logo san paolo
martedì 28 settembre 2021
 
crisi di governo
 

Matteo, furbo o sincero?

07/02/2021  Il leader della Lega cambia idea e dice di essere a disposizione di Draghi. Sposa la sua idea di Paese e di Europa per essere nelle stanze dove si deciderà come spendere i soldi in arrivo dall'Ue. E "dimentica" di parlare al premier incaricato del tema dei migranti.

Un inciampo più che un aiuto reale. Il “soccorso verde” promesso a Mario Draghi dalla Lega rischia di creare più di qualche ostacolo alla formazione del nuovo Governo. Lo sa bene Matteo Salvini che, volutamente messi nel dimenticatoio i tempi in cui, da ministro del Conte 1, attaccava aspramente il governatore della Banca centrale europea, si presenta adesso a rivendicare, per il suo partito, una posizione del tutto in linea con il pensiero - sul Paese e sull’Europa - espresso dal presidente del consiglio incaricato. Il tema immigrazione, in questo momento poco di moda, viene tenuto nel cassetto.  «Non potevamo parlare di tutto», dice placido il leader del Carroccio ai giornalisti subito dopo l’incontro della sua delegazione con Draghi. Vuole concentrarsi su come verranno spesi i soldi del recovery plan. «Mister 49 milioni», come lo chiama chi continua a ricordare i soldi che la Lega deve ancora restituire agli italiani, vuole stare nella stanza dove si decide. Parla del futuro delle nuove generazioni, dei cantieri da sbloccare, dei posti di lavoro. E liquida il tema migranti chiedendo che si applichino «con umanità» le politiche dell’Europa. Quella stessa che ebbe da ridire, e in più occasioni minacciando anche sanzioni all’Italia, per la sua gestione del tema quando era ministro dell’Interno. Dobbiamo essere come la Francia e la Germania, continua a dire forse ignorando che la percentuale di migranti in entrambi i Paesi  di gran lunga superiore a quella accolta dall’Italia. Nel nuovo Governo «vuole metterci la faccia», dice Salvini. In altri termini, vuole sedersi su qualche poltrona, assecondando anche la linea di Giancarlo Giorgetti  che vorrebbe entrare nella squadra. E vedremo quanto durerà il suo appoggiare Draghi «senza condizioni», dopo essere passato dal «Draghi deve scegliere tra Grillo e la Lega» e «mai insieme con chi mi ha mandato a processo». Il refrain di queste ore, forse scelto tra quelli che più possono minare il cammino di un Governo solido, è «siamo il primo partito italiano» (secondo i sondaggi che sciorina), e «non mettiamo veti». Vedremo nei prossimi giorni se ci attendono altre giravolte o se il leader della Lega considererà ben assestato il colpo per mettere in difficoltà soprattutto la maggioranza uscente e la formazione di un governo che avrebbe potuto forse contare su qualche ministro del Conte bis. O ancora se sarà sincero il suo appoggio seguendo la linea moderata di Giorgetti e l’appello all’unità del presidente della Repubblica Sergio Mattarella. Oppure se si farà condizionare dai sondaggi che danno una parte del suo elettorato in fuga verso il partito di Giorgia Meloni.

Intanto Draghi si concentra sul programma incontrando anche le parti sociali, in primis i sindacati con i quali si confronterà con l’emergenza dello sblocco dei licenziamenti prevista a fine marzo.  Se «troverà la quadra» il presidente incaricato potrebbe recarsi al Quirinale giù mercoledì, al più tardi giovedì per sciogliere la riserva e presentare la squadra di Governo.

I vostri commenti
0
scrivi
 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo
Collection precedente Collection successiva
FAMIGLIA CRISTIANA
€ 104,00 € 0,00 - 11%
CREDERE
€ 88,40 € 57,80 - 35%
MARIA CON TE
€ 52,00 € 39,90 - 23%
CUCITO CREATIVO
€ 64,90 € 43,80 - 33%
FELTRO CREATIVO
€ 23,60 € 18,00 - 24%
AMEN, LA PAROLA CHE SALVA
€ 46,80 € 38,90 - 17%
IL GIORNALINO
€ 117,30 € 91,90 - 22%
BENESSERE
€ 34,80 € 29,90 - 14%
JESUS
€ 70,80 € 60,80 - 14%
GBABY
€ 34,80 € 28,80 - 17%
I LOVE ENGLISH JUNIOR
€ 69,00 € 49,90 - 28%