logo san paolo
sabato 06 giugno 2020
 
 

La preghiera, in dialogo con Dio

30/12/2012  «E' al tempo stesso bussola e nutrimento per un cammino sensato verso una meta sicura», dice padre Cesare Falletti, monaco cistercense. L'Anno della fede ci aiuta a riscoprirla.

Padre Cesare Falletti, monaco cistercense.
Padre Cesare Falletti, monaco cistercense.

Non è un atto magico né una tassa da pagare a Dio, per placarne l’ira. «La preghiera è frutto di un atto di fede, sigillo di un rapporto vitale con Colui che riconosciamo come creatore e compagno di strada». Padre Cesare Falletti è un monaco cistercense dallo sguardo terso. Dopo anni trascorsi nell’abbazia francese di Lérins,sull’isola di Saint-Honorat, in Costa azzurra,di fronte a Cannes, nel 1995 ha fondato in Piemonte il monastero Dominus Tecum di cui è priore, un avamposto spirituale aggrappato alle Alpi Cozie, a 900 metri d’altezza,sopra Bagnolo, in provincia di Cuneo.


«La preghiera è al tempo stesso bussola e nutrimento per un cammino sensato verso una meta sicura. È alzare lo sguardo per abbracciare un orizzonte meno angusto. È dialogo con Dio, fondamento di una relazione che nasce perdurare e coinvolgere». In un monastero riesce più facile... «Certamente l’organizzazione del tempo e degli spazi, il ritmo di vita e il modo di scandire le giornate sono modellati sulla preghiera. Al centro, poi, c’è il chiostro, un luogo chiuso verso l’esterno e aperto verso l’alto, come per invitare a cercare una libertà, un respiro profondo non nella dispersione delle cose, ma nell’Unico che in sé contiene tutto e tutti».


Questa foto e quella di copertina sono di Paolo Siccardi/Sync.
Questa foto e quella di copertina sono di Paolo Siccardi/Sync.

«Detto questo», prosegue padre Falletti, «va altresì sottolineato come la preghiera non sia un’esclusiva di noi monaci, ma patrimonio di tutti. Padre Thomas Merton, trappista americano, e Carlo Carretto, piccolo fratello di Gesù, hanno scritto pagine fondamentali su come ciascuno possa ritagliarsi momenti di autentica preghiera anche nelle metropoli convulse. Sono solo due esempi, tra i tanti possibili. Per tacere della preghiera che ha orientato e sostenuto l’impegno di credenti laici come Giuseppe Lazzati, Giorgio La Pira, Vittorio Bachelet».

Parole o Parola? «L’unica sorgente è la Sacra Scrittura», risponde padre Falletti. «Anche il Rosario discende da lì, perché l’Ave Maria è intessuta di risonanze bibliche e il Padre nostro è la preghiera per eccellenza che Gesù ci ha consegnato. In ogni caso pregare non è ripetere meccanicamente formule e litanie. Dio non si prende per assedio. Si conquista aprendo mente e cuore, con il confidente abbandono che un figlio ha nei confronti del padre».


Circa il come e il quando sia meglio pregare, nel Vangelo si trovano autorevoli indicazioni. «Gesù si ritirava da solo, nel cuore della notte, talvolta sul far dell’aurora. Silenzio e mattino presto: ecco le coordinate. Aprire la giornata pregando la parola di Dio colora in un determinato modo il lavoro, gli incontri, i pensieri e le parole».

C’è un ultimo aspetto, tutt’altro che secondario, che sta a cuore a padre Cesare Falletti.«Nessuno deve pensarsi tanto peccatore o tanto distante da Dio al punto da non sentirsi degno di pregare. Quante fughe davanti al Signore per paura che ci guarisca. Spesso siamo vinti dal timore di un futuro diverso. Strana contraddizione: ho paura di perdere ciò che detesto, esito a ricevere ciò che desidero.Gesù ci rivela, invece, il volto di un Dio che non viene a fare i conti, ma che ama in maniera incondizionata. Ha presente la scena finale di Teorema, un film di Pier Paolo Pasolini uscito nel ’68? C’è un uomo che attraversa correndo una terra deserta. È nudo. Urla. Mi pare incarni la situazione dell’umanità, oggi. Non vergogniamoci di partire da lì, se occorre. Lo fanno tanti Salmi. È preghiera».

I vostri commenti
1
scrivi

Stai visualizzando  dei 1 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo
    Collection precedente Collection successiva
    FAMIGLIA CRISTIANA
    € 104,00 € 92,90 - 11%
    CREDERE
    € 88,40 € 0,00 - 35%
    MARIA CON TE
    € 52,00 € 39,90 - 23%
    CUCITO CREATIVO
    € 64,90 € 43,80 - 33%
    FELTRO CREATIVO
    € 23,60 € 18,00 - 24%
    AMEN, LA PAROLA CHE SALVA
    € 46,80 € 38,90 - 17%
    IL GIORNALINO
    € 117,30 € 91,90 - 22%
    BENESSERE
    € 34,80 € 29,90 - 14%
    JESUS
    € 70,80 € 60,80 - 14%
    GBABY
    € 34,80 € 28,80 - 17%
    GBABY
    € 69,60 € 49,80 - 28%