logo san paolo
martedì 12 novembre 2019
 
Emergenza idrica
 

L'Italia senz'acqua

24/07/2017  Il 2017 si classifica ai primi posti degli anni più caldi da oltre due secoli e la siccità sta facendo davvero paura. Regione per regione la stima della Coldiretti dei danni provocati dalla siccità nel nostro Paese.

Aumento delle temperature estive, sfasamenti stagionali con autunno caldo e primavera anticipata, più elevato numero di giorni consecutivi con temperature estive elevate, ma soprattutto modificazione della distribuzione delle piogge e aumento dell'intensità delle precipitazioni. Secondo  Coldiretti sono gli effetti dei cambiamenti climatici che richiedono interventi strutturali. L'Italia è costretta ad affrontare una grave emergenza che è già costata all'agricoltura perdite per 2 miliardi e che mette a rischio la disponibilità di acqua per usi civili perchè è mancata la programmazione in un Paese che è ricco della risorsa acqua, ma che deve fare i conti con cambiamenti climatici in atto.

Il 2017 si classifica ai primi posti degli anni più caldi da oltre due secoli e la siccità sta facendo davvero paura. Un'analisi, sempre di Coldiretti, sul fronte agricolo mostra danni che ammontano a circa 2 miliardi, mentre la produzione di latte è crollata del 15%. Ecco la mappa dell'emergenza regione per regione:

LOMBARDIA: sui pascoli di montagna si registra in media un calo del 20% di erba a disposizione del bestiame. Le perdite provocate dalla siccità in Lombardia ammontano a circa 90 milioni.

PIEMONTE: soffrono soprattutto le province di Cuneo, Asti e Alessandria dove il forte caldo di questi giorni, oltretutto, sta aggravando la situazione idrica degli alpeggi. La campagna cerealicola sta facendo registrare rese inferiori del 30%.

LIGURIA: risente della siccità soprattutto per gli oliveti dell'Imperiese e nelle zone irrigue di Andora ed Albenga dove soffre anche la coltivazione del pregiato basilico genovese.

VENETO: Dal mese di aprile la regione emesso tre ordinanze sullo stato di crisi per siccità allo scopo di contingentare l'acqua.

TRENTINO ALTO ADIGE: la produzione del primo taglio di fieno è stata falcidiata del 30%, ma la siccità ha fatto ulteriori danni dopo quelli, gravissimi, provocati dalle gelate con perdite anche del 100% in alcune aziende frutticole della Val di Non, della Val di Sole e della Valsugana.

FRIULI VENEZIA GIULIA:  è stato sancito lo stato di stato di «sofferenza idrica».

EMILIA ROMAGNA: la dichiarazione dello stato di emergenza riguarda le zone di Parma e Piacenza dove si registrano danni, soprattutto a pomodoro da industria, cereali, frutta, per oltre 100 milioni ai quali se ne aggiungono altri 50 per nubifragi e grandinate.

TOSCANA: Oltre 200 milioni di euro è la stima dei danni da siccità all'agricoltura stimati. La  Regione ha dichiarato lo stato di emergenza. Solo la perdita di prodotto per grano tenero e duro è valutata in circa 50 milioni di euro.

MARCHE: la Coldiretti stima un danno di circa 30 milioni, a soffrire sono tutte le colture, con crolli di produzione fino al 50%.

UMBRIA: Danni stimati in oltre 60 milioni. Il calo delle precipitazioni porterà a una diminuzione delle rese di grano e orzo (-30/40%) e per i foraggi (-50%).

LAZIO: le criticità maggiori si registrano a Latina dove sono compromessi fino al 50% i raccolti di mais, ortaggi, meloni: i danni si attestano tra 90 e i 110 milioni.

CAMPANIA: La lunga siccità ha messo a dura prova tutte le province. La  Regione ha chiesto lo stato di calamità naturale: i danni sono di circa 200 milioni.

ABRUZZO: nella sola Marsica che contribuisce a generare il 25% del Pil agricolo con 13mila ettari coltivati, si stimano perdite di ricavo, legate alla produzione orticola e zootecnia, di circa 200 milioni.

MOLISE: dighe ai minimi storici, numerosi comuni hanno emanato ordinanze «anti spreco» per salvaguardare le risorse idriche.

PUGLIA: La prolungata siccità ha già causato la perdita di 140 milioni di euro di grano, pomodori da industria e ortaggi.

CALABRIA: I danni toccano i 310 milioni di euro E la Regione ha avviato le procedure per la richiesta della calamità.

SICILIA: costi triplicati per chi è costretto a irrigare i campi, con l'acqua che in alcune zone del catanese non arriva a causa di una rete colabrodo.

SARDEGNA:  nel Sulcis-Iglesiente 4 mila aziende agricole sono rimaste praticamente senz'acqua a causa della siccità e degli incendi: 120 milioni di euro le perdite per tutti i settori agricoli. La Giunta Regionale ha adottato una delibera per chiedere lo stato di calamità naturale.

Oggi puoi leggere GRATIS Famiglia Cristiana, Benessere, Credere, Jesus, GBaby e il Giornalino! Per tutto il mese di agosto sarà possibile leggere gratuitamente queste riviste su smartphone, tablet o pc.

I vostri commenti
2
scrivi

Stai visualizzando  dei 2 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo
    Collection precedente Collection successiva
    FAMIGLIA CRISTIANA
    € 104,00 € 92,90 - 11%
    MARIA CON TE
    € 52,00 € 39,90 - 23%
    CUCITO CREATIVO
    € 64,90 € 43,80 - 33%
    CREDERE
    € 88,40 € 52,80 - 40%
    FELTRO CREATIVO
    € 22,00 € 0,00 - 18%
    BENESSERE
    € 34,80 € 29,90 - 14%
    AMEN, LA PAROLA CHE SALVA
    € 46,80 € 38,90 - 17%
    IL GIORNALINO
    € 117,30 € 91,90 - 22%
    JESUS
    € 70,80 € 60,80 - 14%
    GBABY
    € 34,80 € 28,80 - 17%
    GBABY
    € 69,60 € 49,80 - 28%