logo san paolo
domenica 07 giugno 2020
 
Esteri
 

Turchia, la morte in cella del giudice Teoman Gokce

04/04/2018  Dal fallito colpo di Stato del luglio 2016 non si ferma l'ondata di arresti. Già quattro i magistrati morti durante la detenzione. E intanto dietro le sbarre sono già oltre 90 mila le persone arrestate. Con l'accusa di "terrorismo" Erdogan silenzia l'opposizione

La stampa turca parla di infarto. Sarebbe morto così, qualche giorno fa, Teoman Gokce, ex membro del Consiglio Superiore della Magistratura turco. Detenuto nell’istituto di Sincan, dove era stato portato con l’accusa di far parte della rete golpista coinvolta nel fallito colpo di Stato del 2016 , Gokce è il quarto magistrato morto in carcere da quando è cominciata la pesante repressione del governo del presidente Erdogan.

Il Centro per la libertà di Stoccolma, che sta studiando i suicidi e le morti sospette in carcere dal luglio del 2016, ha rilevato un aumento dei casi soprattutto in quegli istituti dove è noto che siano praticate torture e pressioni psicologiche. In totale il Centro ne ha studiati 110.

In Italia, l’Associazione nazionale magistrati, che ha diffuso la notizia nel nostro Paese, ha espresso «la più ferma indignazione per la drammatica vicenda che si perpetua nel silenzio e che viola i più elementari principi democratici oltre che la dignità umana» e auspica «l’immediato intervento degli organi istituzionali italiani e internazionali affinché inducano il Governo turco al rispetto dei diritti umani e al ripristino della legalità».

Secondo i dati resi noti a marzo sono oltre novantamila – un migliaio solo nell’ultimo mese - le persone detenute con l’accusa di terrorismo e di affiliazione alla presunta rete golpista di Fethullah Gulen. Dalla data del fallito golpe è stato dichiarato uno stato di emergenza non più revocato e l’ondata di arresti non si è mai fermata.

A quanti sono agli arresti per il fallito golpe si stanno sommando adesso anche quanti esprimono dissenso per l’offensiva turca in Siria contro i curdi. In totale gli arresti superano quota 800. Agli arresti anche magistrati, professori e giornalisti. Con l’accusa di «propaganda terroristica», lo scorso mese erano stati fermati e poi rilasciati anche i vertici dell’Associazione nazionale medici, rei di aver lanciato l’allarme sui rischi per la popolazione civile delle offensive militari.

 

I vostri commenti
3
scrivi

Stai visualizzando  dei 3 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo
    Collection precedente Collection successiva
    FAMIGLIA CRISTIANA
    € 104,00 € 92,90 - 11%
    CREDERE
    € 88,40 € 0,00 - 35%
    MARIA CON TE
    € 52,00 € 39,90 - 23%
    CUCITO CREATIVO
    € 64,90 € 43,80 - 33%
    FELTRO CREATIVO
    € 23,60 € 18,00 - 24%
    AMEN, LA PAROLA CHE SALVA
    € 46,80 € 38,90 - 17%
    IL GIORNALINO
    € 117,30 € 91,90 - 22%
    BENESSERE
    € 34,80 € 29,90 - 14%
    JESUS
    € 70,80 € 60,80 - 14%
    GBABY
    € 34,80 € 28,80 - 17%
    GBABY
    € 69,60 € 49,80 - 28%