logo san paolo
martedì 16 luglio 2019
 
medio oriente
 

Pizzaballa: «La situazione dei cristiani in Siria, Iraq ed Egitto è una completa tragedia»

19/12/2016  Monsignor Pierbattista Pizzaballa, amministratore apostolico del Patriarcato latino di Gerusalemme, nella sua prima conferenza stampa, in occasione del Natale, lancia l’allarme: «In queste terre, origine della nostra civiltà, il ciclo vizioso della violenza che è all'opera sembra senza speranza e senza fine. Abbiamo visto tutti le immagini di Aleppo. Siria e Iraq sono distrutti». Sul conflitto isreaelo-palestinese: «Odio e violenza prevalgono sulla ragione e il dialogo»

«La situazione dei cristiani in Siria, Iraq e Egitto è una completa tragedia». Al suo primo messaggio natalizio come Amministratore apostolico del Patriarcato Latino di Gerusalemme, monsignor Pierbattista Pizzaballa, ha denunciato con forza la drammatica realtà del mondo cristiano in un Medio Oriente in fiamme. Insediatosi dopo la nomina di papa Francesco nello scorso giugno e profondo conoscitore della realtà della regione come Custode di Terra Santa per 12 anni, dal 2004 al 2016, mons. Pizzaballa ha sottolineato in una conferenza stampa davanti ai giornalisti nella sede del Patriarcato a Gerusalemme che «in quei paesi, culla della nostra civiltà, il circolo vizioso della violenza in corso sembra senza speranza e senza fine. Tutti noi abbiamo visto le immagini di Aleppo della scorsa settimana, ma anche di tutta la regione durante i lunghi anni del conflitto. Siria e Iraq sono distrutti». E ha indicato i responsabili: «Queste guerre terribili sono guidate dal commercio delle armi, dal gioco degli interessi delle potenze, da un fondamentalismo senza tregua. La pace dovrebbe implicare negoziati politici e soluzioni. L'esercito può vincere la guerra, ma per costruire occorrono le politiche». E «gli unici a pagare un prezzo alto, troppo alto» sono, ha ammonito, «i poveri, quelli senza potere».

«Gaza prigione a cielo aperto»

Poi ha scandito la situazione Paese per paese: a cominciare dalla Giordania dove domenica c'è stato un attentato terroristico a Karak. «Che anche lì sia entrato il virus fondamentalista non è una novità... ma bisogna lavorare molto nel campo dell'educazione e dello sviluppo, altrimenti tutta quella frustrazione tra i giovani porterà ad altre e più gravi forme di fondamentalismo». Ed ecco l'Egitto: «La comunità cristiana - ha detto mons. Pizzaballa dopo aver ricordato il recente attacco ai copti del Cairo - è senza soste sotto minaccia». Ma la responsabilità è anche della Chiesa: «Dobbiamo combattere povertà e ingiustizia».

Anche in Terra Santa la situazione riecheggia «il fondamentalismo e l'estremismo che il mondo fronteggia» ed il peggio,  ha osservato,  è che questi fenomeni «stanno mettendo radici tra i giovani». Le scuole cattoliche in Israele, ha proseguito Pizzaballa, stanno passando «attraverso una crisi senza precedenti e non ci sono state offerte finora soluzioni concrete».

Sul conflitto tra Palestinesi e Israeliani ha parlato di «futuro appannato»: come risultato della mancanza di unità e di visione da entrambe le parti «sembra che l'odio e la violenza - ha detto prima di citare il muro costruito al Cremisan, vicino Betlemme - stiano prevalendo sulla ragione e il dialogo». E Gaza», ha aggiunto, «è una prigione a cielo aperto». Ma, a suo avviso, si possono vedere alcune luci all'orizzonte e che nonostante tutto la speranza non deve essere persa, sopratutto grazie alla guida e alla predicazione di papa Francesco: «Il Pontefice - ha detto - è l'unica voce chiara e profetica che possiamo sentire. Il suo messaggio è universale».

I vostri commenti
21
scrivi

Stai visualizzando  dei 21 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo
    Collection precedente Collection successiva
    FAMIGLIA CRISTIANA
    € 104,00 € 92,90 - 11%
    MARIA CON TE
    € 52,00 € 39,90 - 23%
    CUCITO CREATIVO
    € 64,90 € 43,80 - 33%
    CREDERE
    € 78,00 € 52,80 - 32%
    FELTRO CREATIVO
    € 22,00 € 0,00 - 18%
    BENESSERE
    € 34,80 € 29,90 - 14%
    AMEN, LA PAROLA CHE SALVA
    € 46,80 € 38,90 - 17%
    IL GIORNALINO
    € 117,30 € 91,90 - 22%
    JESUS
    € 70,80 € 60,80 - 14%
    GBABY
    € 34,80 € 28,80 - 17%
    GBABY
    € 69,60 € 49,80 - 28%