logo san paolo
mercoledì 20 novembre 2019
 
 

Ma quelle torri sono Dolomiti o grattacieli?

24/11/2010  Non piace a nessuno il logo scelto dalla Fondazione Dolomiti Unesco per rappresentare i "Monti pallidi" . E scoppia la polemica. L'ennesima.

Il logo contestato scelto dalla Fondazione Dolomiti Unesco.
Il logo contestato scelto dalla Fondazione Dolomiti Unesco.

  Non ce ne eravamo mai accorti: le Tre cime di Lavaredo, simboli naturali per eccellenza delle Dolomiti, in realtà, sono quattro. Forse in ossequio alla “par condicio” tra le quattro culture e lingue dolomitiche, il marchio scelto dalla Fondazione Dolomiti Unesco per simboleggiare la regione alpina appena entrata a far parte del "Patrimonio dell’umanità" raffigura qualcosa che assomiglia a quattro vette. Assomiglia appunto, ma molto alla lontana. Anzi, non ci assomiglia affatto.

A prima vista, infatti, quei quattro monoliti stilizzati bianchi su sfondo rosso che campeggiano sul logo vincitore del concorso sembrano più dei grattacieli diroccati che delle cime; richiamano alla mente quelle torri-alveare che delineano gli squallidi skyline di troppe periferie urbane, piuttosto che le ardite verticalità delle montagne più belle del mondo . Se non fosse per l’indicazione scritta sulla destra che traduce il termine “Dolomiti” nelle quattro lingue parlate in quest’area (italiano, tedesco, ladino e friulano) ammettiamolo, pochi capirebbero che si sta parlando di montagne. Per inciso, questo logo è stato ritenuto il migliore tra gli oltre quattrocento in gara.

Così sul marchio è precipitata, è il caso di dirlo, una vera e propria valanga di critiche: sono migliaia le firme già raccolte nel sito www.firmiamo.it che si propone di buttare a mare quel logo così poco evocante la bellezza mozzafiato dei "Monti pallidi". Reinhold Messner, che di design non è un esperto ma di cultura della montagna invece sì, non voleva crederci: “Pensavo fosse un disegno preparato per raffigurare New York”. Oliviero Toscani, che di alpinismo non macina molto, ma di immagine è maestro indiscusso, è stato ancor più caustico: “sembra un marchio di una carne in scatola”.

Gli albergatori dell'area hanno già deciso di "oscurarlo". Ma a bocciare il logo è addirittura l’autorità culturale massima per la montagna: il Club Alpino Italiano . Non c’è storia: le sezioni dolomitiche del Cai concordano sulla sua bruttezza. Insomma, una vera rivolta anti-logo e per la Fondazione un imbarazzante incidente di percorso. Non che la gestione della nuova area tutelata dall’Unesco fosse nata sotto auspici migliori: qualche mese fa le Province di Belluno, Trento e Bolzano s'erano già rese protagoniste di una stucchevole polemica sulla scelta della sede del comitato.

Alla fine, dopo liti e dispetti, la sede legale s’è deciso d'attribuirla a Belluno. E la presidenza? A rotazione tra le province coinvolte, in nome del principio di co-decision che, a naso, non garantisce risparmi gestionali. Insomma se le Dolomiti hanno bisogno di tutela, questo non è certo il modo migliore per cominciare a garantirla. E se proprio si voleva prendere a simbolo un gruppo dolomitico, visto che le province che danno il loro territorio a questi monti sono cinque, ci si poteva ispirare alle arcinote Cinque Torri. Ma a patto di tracciarne una silhouette che le rendesse distinguibili dai grattacieli di Manhattan. Un’impresa non impossibile. Comunque più semplice un passaggio di sesto grado sulla Grande di Lavaredo.

I vostri commenti
0
scrivi
 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo
Collection precedente Collection successiva
FAMIGLIA CRISTIANA
€ 104,00 € 92,90 - 11%
MARIA CON TE
€ 52,00 € 39,90 - 23%
CUCITO CREATIVO
€ 64,90 € 43,80 - 33%
CREDERE
€ 88,40 € 52,80 - 40%
FELTRO CREATIVO
€ 22,00 € 0,00 - 18%
BENESSERE
€ 34,80 € 29,90 - 14%
AMEN, LA PAROLA CHE SALVA
€ 46,80 € 38,90 - 17%
IL GIORNALINO
€ 117,30 € 91,90 - 22%
JESUS
€ 70,80 € 60,80 - 14%
GBABY
€ 34,80 € 28,80 - 17%
GBABY
€ 69,60 € 49,80 - 28%