logo san paolo
mercoledì 03 giugno 2020
 
Musica e preghiera
 

La mia preghiera a Maria ai tempi del Coronavirus

04/03/2020  Tony Pagliuca, storico autore di una delle più importanti rock band della musica italiana, Le Orme, da quattro anni sta lavorando a un progetto molto ambizioso: un Rosario per soli, coro e orchestra. Il musicista ce lo racconta e ci presenta due video tratti dall'opera

“Ho scelto di pubblicare le prime tre Decine del mio Rosario in musica per affermare la forza della preghiera nello smarrimento che il Coronavirus sta portando nelle nostre anime”. Tony Pagliuca, storico autore di una delle più importanti rock band della musica italiana, Le Orme, da quattro anni sta lavorando a un progetto molto ambizioso: un Rosario per soli, coro e orchestra. “Negli occhi della gente vedo paura, ma anche superbia e tanta ignoranza. In questo momento così confuso, quindi, cosa c’è di meglio che affidarsi alla preghiera?”

Nel video della prima Decina l’immagine del Coronavirus è accompagnata da una voce robotica che canta la melodia che lei ha composto. Perché questa scelta?

“Ho scoperto che esiste in Giappone un robot che svolge le funzioni di un sacerdote. Puoi chiedergli consigli e lui ti risponde. Puoi anche pregare insieme a lui. Ecco, in un mondo in cui molta gente si è allontanata dalla chiesa e dalla spiritualità, ho voluto lanciare una provocazione: e se in futuro i robot pregassero più di noi?”

La melodia delle Decine è costituita dalla ripetizione di pochissime note. C’è un significato simbolico dietro questa scelta?

“Penso che per esprimere grandi cose ci sia bisogno di una semplicità estrema. La mia scommessa è usare tutti gli strumenti del mio bagaglio di musicista per fare in modo che la ripetitività non risulti noiosa e magari avvicinare anche chi non crede”.

Oltre a questo Rosario, lei ha musicato anche un’opera teatrale di Erri De Luca, “In nome della Madre”. Cosa rappresenta per lei Maria?

“Da ragazzo non capivo la parte dell’Ave Maria in cui si dice “Prega per noi, adesso e nell’ora della nostra morte”, perché l’idea della morte mi appariva lontanissima. Ora invece comprendo appieno il suo significato e penso che sia una preghiera adattissima anche ai momenti che stiamo vivendo: sapere che c’è una Madre che da Lassù ci protegge dal primo all’ultimo istante della nostra vita mi dà grande conforto”.

Quando pensa a Maria, pensa anche a sua madre?

“Sinceramente è un accostamento che non ho mai fatto, ma che mi commuove. Devo a mia madre la mia educazione religiosa. Mio padre, anche perché fu fatto prigioniero in guerra, era arrabbiato con Dio. Lei invece è sempre stata sostenuta da una grande fede che le dava un’infinita dolcezza. Se ne è andata a 94 anni. E’ sempre stata orgogliosa del mio cammino nel mondo della musica. E adesso penso quanto sarebbe felice nel sapere che ho composto un Rosario in musica”.i

Suona sempre l’organo nella sua parrocchia di Mestre?

“Sì, alle Messe del sabato e della domenica mattina. Ora come dappertutto siamo stati costretti a sospendere le celebrazioni e questo mi sconcerta. Tutto mi sarei immaginato nella mia vita tranne di non poter andare a Messa. Non ci resta che pregare”.

I vostri commenti
0
scrivi
 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo
Collection precedente Collection successiva
FAMIGLIA CRISTIANA
€ 104,00 € 92,90 - 11%
CREDERE
€ 88,40 € 0,00 - 35%
MARIA CON TE
€ 52,00 € 39,90 - 23%
CUCITO CREATIVO
€ 64,90 € 43,80 - 33%
FELTRO CREATIVO
€ 23,60 € 18,00 - 24%
AMEN, LA PAROLA CHE SALVA
€ 46,80 € 38,90 - 17%
IL GIORNALINO
€ 117,30 € 91,90 - 22%
BENESSERE
€ 34,80 € 29,90 - 14%
JESUS
€ 70,80 € 60,80 - 14%
GBABY
€ 34,80 € 28,80 - 17%
GBABY
€ 69,60 € 49,80 - 28%