logo san paolo
venerdì 03 aprile 2020
 
 

Pakistan: le armi fatte in casa

05/05/2011  Viaggio a Peshawar e dintorni, là dove vengono prodotte clandestinamente armi d'ogni calibro e marca. Anche italiane. Tempo dieci giorni, ed ecco un mitra pronto a sparare.

Peshawar, Pakistan

La produzione e la vendita di armi è un grande affare in Pakistan. Per cercare di capire meglio il fenomeno conviene venire fin qui, a Peshawar, la capitale della North West Frontier Province.  Bisogna allontanarsi in auto dal caotico centro cittadino cercando di non alimentare sospetti ai numerosi check-point presidiati dalla polizia e dall'esercito. A pochi chilometri dalla città, occorre imboccare una via chiusa, sterrata, tanto anonima e desolata quanto polverosa. In fondo, sulla destra, ecco un piccolo capannone chiuso da un portone d’acciaio.

All’interno, appena entrati, sulla destra, c'è  un piccolo ufficio con una scrivania dove due uomini accolgono il visitatore e lo fanno accomodare. Viene offerto un té. Un controllo accurato del passaporto è sufficiente per avere l'agognato disco verde. E' possibile visitare la struttura in piena libertà. Una porta si apre su un piccolo cortile, cui fanno corona  alcune stanze. Si tratta di locali piccoli, sporchi, con postazioni di lavoro a terra ben distinte su ambo i lati, ciascuna delle quali ha a disposizione una morsa e pochi semplici strumenti di lavoro: lime, martelli, seghetti. Gli operai al lavoro salutano con fare cordiale.  E’ tutto molto chiaro ed esplicito, qui si costruiscono armi. La presenza di un estraneo è per qualcuno l’occasione per concedersi una piccola pausa.

«Non facciamo solo pistole, facciamo di tutto, siamo in grado di riprodurre fedelmente ogni arma sul mercato», vien detto con orgoglio. Per vincere dubbi e incredulità, mani veloci  scartano due mitragliatori imballati con cura, pronti per essere consegnati ad un cliente. «Questi sono MP5, ma se tu volessi un AK47, un Kalashnikov, un M16… non ci sono problemi, davvero». I tempi di produzione delle armi variano, di norma in una decina di giorni viene duplicata l’arma originale, in seguito occorrono 2-3 giorni per realizzarne una copia. Nessuna delle armi prodotte viene contrassegnata da un numero di matricola o registrata. Succede in questo capannone come nelle altre realtà del tutto simili della zona, e questo fa ben capire quanto alto possa il numero delle armi non censite in circolazione in Pakistan: si stima che siano oltre 40 milioni in tutto il Paese, ma è una cifra  approssimativa e priva di ogni riscontro oggettivo.

Nessuna delle armi prodotte viene contrassegnata da un numero di matricola o registrata. Succede in questo capannone come nelle altre realtà del tutto simili della zona, e questo fa ben capire quanto alto possa il numero delle armi non censite in circolazione in Pakistan: si stima che siano oltre 40 milioni in tutto il Paese, ma è una cifra  approssimativa e priva di ogni riscontro oggettivo.

A un certo punto l'attenzione cade su un pezzo in lavorazione dalla sagoma inconfondibile: è proprio un’italianissima Beretta 92F. «Ne facciamo tante di queste». Artigiani buttati a terra, in stanze buie, con l’ausilio delle loro mani e di pochi altri semplici attrezzi producono pistole e armi da guerra a prezzi stracciati. Il lavoro riprende a pieno ritmo, c’è chi fa andare una pressa, chi salda, chi usa una fresatrice…  

I vostri commenti
0
scrivi
 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo
Collection precedente Collection successiva
FAMIGLIA CRISTIANA
€ 104,00 € 92,90 - 11%
CREDERE
€ 88,40 € 0,00 - 35%
MARIA CON TE
€ 52,00 € 39,90 - 23%
CUCITO CREATIVO
€ 64,90 € 43,80 - 33%
FELTRO CREATIVO
€ 23,60 € 18,00 - 24%
AMEN, LA PAROLA CHE SALVA
€ 46,80 € 38,90 - 17%
IL GIORNALINO
€ 117,30 € 91,90 - 22%
BENESSERE
€ 34,80 € 29,90 - 14%
JESUS
€ 70,80 € 60,80 - 14%
GBABY
€ 34,80 € 28,80 - 17%
GBABY
€ 69,60 € 49,80 - 28%