logo san paolo
mercoledì 27 gennaio 2021
 
 

Pax Christi: «Caro Renzi, non nel nostro nome»

28/07/2015  Il movimento cattolico per la pace si dice sconcertato e in profondo dissenso con le posizioni del Premier espresse durante la sua visita in Israele. Posizioni, dice Pax Christi, sbilanciate verso gli interessi dello Stato ebraico e indifferenti alle sofferenze del popolo palestinese. Forse perché, aggiunge, «il nostro Paese è un grande fornitore di sistemi d’arma a Israele».

«Perplessità, sconcerto e dissenso. È il minimo che possiamo dire dopo aver ascoltato i discorsi pronunciati dal nostro Presidente del Consiglio, a nostro nome, in Israele».

È un duro atto d'accusa quello lanciato dal movimento Pax Christi. In un momento di forte tensione, a un anno dal tragico conflitto nella striscia di Gaza che ha causato più di 2.000 morti e proprio mentre a Gerusalemme riesplodono gli scontri tra esercito e manifestanti palestinesi, il movimento punta il dito contro il nostro Governo e dà un giudizio fortemente critico sulla recente visita del premier Renzi in Israele. «I commentatori», si legge in un comunicato, «non ricordano un Capo di Stato che negli ultimi anni si sia recato in Israele e Palestina senza far riferimento all'occupazione militare».

A Renzi viene rimproverato un atteggiamento politico pesantemente sbilanciato verso gli interessi dello Stato ebraico e indifferente alle sofferenze del popolo palestinese. Ad accendere la polemica è, in particolare, la presa di posizione del Premier sul boicottaggio dei prodotti israeliani, una campagna internazionale che punta a colpire economicamente le aziende ritenute più o meno direttamente collegate con l'occupazione dei territori palestinesi.

In Italia come all'estero la campagna, lanciata nel 2005 prendendo a modello il movimento contro l'apartheid sudafricano, ha suscitato reazioni contrastanti: «Chi pensa di boicottare Israele», queste le parole pronunciate da Renzi, «non si rende conto di boicottare se stesso, di tradire il proprio futuro. L'Italia sarà sempre in prima linea nel forum europeo e internazionale contro ogni forma di boicottaggio sterile e stupido».

Ben diversa la linea di Pax Christi, secondo cui il cosiddetto Bds (Boicottaggio, Disinvestimento, Sanzioni) è invece un'azione da sostenere, poiché non si tratta di vendetta, ma di uno strumento pacifico. A sostegno di questa tesi viene citato un appello dei Capi delle chiese cristiane a Gerusalemme Kairos Palestina: «Il Bds è un’azione seria per raggiungere la pace giusta e definitiva, la fine del male esistente, la liberazione sia degli oppressori che delle vittime dell’ingiustizia».

L'Italia è un grande fornitore di sistemi d’arma a Israele

Non è certo la prima volta che il movimento, da sempre impegnato per la pace e portatore di un pensiero controcorrente, si scaglia contro gli enormi interessi economici in gioco e l'atteggiamento contraddittorio dei nostri Governi. Già nel luglio 2014, all'inizio della guerra a Gaza, Pax Christi, insieme con le altre realtà aderenti alla Rete Disarmo, aveva chiesto all'Italia di sospendere immediatamente le esportazioni di armi verso Israele, visto che la nostra legislazione proibisce la cessioni di materiali bellici a Paesi in stato di conflitto armato o che si siano resi responsabili di gravi violazioni dei diritti umani.

A distanza di un anno, tristemente, la situazione non sembra essere mutata: «Forse gli italiani comprenderebbero meglio il perché di questo squilibrato e astratto abbraccio allo Stato responsabile dell'attuale apartheid, se qualche media avesse rivelato che il nostro Paese è un grande fornitore di sistemi d’arma a Israele».

Per questo «vorremmo che il premier Renzi spiegasse in Parlamento come mai, nonostante la recente condanna da parte della Commissione Onu per possibili crimini di guerra a Gaza, l’Italia continui a inviare materiale bellico, come gli aerei M346, a Israele».

I vostri commenti
19
scrivi

Stai visualizzando  dei 19 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo
    Collection precedente Collection successiva
    FAMIGLIA CRISTIANA
    € 104,00 € 0,00 - 11%
    CREDERE
    € 78,00 € 57,80 - 26%
    MARIA CON TE
    € 52,00 € 39,90 - 23%
    CUCITO CREATIVO
    € 64,90 € 43,80 - 33%
    FELTRO CREATIVO
    € 23,60 € 18,00 - 24%
    AMEN, LA PAROLA CHE SALVA
    € 46,80 € 38,90 - 17%
    IL GIORNALINO
    € 117,30 € 91,90 - 22%
    BENESSERE
    € 34,80 € 29,90 - 14%
    JESUS
    € 70,80 € 60,80 - 14%
    GBABY
    € 34,80 € 28,80 - 17%
    GBABY
    € 69,60 € 49,80 - 28%
    I LOVE ENGLISH JUNIOR
    € 69,00 € 49,90 - 28%
    PAROLA E PREGHIERA
    € 33,60 € 33,50
    VITA PASTORALE
    € 29,00
    GAZZETTA D'ALBA
    € 62,40 € 53,90 - 14%