logo san paolo
domenica 05 aprile 2020
 
 

La casa per le vacanze, ma senza animali

01/06/2011  Solo il 9% degli immobili in affitto ammette che vengano portati cani e gatti

Se si ha un cane, meglio andare in vacanza in Valle d’Aosta. Qui il 19% delle case in affitto per le vacanze permette di portarlo con sé. Una percentuale bassa, ma molto al di sopra della media nazionale che si attesta intorno al 9%. Un vero e proprio problema per le otto milioni e mezzo di famiglie italiane che convivono con un animale domestico: secondo un’indagine di Immobiliare.it, sulla base dei dati raccolti dal sito CaseVacanza.it, le strutture pet-friendly (cioè che accettano animali) sono poche, anche se la richiesta aumenta. «Questa percentuale molto bassa illustra bene la difficile situazione di chi vuole trascorrere le vacanze con il proprio cane o gatto», afferma Carlo Giordano, Amministratore Delegato di Gruppo Immobiliare.it. «Chi ha un animale domestico, per non separarsene spesso vorrebbe affittare una casa piuttosto che andare in hotel; che la casa vacanza sia “pet-friendly” è una delle prime richieste di chi visita il sito in questo periodo, anche da parte di turisti stranieri». L’accoglienza è diversa a seconda della regione: più disponibili Valle d’Aosta (19%), Abruzzo (15%) ed Emilia Romagna (12%), mentre è difficile trovare una casa per il proprio cane in Lombardia (3%), Marche e Sardegna (4%). Portare in vacanza il proprio cane costa: gli animali non sono inclusi nel prezzo, ma pagano a parte. Il costo varia dai 30 ai 50 euro, per gatti o cani di taglia piccola, mentre per quelli di taglia grande spesso viene applicata una maggiorazione. Anzi, quelli di media e grande taglia sono quelli più freqwuentemente non accettati.

Tag:
I vostri commenti
1
scrivi

Stai visualizzando  dei 1 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo
    Collection precedente Collection successiva
    FAMIGLIA CRISTIANA
    € 104,00 € 92,90 - 11%
    CREDERE
    € 88,40 € 0,00 - 35%
    MARIA CON TE
    € 52,00 € 39,90 - 23%
    CUCITO CREATIVO
    € 64,90 € 43,80 - 33%
    FELTRO CREATIVO
    € 23,60 € 18,00 - 24%
    AMEN, LA PAROLA CHE SALVA
    € 46,80 € 38,90 - 17%
    IL GIORNALINO
    € 117,30 € 91,90 - 22%
    BENESSERE
    € 34,80 € 29,90 - 14%
    JESUS
    € 70,80 € 60,80 - 14%
    GBABY
    € 34,80 € 28,80 - 17%
    GBABY
    € 69,60 € 49,80 - 28%