logo san paolo
mercoledì 08 luglio 2020
 
dossier
 

Le bombe italiane continuano a uccidere in Yemen. Fino a quando?

08/12/2015  Nel Paese in guerra muoiono ogni giorno tre bambini. Dal marzo 2015 le vittime in totale sono 5.723. E chi bombarda è principalmente l’Arabia saudita. Anche con le bombe italiane, che continuano a partire dalla fabbrica della Rwm Italia in Sardegna. Il Governo, contro ogni evidenza, ripete che è «tutto regolare». Non è così. Ecco perché.

L’Arabia Saudita continua a bombardare lo Yemen. Il 2 dicembre, tre attacchi aerei hanno colpito a Taiz una clinica di Medici Senza Frontiere, che forniva cure d’emergenza ai civili sfollati. Nove feriti, compresi due operatori. Non è la prima volta: il 26 ottobre era stato raso al suolo l’ospedale di Haydan, sempre supportato dall’Ong.

In Yemen, per le Nazioni Unite i morti ammazzati sono 5.723 (di cui 2.615 civili) da marzo 2015. Tra i cadaveri ogni giorno si contano tre bambini. Per l’Onu, il 73% è colpito dagli attacchi della coalizione sunnita a guida saudita.

Save the Children ha appena pubblicato un report significativamente intitolato “Nessun luogo sicuro per i bambini dello Yemen”
. Si apre con la testimonianza di Raja’a, 7 anni: «Odio gli aerei. Stavo giocando in giardino quando il missile ha colpito la nostra casa. Mia mamma, mio fratello e mia sorella erano dentro». Ci sono rimasti.


Uno dei carichi di bombe in partenza dalla Sardegna. In copertina: le devastazioni dei bombardamenti in in Yemen (foto Save The Children).
Uno dei carichi di bombe in partenza dalla Sardegna. In copertina: le devastazioni dei bombardamenti in in Yemen (foto Save The Children).

Commesse autorizzate dal Governo italiano

Ora il Governo italiano dovrebbe rispondere a una semplice domanda: fino a quando bombe made in Italy continueranno a partire dall’Italia per rifornire l’aviazione saudita? Vengono prodotte in Sardegna e portate nel Golfo con voli dall’aeroporto di Cagliari.

Il ministro della Difesa Roberta Pinotti ha detto più volte: «È tutto regolare…», «Non sono ordigni italiani…», «Si tratta solo di transito…». Le armi sono prodotte dalla società Rwm Italia spa, iscritta al Registro delle imprese di Brescia con sede a Ghedi (BS) e stabilimento a Domusnovas (ex Sei, Sarda Esplosivi Industriali), provincia di Carbonia e Iglesias, di proprietà dell'azienda tedesca Rheinmetall.

«Gli ordigni», spiega Giorgio Beretta dell’Osservatorio Opal, «fanno parte della commessa da 62,3 milioni di euro per 3.950 bombe Mk83 autorizzata dal Governo italiano nel 2013, insieme alla vendita di 985 bombe Paveway IV sempre della Rwm Italia per 5,9 milioni, anche queste già consegnate. Nel 2014 la stessa ditta è stata autorizzata a vendere altre 1.260 Paveway per 15,2 milioni e 209 bombe Blu109 per 3 milioni, quasi tutte ancora da consegnare». L’assunzione di responsabilità della ministra Pinotti potrebbe far invidia a Ponzio Pilato.

I soccorsi a un ferito in Yemen.
I soccorsi a un ferito in Yemen.

Le leggi italiane vietano anche il transito di armi verso Paesi in guerra

  

Intanto, il suo collega degli Esteri Paolo Gentiloni ha detto che «rispettiamo gli embarghi e convenzioni sulle armi vietate», mentre il 4 dicembre il sottosegretario Benedetto Della Vedova ha perso un’ulteriore occasione per chiarire. Riferendo in Parlamento ad un’interrogazione urgente in materia, non è entrato nel merito, facendo invece riferimento alla Posizione Comune 204 del 2008 dell’Ue, che, non essendo una direttiva, non ha valore vincolante ma ribadisce che l’autorizzazione all’invio di armamenti è di competenza dei singoli governi, in base alle leggi nazionali. E cosa dice quella italiana, la numero 185 del 1990? È molto chiara: «Vieta espressamente», spiegano Rete Disarmo, Osservatorio Opal e Amnesty International, «non solo l’esportazione, ma anche il solo transito, il trasferimento intracomunitario e l’intermediazione di materiali di armamento “verso i Paesi in stato di conflitto armato” e “verso Paesi la cui politica contrasti con i principi dell’articolo 11 della Costituzione”». Insomma, non per Stati che bombardano ospedali come quello di Taiz, o radono al suolo case come quella di Raja’a.

