logo san paolo
lunedì 06 luglio 2020
 
dossier
 

Obama e Putin, alleati per forza

29/09/2015  Il fallimento americano in Medio Oriente lascia spazio di manovra al Cremlino. Ma per sconfiggere l'Isis...

L'impacciato saluto tra Obama e Putin a New York (Reuters).
L'impacciato saluto tra Obama e Putin a New York (Reuters).

Ammettiamolo: sa un po' di resa. La dichiarazione con cui Barack Obama si è presentato al summit dell'Onu contro il terrorismo, a New York, avvia la rottamazione della sua politica per la Siria. Il presidente Usa, infatti,si è detto disposto a “lavorare con tutte le parti, incluse Russia e Iran”, per trovare una soluzione politica alla guerra in Siria. Così, nel giro di poche settimane, si è passati da una situazione in cui Usa e Arabia Saudita erano padroni assoluti del fronte anti-Isis a una in cui pure la Russia (fumo negli occhi per gli Usa) e l'Iran (fumo negli occhi per l'Arabia Saudita) sono i benvenuti.

Nel frattempo la Russia, infischiandosene degli ammonimenti della Casa Bianca, ha riarmato il regime di Assad, ha portato in Siria un suo piccolo contingente e a cominciato a lavorare sull'idea di una coalizione mondiale anti-Isis che si preoccupi prima di estirpare l'islamismo e poi, solo poi, di cacciare Assad. Idea che sta piacendo a molti, Italia e Germania comprese.

Il problema di Obama è semplice: nulla di quanto aveva predisposto ha funzionato. La Casa Bianca voleva tenersi alla larga dalla Siria, e infatti non intervenne all'inizio del conflitto, nel 2011, quando anche il regime di Damasco fu investito dal vento della Primavera Araba. Lasciò mano libera all'Arabia Saudita, che cominciò ad armare e finanziare la guerriglia islamista. In quel momento gli Usa si illudevano di formare un'opposizione ad Assad moderata e illuminata, e abbiamo visto com'è finita: l'Isis si è preso un territorio grande quasi come l'Italia.

Poi è partita la coalizione americo-saudita per combattere l'Isis. Un po' di bombardamenti che hanno fermato l'Isis sul fronte iracheno, lasciandolo però libero di fare ciò che vuole in Siria, sempre nella speranza che facesse fuori Assad. Che invece resiste, seguito da un pezzo di Paese che ancora lo preferisce ai tagliagole con la bandiera nera. Nel frattempo il Paese è sprofondato e il conto dei morti e dei profughi è diventato astronomico.

Putin, cinico e freddo, è partito in contropiede. Ha aspettato che la strategia di Obama cominciasse a franare (e le colonne di profughi disposti a tutto pur di arrivare in Europa ha avuto il suo peso) e ha mosso le sue pedine. Ma non illudiamoci, nemmeno lui ha così a cuore la sorte dei siriani. Per lui, tenere un piede in Medio Oriente, agganciato al carro dei Paesi musulmani sciiti (l'Iran, soprattutto), vuol dire soprattutto avere carte da giocare nell'infinito mercanteggiamento tra le potenze. Gli Usa gli hanno fatto un bruttissimo scherzo in Ucraina, lui ha replicato in Crimea, nel Donbass e, adesso, in Ucraina.

 

I vostri commenti
9
scrivi

Stai visualizzando  dei 9 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo
    Collection precedente Collection successiva
    FAMIGLIA CRISTIANA
    € 104,00 € 92,90 - 11%
    CREDERE
    € 88,40 € 0,00 - 35%
    MARIA CON TE
    € 52,00 € 39,90 - 23%
    CUCITO CREATIVO
    € 64,90 € 43,80 - 33%
    FELTRO CREATIVO
    € 23,60 € 18,00 - 24%
    AMEN, LA PAROLA CHE SALVA
    € 46,80 € 38,90 - 17%
    IL GIORNALINO
    € 117,30 € 91,90 - 22%
    BENESSERE
    € 34,80 € 29,90 - 14%
    JESUS
    € 70,80 € 60,80 - 14%
    GBABY
    € 34,80 € 28,80 - 17%
    GBABY
    € 69,60 € 49,80 - 28%