logo san paolo
martedì 02 giugno 2020
 
 

Ma l'Europa è ancora lontana

12/03/2020  Nessun intervento sul piano sanitario, promesse sul piano economico. Finora l'Unione europea - a parte qualche frase di circostanza - non ha fatto un gran che per sostenerci nella guerra al Coronavirus

“Siamo tutti italiani”, ci manda a dire la presidente della Commissione europea Ursula Von der Leyen in lingua italiana da Bruxelles, davanti a uno sfondo cartolina. “Siamo tutti italiani”, ma forse un po’ meno europei da quando è cominciata questa maledetta faccenda del Coronavirus.

Finora Bruxelles non ci ha particolarmente impressionati per come ci sta venendo incontro nei nostri giorni più bui e difficili, a parte qualche bella dichiarazione di circostanza. L’Europa batta un colpo, per favore.

Qualcuno ribatterà che in base alla lettera del Trattato di Lisbona la sanità è una competenza esclusiva degli Stati membri. Ma a parte il fatto che questo maledetto virus - come tutti i virus - se ne frega delle frontiere, esiste un articolo del Trattato di Lisbona – il 168 – che prevede un intervento dell’Unione per salvaguardare “la salute umana” in caso di “epidemie transfrontaliere”. In questi casi dunque l’Unione potrebbe intervenire, “incoraggiando la complementarietà dei servizi sanitari” ma – badate bene - coordinandosi con le decisioni dei Governi. Insomma, prima si debbono mettere d’accordo le Cancellerie, come si sul dire, dopodiché interviene la Commissione e gli altri complicati organi dell’Unione, come il Consiglio dell’Unione europea, il Parlamento Europeo e via articolando. Campa cavallo che il virus cresce.

Fino a questo momento non pare proprio che gli Stati membri si siano messi d’accordo su come affrontare il Covid-19. La Germania, ad esempio, che ha il “paziente zero” europeo, ha adottato una tecnica comunicativa opposta alla nostra, quella del “troncare e sopire” di manzoniana memoria. Quanto alla Francia, ha bloccato da giorni l’esportazione delle mascherine, giusto per far capire quanto ci tenga ai cugini d’Oltralpe. E quando abbiamo ufficialmente chiesto a un Paese membro questi strumenti preziosissimi per i nostri sanitari, che in questo momento sono merce rarissima quando non irreperibile, nessuna capitale d’Europa, dal Portogallo all’Islanda, si è fatta viva. Ognuno per sé e Dio per tutti. Un errore madornale – oltre che uno schifo - nella gestione di un’epidemia che rischia di trasformarsi in pandemia. Che sarebbe successo in Italia se ogni Regione si fosse comportata per proprio conto? Finora gli aiuti più concreti ci sono arrivati da un Paese extracomunitario, la Cina, che ha inviato mascherine, ventilatori e medici esperti di Covid 19 per venirci incontro.

In questo momento in Europa non si scorge un interesse comune nell’agire insieme. Siamo ancora agli appelli, come quello del ministro Speranza dopo aver lasciato il vertice straordinario dei ministri della Salute di Bruxelles. Dove, tanto per cambiare, a parte la foto opportunity e la rinuncia dimostrativa alle strette di mano, con la bella coreografia dei ministri che si battevano il gomito, non è venuto fuori nulla. "Questo è il momento della solidarietà globale e all'interno degli Stati membri, solo camminando di pari passo potremmo dare la risposta più efficace a questa crisi", ha affermato il commissario alla Salute Stella Kyriakides. Bla, bla, bla. In Europa l’egoismo dei Governi prevale ancora una volta, come ha prevalso nella gestione dei flussi degli immigrati e dei rifugiati.
Forse, al netto delle dichiarazioni di intenti e di circostanza, dovremmo ottenere maggiore solidarietà e considerazione dal punto di vista economico. La Commissione fa sapere che l’Unione stornerà dai calcoli del nostro bilancio e dal conseguente deficit programmatico – permettendoci di sforare - i miliardi di euro (per ora sono 25) spesi dall’Italia per combattere il virus. Ma “una tantum” si è affrettata a specificare la presidente Von der Leyen, quasi fossimo dei discoli che l’hanno fatta grossa ma siamo stati perdonati. E ci mancherebbe che ci facessero questioni per aver sforato sui parametri di Maastricht!

Ma quando tutto questo sarà finito, avremo bisogno di ben altro che stornare 25 miliardi necessari ai provvedimenti di emergenza e il beneplacito su un punto di Pil in più. Avremo bisogno di un vero e proprio piano Marshall per rivitalizzare un’economia che sarà inevitabilmente in ginocchio, anche se desiderosa di rialzarsi. E allora si vedrà quanto ancora conta quest’Europa.

 

 

 

 

I vostri commenti
0
scrivi
 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo
Collection precedente Collection successiva
FAMIGLIA CRISTIANA
€ 104,00 € 92,90 - 11%
CREDERE
€ 88,40 € 0,00 - 35%
MARIA CON TE
€ 52,00 € 39,90 - 23%
CUCITO CREATIVO
€ 64,90 € 43,80 - 33%
FELTRO CREATIVO
€ 23,60 € 18,00 - 24%
AMEN, LA PAROLA CHE SALVA
€ 46,80 € 38,90 - 17%
IL GIORNALINO
€ 117,30 € 91,90 - 22%
BENESSERE
€ 34,80 € 29,90 - 14%
JESUS
€ 70,80 € 60,80 - 14%
GBABY
€ 34,80 € 28,80 - 17%
GBABY
€ 69,60 € 49,80 - 28%