Chiedono le tre associazioni: «I componenti dell’Esecutivo dovrebbero piuttosto rivolgere precise domande su queste spedizioni all’Unità Autorizzazioni Materiali d’Armamento incardinata presso la Farnesina». Ponendo la domanda, potrebbero far notare che la guerra dell’Arabia Saudita allo Yemen non ha alcun mandato internazionale.

Anzi, il 3 dicembre, dopo le bombe sull’ospedale di Taiz, il segretario dell’Onu Ban Ki-moon ha ripetuto «la condanna dei raid aerei compiuti dalla coalizione a guida saudita contro strutture e personale medico protetti dal diritto umanitario internazionale». Sempre «tutto regolare», ministro Pinotti?


Carichi di bombe in partenza dall'Italia verso l'Arabia.
Carichi di bombe in partenza dall'Italia verso l'Arabia.

E' saggio in epoca di terrorismo rifornire di armi l'Arabia saudita?

Inviare bombe a un Paese che le usa per un conflitto in cui si uccidono tre bambini al giorno è sbagliato per un cristiano («Maledetti coloro che operano per la guerra e le armi» dice il Papa) e illegale per le leggi italiane.

Ma, in tempi di guerra al terrorismo, converrebbe anche chiedersi se è “utile” rifornire di armi il Medio Oriente (nel quinquennio 2010-2014 la meta principale del made in Italy che spara) e l’Arabia Saudita, che negli ultimi dieci anni ha aumentato del 156% le spese militari. Già il 7 ottobre 2014, in un’intervista alla Cnn che scatenò un caso diplomatico, alla domanda aveva risposto il vicepresidente statunitense Joe Biden, dicendo: «Il nostro più grande problema sono i nostri alleati in Medio Oriente. Hanno riversato centinaia di milioni di dollari e migliaia di tonnellate di armi su chiunque combattesse contro Assad, a parte il fatto che le persone rifornite erano elementi di Al-Nusra, al-Qaeda e estremisti jihadisti provenienti da altre parti del mondo».

L’amicizia dell’Italia e dell’Occidente con la monarchia saudita, primo estrattore al mondo di greggio, è storica. All’inizio degli anni Settanta ha messo al riparo dalla crisi petrolifera del 1973. E dalla fine dello stesso decennio, l’asse con i sunniti è stato funzionale a contrastare l’Iran sciita dopo la rivoluzione khomeinista del 1979. In cambio, l’impunità nel finanziamento al terrorismo e di diritti umani. L’algerino Kamel Daoud ha scritto sul New York Times: «Il gruppo Stato islamico ha una madre: l’invasione dell’Iraq. Ma anche un padre: l’Arabia Saudita e la sua industria ideologica».


I vostri commenti
5
scrivi

Stai visualizzando  dei 5 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo
    Collection precedente Collection successiva
    FAMIGLIA CRISTIANA
    € 104,00 € 92,90 - 11%
    CREDERE
    € 88,40 € 0,00 - 35%
    MARIA CON TE
    € 52,00 € 39,90 - 23%
    CUCITO CREATIVO
    € 64,90 € 43,80 - 33%
    FELTRO CREATIVO
    € 23,60 € 18,00 - 24%
    AMEN, LA PAROLA CHE SALVA
    € 46,80 € 38,90 - 17%
    IL GIORNALINO
    € 117,30 € 91,90 - 22%
    BENESSERE
    € 34,80 € 29,90 - 14%
    JESUS
    € 70,80 € 60,80 - 14%
    GBABY
    € 34,80 € 28,80 - 17%
    GBABY
    € 69,60 € 49,80 - 28%