logo san paolo
mercoledì 17 ottobre 2018
 
 

Papa, su Twitter lo seguono in 22 milioni

17/07/2015  Effetto Sudamerica: in 42 giorni un altro milione di persone ha deciso di seguire l'account @Pontifex. Lo spagnolo, con 9.347.116 di follower, è la lingua più utilizzata; seguono l’inglese (6.586.373) e l’italiano (2.912.635).

Papa Benedetto XVI posta il primo tweet il 12 dicembre 2012. Foto Reuters.
Papa Benedetto XVI posta il primo tweet il 12 dicembre 2012. Foto Reuters.

«Effetto Sudamerica sull’account @Pontifex di Twitter. Si è appena concluso il viaggio apostolico di Francesco in Ecuador, Bolivia e Paraguay e i follower del Papa - nelle nove lingue in cui si distribuisce l’account - hanno oltrepassato i ventidue milioni. E questo a quarantadue giorni di distanza da quello in cui si era toccata quota ventuno milioni». Lo scrive L’Osservatore Romano e lo rilancia l'agenzia di stampa Sir. «Il grande impatto a livello mondiale avuto sul social network dalla visita del Papa nei tre Paesi sudamericani è evidente - prosegue il giornale -. Commenti, discussioni, retweet si sono rincorsi nella rete, alimentati dalla diffusione dei discorsi del Pontefice e dalle immagini postate dagli organi d’informazione, ma anche da chi si trovava fra i milioni di fedeli che nei giorni scorsi hanno seguito Francesco».

Nella settimana fra il 5 e il 13 luglio la media dei nuovi follower ogni ventiquattr’ore è cresciuta notevolmente passando da venti a ventinovemila. Lo spagnolo, naturalmente, con ben 9.347.116 di follower è la lingua più utilizzata per connettersi all’account del Papa; seguono l’inglese (6.586.373) e l’italiano (2.912.635). E anche l’account Twitter de L’Osservatore Romano (@oss_romano), in concomitanza con il viaggio, ha registrato un aumento di rilievo superando, al momento, le quarantacinquemila unità.

I vostri commenti
1
scrivi

Stai visualizzando  dei 1 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo