne.

Ma l'Europa dell'Est è ancora Europa? Certo, detto così suona molto polemico. Ma prendiamo in esame i fatti. Il cosiddetto Gruppo di Visegrad (Polonia, Ungheria, Repubblica Ceca e Slovacchia) è in rapporti tesi con l'Europa occidentale, sul tema dei migranti ma, prima ancora, sull'atteggiamento da tenere nei confronti della Grecia; e addirittura conflittuali con il più grande vicino a Est, ovvero la Russia. E sono finora riusciti a trascinare nelle proprie scelte l'Europa comunitaria, che non è finora riuscita a varare un serio piano per i flussi migratori proprio a causa di questi Paesi, mentre si è acconciata a pagare il costo del conflitto con la Russia decidendo la politica di sanzioni economiche contro Mosca. Un prezzo salato, che ricade soprattutto su Paesi come Francia, Italia e Germania (prima tra i principali partner economici della Russia) e molto meno, appunto, su quelli del Gruppo di Visegrad. Come sanno bene gli agricoltori che negli scorsi giorni hanno protestato a Bruxelles davanti agli uffici della Ue.

Quando si parla di Europa, e di appartenenza, si fa di solito riferimento al passato comune. Alla storia, a ciò che successe. Ma se si prova a rileggere il "Manifesto di Ventotene", il documento fondativo della nuova identità europea, scritto da Altiero Spinelli con Ernesto Rossi nel 1941, cioè quando nazismo, fascismo e comunismo staliniano erano ancora potentissimi, si nota che in esso si parla soprattutto di futuro. Di ciò che si sarebbe dovuto fare da quel momento in poi.

Ecco, quei grandi e rispettabilissimi Paesi europei del Gruppo di Visegrad hanno davvero un'idea di futuro uguale, o anche solo simile, alla nostra? E' difficile crederlo. Da quando sono riusciti, con tanto serio lavoro e anche grazie ai fondi strutturali con cui la Ue li ha aiutati e li aiuta nel processo di inserimento (Polonia, 80 miliardi ricevuti tra 2007 e 2013; 27 miliardi alla Repubblica Ceca negli stessi anni; 15,3 miliardi alla Slovacchia; 34,3 miliardi di euro all'Ungheria per il periodo 2014-2020), a rilanciarsi dalla depressione post-comunista, questi Paesi hanno quasi sempre fatto scelte difficilmente compatibili con l'appartenenza europea.

Nel 2008, per esempio, Polonia e Repubblica Ceca hanno siglato con gli Usa il trattato per installare lo scudo spaziale che ha una valenza strategica chiaramente anti-russa, coinvolgendo il resto dell'Unione in una scelta complessa e non priva di rischi. Nel 2003, in un'Europa molto restia a schierarsi accanto alle ambizioni neo-coloniali di George Bush e già presaga dei disastri che ne sarebbero derivati, questi Paesi furono i più decisi nel sostenere la necessità e l'utilità dell'intervento militare in Iraq. Oggi, di nuovo accanto alla Gran Bretagna, sono i più decisi nel minare ogni progetto di politica comunitaria sui migranti.

Va all'Europa la prima fedeltà di questi Paesi? E' lecito dubitarne. Va a una serie di ideali comuni e a un futuro condiviso la loro aspirazione? Anche qui, lecito dubitarne. 
   





 

I vostri commenti
28
scrivi

Stai visualizzando  dei 28 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo
    Collection precedente Collection successiva
    FAMIGLIA CRISTIANA
    € 104,00 € 0,00 - 11%
    CREDERE
    € 88,40 € 0,00 - 35%
    MARIA CON TE
    € 52,00 € 39,90 - 23%
    CUCITO CREATIVO
    € 64,90 € 43,80 - 33%
    FELTRO CREATIVO
    € 23,60 € 18,00 - 24%
    AMEN, LA PAROLA CHE SALVA
    € 46,80 € 38,90 - 17%
    IL GIORNALINO
    € 117,30 € 91,90 - 22%
    BENESSERE
    € 34,80 € 29,90 - 14%
    JESUS
    € 70,80 € 60,80 - 14%
    GBABY
    € 34,80 € 28,80 - 17%
    GBABY
    € 69,60 € 49,80 - 28%
    I LOVE ENGLISH JUNIOR
    € 69,00 € 49,90 - 28%
    PAROLA E PREGHIERA
    € 33,60 € 33,50
    VITA PASTORALE
    € 29,00
    GAZZETTA D'ALBA
    € 62,40 € 0,00 - 14%