logo san paolo
giovedì 02 aprile 2020
 
Cavour
 

Ministra Pinotti, non ricevere la Cavour

10/04/2014  L'8 aprile la nostra portaerei rientra a Taranto, dopo aver toccato una ventina di porti della penisola arabica e dell'Africa. Una missione per mostrare il miglior made in Italy, si era detto alla partenza, compreso l'“umanitario”, perché a bordo sono state ospitate anche Ong. Ma come mostrano le foto esclusive che pubblichiamo, il “meglio dell'Italia” portato in giro per il mondo sono state le nostre armi. Il nostro invito alla ministra della Difesa Pinotti: l'accoglienza sia un pontile vuoto.

Uno degli stand della Cavour durante il tour (le foto sono state scattate in uno dei porti africani).
Uno degli stand della Cavour durante il tour (le foto sono state scattate in uno dei porti africani).

Tutto inizia in una fabbrica anonima del Nord. Gesti meccanici, una fornace, un tornio. Poi la scatola di legno, il trasporto, la logistica che porta lontano, tra dock e navi cargo. È un clic a chiudere la storia: appare lo scenario africano, un bambino che guarda. Cade, morto. Il piano sequenza iniziale del film “The lord of war” è una lunga soggettiva di una pallottola. Una qualsiasi, presa dal mucchio di milioni di munizioni partite dalle fabbriche dell’Occidente e dell’Est europeo, finite nelle guerre - più o meno civili - del mondo.

Un tour virtuale, che spiega magnificamente cosa unisca una catena di montaggio con una morte innocente. In fondo il tour della Cavour è una riproposizione di questa particolare filiera. Nell’hangar normalmente destinato agli aerei da guerra, a fianco alla Federlegno e a un paio di onlus, ci sono gli stand delle fabbriche mortali. Dalla Beretta alla Finmeccanica, passando per i cannoni Oto Melara. È il made in Italy, bellezza.

Un biglietto da visita galleggiante costato milioni di euro, partito a novembre e sulla rotta di ritorno in questi giorni, con l’arrivo previsto per il prossimo 8 aprile a Taranto. Giusto in tempo per la Pasqua, così, tanto per non esagerare. C’è poco di umanitario nell’ultimo viaggio della nostra portaerei Cavour, e quasi nulla di difensivo. Vendere armi dove i conflitti macinano morti - questa è l’Africa in fondo per chi produce armamenti e per chi lo promuove - poco ha a che fare con la Costituzione. E quasi nulla con la legge del 1990, visto che il ruolo del ministero della Difesa dovrebbe essere quello di controllore e non di commesso viaggiatore.

Un altro degli stand della Cavour dedicati alla produzione italiana di armamento.
Un altro degli stand della Cavour dedicati alla produzione italiana di armamento.

Foto che non lasciano molto spazio all'immaginazione

Le foto che qualcuno ha scattato nell’hangar della portaerei italiana durante la sosta in uno dei tanti porti africani toccati nel war-tour - non diciamo il nome per tutelare la fonte - lascia poco spazio all’immaginazione. Lo stand della Beretta mostra fucili d’assalto e da cecchino; il grande spazio riservato alle società di Finmeccanica ospitano il materiale informativo su sistemi d’arma decisamente più pesanti. E i clienti? La nave ha ospitato un po’ di tutto, raccontano alcune fonti. Imprenditori, rappresentanti di governi, qualche curioso. Pochi i giornalisti, selezionatissimi. E pochissime le fotografie delle esposizioni delle armi, finanziate dagli sponsor ufficiali della missione.

Le prime immagini vennero pubblicate lo scorso 2 dicembre dal giornale di Abu Dabi (Emirati Arabi) The national (link: www.thenational.ae/business/in-pictures-aboard-the-italian-aircraft-carrier-cavour#image-7), smentendo clamorosamente l’ex ministro Mauro: in Parlamento l’allora capo della Difesa aveva assicurato che la Cavour non avrebbe venduto armi. Le foto che vi mostriamo sono probabilmente tra le pochissime pubblicate da un media italiano.

Mentre la Cavour era intenta nel tour africano, in Italia il governo è cambiato. Il nuovo ministro della Difesa Roberta Pinotti al momento sembra voler prendere una corretta distanza dal suo predecessore: «È stato fatto un errore - ha dichiarato durante un’intervista lo scorso 19 marzo - non c’è stato il passaggio in Parlamento. Io all’epoca ero sottosegretario, ma ma non sono stata coinvolta».

Tra pochi giorni per il suo governo ci sarà una sorta di prova del nove. Un pontile vuoto ad accogliere la nostra portaerei sarebbe il miglior segnale.

I vostri commenti
8
scrivi

Stai visualizzando  dei 8 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo
    Collection precedente Collection successiva
    FAMIGLIA CRISTIANA
    € 104,00 € 92,90 - 11%
    CREDERE
    € 88,40 € 0,00 - 35%
    MARIA CON TE
    € 52,00 € 39,90 - 23%
    CUCITO CREATIVO
    € 64,90 € 43,80 - 33%
    FELTRO CREATIVO
    € 23,60 € 18,00 - 24%
    AMEN, LA PAROLA CHE SALVA
    € 46,80 € 38,90 - 17%
    IL GIORNALINO
    € 117,30 € 91,90 - 22%
    BENESSERE
    € 34,80 € 29,90 - 14%
    JESUS
    € 70,80 € 60,80 - 14%
    GBABY
    € 34,80 € 28,80 - 17%
    GBABY
    € 69,60 € 49,80 - 28%