logo san paolo
sabato 06 giugno 2020
 
SANTA MARTA
 

«I pastori devono accompagnare il popolo di Dio in questa crisi»

13/03/2020  «Le misure drastiche non sempre sono buone», ha anche aggiunto il Pontefice. Francesco ha continuato a pregare per i malati ma anche per vescovi e sacerdoti perché adottino iniziative che non lascino da soli i fedeli e li sostengano col conforto della Parola di Dio, dei sacramenti e della preghiera

Papa Francesco mentre celebra a Santa Marta. Foto Ansa. Sotto: il Santo Padre lascia la cappella. Foto Ansa. Sopra: durante l'omelia. Foto Vatican Media
Papa Francesco mentre celebra a Santa Marta. Foto Ansa. Sotto: il Santo Padre lascia la cappella. Foto Ansa. Sopra: durante l'omelia. Foto Vatican Media

Quinta Messa in una cappella di Santa Marta deserta. Quinta Messa trasmessa in streaming e offerta per chi soffre a causa del Coronavirus. «In questi giorni ci uniamo agli ammalati, alle famiglie, che soffrono questa pandemia», ha ribadito papa Francesco. «E vorrei anche pregare oggi per i pastori che devono accompagnare il popolo di Dio in questa crisi: che il Signore gli dia la forza e anche la capacità di scegliere i migliori mezzi per aiutare. Le misure drastiche non sempre sono buone, per questo preghiamo. Perché lo Spirito Santo dia ai pastori la capacità e il discernimento pastorale affinché provvedano misure che non lascino da solo il santo popolo fedele di Dio. Che il popolo di Dio si senta accompagnato dai pastori e dal conforto della Parola di Dio, dei sacramenti e della preghiera”.

Il Papa, ovviamente, non si riferiva alle misure prese dal Governo per contenere i contagi evitando gli assembramenti pubblici, ma si rivolgeva ai pastori affinché tengano conto delle esigenze dei fedeli che hanno bisogno di essere accompagnati spiritualmente in un momento così drammatico. «Il popolo deve sempre custodire nella memoria che è un popolo eletto, la promessa per guardare avanti con speranza e l’alleanza per vivere ogni giorno la fedeltà», ha aggiunto Jorge Mario Bergoglio (che proprio oggi festeggia il settimo annniversario dell'elezione al soglio pontificio) commentando la parabola dei vignaioli omicidi, che al contrario hanno dato luogo ad una «storia di infedeltà, di infedeltà alla elezione, di infedeltà alla promessa, di infedeltà all’alleanza, che è un dono».

 

«L’elezione, la promessa e l’alleanza sono un dono di Dio», ha spiegato il Papa: «L’infedeltà al dono di Dio è non capire che era un dono e prenderlo come proprietà. E il dono che è ricchezza, è apertura, è benedizione, è stato chiuso, ingabbiato in una dottrina di leggi, tante. È stato ideologizzato. E così il dono ha perso la sua natura di dono, è finito in una ideologia. Soprattutto in un’ideologia moralistica piena di precetti, anche ridicola perché scende alla casistica per ogni cosa. Si sono appropriati del dono. Questo è il grande peccato. È il peccato di dimenticare che Dio si è fatto dono lui stesso per noi, che Dio ci ha dato questo come dono e, dimenticando questo, diventare padroni. E la promessa non è già promessa, l’elezione non è già elezione: ‘L’alleanza va interpretata secondo il mio parere, ideologizzata’. Qui, in questo atteggiamento, io vedo forse l’inizio, nel Vangelo, del clericalismo, che è una perversione, che rinnega sempre l’elezione gratuita di Dio, l’alleanza gratuita di Dio, la promessa gratuita di Dio. Dimentica la gratuità della rivelazione, dimentica che Dio si è manifestato come dono, si è fatto dono per noi e noi dobbiamo darlo, farlo vedere agli altri come dono, non come possesso nostro».

«Il clericalismo non è una cosa solo di questi giorni, la rigidità non è una cosa di questi giorni, già al tempo di Gesù c’era», ha puntualizzato il Papa: «Chiediamo oggi al Signore la grazia di ricevere il dono come dono e trasmettere il dono come dono non come proprietà, non di un modo settario, di un modo rigido, di un modo clericalista».

I vostri commenti
0
scrivi
 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo
Collection precedente Collection successiva
FAMIGLIA CRISTIANA
€ 104,00 € 92,90 - 11%
CREDERE
€ 88,40 € 0,00 - 35%
MARIA CON TE
€ 52,00 € 39,90 - 23%
CUCITO CREATIVO
€ 64,90 € 43,80 - 33%
FELTRO CREATIVO
€ 23,60 € 18,00 - 24%
AMEN, LA PAROLA CHE SALVA
€ 46,80 € 38,90 - 17%
IL GIORNALINO
€ 117,30 € 91,90 - 22%
BENESSERE
€ 34,80 € 29,90 - 14%
JESUS
€ 70,80 € 60,80 - 14%
GBABY
€ 34,80 € 28,80 - 17%
GBABY
€ 69,60 € 49,80 - 28%