logo san paolo
lunedì 09 dicembre 2019
 
Una grande donna
 

Malala torna in Pakistan sei anni dopo l'attentato

30/03/2018  Il premio Nobel per la pace è stata accolta con tutti gli onori dal primo ministro pachistano. Ma c'è anche chi ha protestato per la sua presenza

A sei anni dall’attentato subito per mano dei talebani il premio Nobel per la pace Malala Yousafzai, che ora a 20 anni e studia a Oxford, è tornata per la prima volta nella sua terra, il Pakistan, dove rimarrà  fino al 2 aprile. Aveva 14 anni quando due proiettili la raggiunsero alla testa all’uscita da scuola. Dopo le prime cure fu trasferita in Inghilterra, a Birmingham, dove fu più volte operata. I talebani l’avevano condannata a morte per la sua lotta a favore dell’istruzione che portava avanti sull radio in lingua urdu della Bbc. «Sognavo di tornare in Pakistan da cinque anni», ha dichiarato Malala durante un discorso pronunciato in occasione del suo incontro con il primo ministro pachistano Shahid Khaqan Abbasi. «Ho proseguito gli studi» nel Regno Unito», ha aggiunto, «ma ho sempre desiderato muovermi liberamente in Pakistan. Voglio investire nell'istruzione dei bambini». E poi, con le lacrime agli occhi: «Non riesco a credere di essere tornata nel mio Paese.  Nei miei tanti viaggi, quando in aereo o in auto arrivavo a New York o a Londra, mi dicevo: “Ecco immaginati che siamo giunti in Pakistan, che stiamo attraversando Islamabad, che questa è Karachi”. Ma non era mai vero». «Avevi 14 anni quando sei andata via, ed ora sei il cittadino più famoso di questo Paese» le ha risposto Abbasi. «Il mondo intero ti ha conferito onori e rispetto, e anche il Pakistan lo farà. Dopo la tua partenza  abbiamo combattuto una difficile guerra in cui 6.500 soldati, 25.000 agenti di polizia, paramilitari e civili hanno perso la vita. Abbiamo assestato duri colpi al terrorismo, ma ancora oggi 200.000 uomini lo stanno combattendo». I leader dei principali partiti politici si sono rallegrati per la visita e l'ex campione di cricket Imran Khan, ora alla guida di una formazione di opposizione, ha sostenuto che «essa rappresenta un segno della sconfitta dell'estremismo nel Paese». Non tutti in Pakistan hanno accolto con favore la sua visita. Kashif Mirza, presidente della Federazione delle scuole private pachistane, organismo che raggruppa 200.000 istituti, ha annunciato che  si terrà una “Giornata di lutto” per il ritorno in Pakistan di Malala Yousafzai. Mirza ha sostenuto che «in tutte le scuole, dove lavorano 1,5 milioni di insegnanti, sarà diffuso lo slogan “Io non sono Malala”, e sarà chiarito che nei suoi libri e discorsi lei ha operato contro il Pakistan, la sua Costituzione e gli insegnamenti islamici». L'iniziativa comunque si allinea con i settori che sono convinti che l'attività della giovane Premio Nobel sia diretta contro gli interessi del Pakistan 

I vostri commenti
4
scrivi

Stai visualizzando  dei 4 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo
    Collection precedente Collection successiva
    FAMIGLIA CRISTIANA
    € 104,00 € 92,90 - 11%
    MARIA CON TE
    € 52,00 € 39,90 - 23%
    CUCITO CREATIVO
    € 64,90 € 43,80 - 33%
    CREDERE
    € 88,40 € 52,80 - 40%
    FELTRO CREATIVO
    € 22,00 € 0,00 - 18%
    BENESSERE
    € 34,80 € 29,90 - 14%
    AMEN, LA PAROLA CHE SALVA
    € 46,80 € 38,90 - 17%
    IL GIORNALINO
    € 117,30 € 91,90 - 22%
    JESUS
    € 70,80 € 60,80 - 14%
    GBABY
    € 34,80 € 28,80 - 17%
    GBABY
    € 69,60 € 49,80 - 28%