logo san paolo
lunedì 20 maggio 2019
 
Attentato
 

Nuova Zelanda: massacro in due moschee

15/03/2019  Almeno 49 morti e 48 feriti dopo l'assalto di un commando armato. Quattro persone arrestate. Uno dei killer ha filmato la strage

La Nuova Zelanda è sotto shock in quello che il primo ministro Jacinda Ardern ha definito “uno dei giorni più neri della nostra storia”. Un gruppo di persone armate ha sparato sui fedeli che riempivano due moschee nella città di Christchurch. È stato un massacro. Il bilancio è di 49 morti e di 48 feriti. Otto persone sono state uccise nella moschea di Linwood Avenue , 41 nella moschea vicino ad Hagley Park. Molti feriti sono in gravi condizioni.

La polizia ha arrestato 4 persone (3 uomini e una donna), ma si sospetta che altri membri del commando siano ancora in circolazione. Uno dei killer aveva una telecamera sull’elmetto è ha trasmesso il massacro in diretta streaming, con un video della durata di 17 minuti. La polizia ha ordinato la chiusura di tutte le moschee della città nel timore di altri attentati. Il premier neozelandese ha aggiunto che gli eventi di Christchurch sono chiaramente “un evento terroristico”.

Uno dei killer è di nazionalità australiana e da tempo aveva dichiarato la sua appartenenza a gruppi di estrema destra islamofobi e anti immigrati.

Christchurch, con  367 mila abitanti, è la terza città della Nuova Zelanda e si trova nel Sud del Paese.

I vostri commenti
0
scrivi
 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo